SHARE

Palma di Maiorca – Undici prove portate a termine per le classi ORC-IRC, 12 per gli X 35 e i J80, 8 per i Tp 52 e 10 per i Soto 40, tutte corse in condizioni medie di vento leggero: è questo il bilancio della Copa del Rey 2015 che, ancora una volta, e con qualche sorpresa, sorride alle barche italiane che vanno sul podio in diverse classi. Andiamo a vedere come è andata in tutte le categorie.

In ORC 1 Vittoria per lo Swan 45 italiano BMW Sail Racing Academy
In ORC 1 Vittoria per lo Swan 45 italiano BMW Sail Racing Academy

Tp 52

Azzurra arrivava da favorita, ma la classe Tp 52 sta vivendo una seconda giovinezza come numeri e livello tecnico e era ovvio che riconfermarsi dopo la vittoria mondiale non sarebbe stato semplice. Azzurra chiude al secondo posto, dopo avere però subito la rimonta prepotente di Quantum. Fino alla quinta prova Azzurra era saldamente al comando, poi il parziale 2-1-1 degli americani contro il 6-5-5 di Azzurra ha ribaltato la situazione dando la vittoria a Quantum con tre punti di margine, terzo posto per Platoon. Per Azzurra l’ennesima prestazione da podio che la conferma al top della classe.

X 35

Lelagain di Alessandro Solerio arrivava a Palma dopo avere vinto l’ultima edizione e l’inizi sembrava un proseguo del 2014, ma il finale è stato diverso. Red Electrica de Espana di Javier Sanz con uno score imprssionante di 4-2-1-1-1-1-2-1-2-4-2-3 ha messo in chiaro le cose, andando a vincere con ben 17 punti di vantaggio proprio davanti la barca italiana, terzo posto per Benalbadena.

ORC 1

Dopo una settimana all’inseguimento dopo il 12-7-5 nelle prime tre prove, ma sempre in scia agli avversari,lo Swan 45 italiano BMW Sail Racing Academy di Vittorio Codecasa con a bordo Simone Ferrarese, compie l’impresa a Palma andando a vincere con solo mezzo punto di vantaggio la clsse ORC 1. Decisiva la vittoria nell’ultima prova, quel primo posto che mancava per completare una rimonta notevolissima. Il podio è completato dagli Swan 45 Elena Nova e Early Bird.

ORC 2

Quattro Sinergia 40 ai primi quattro posti: la vittoria va a Movistar di Pedro Camapos, davanti a Elite Sails e L’Immens. La migliore barca italiana è il Dufour34 Northern Light di Fabio Bignolini che chiude una buona Copa del Rey in undicesima posizione.

IRC 0

Dieci vittorie in altrettante regate per il minimaxi 72 Ran V di Sakellaris in un raggruppamento dove non c’è stata storia. Secondo posto per il Nauta 78 Artic Energy, terzo per il Volvo 70 L4.

IRC 1

Si impone il Tp 52 Mamma Aiuto del giapponese Naofumi Kamei. Anche in questa classe non erano presenti barche italiane, il podio è completato dal Ker 43 Otra Vez e dal Gp 42 Team Vision Future.

Soto 40

Vittoria per Noticia IV, in un podio dove sguono Glen Ellen e BIgamist

J 80

La miglore italiana è Mari Y di Giacolo Loro Piana che iude n undicesima posizione, con le altre tre italiane più stacate. La vittoria finale va a Ono Polaroid di Daniel de La Pedraja, secondo Marbella Team, terzo Herbalife.

http://www.regatacopadelrey.com/index/index.php

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here