SHARE

Rio de Janeiro, Brasile- Dopo la splendida vittoria di Francesco Marrai nei Laser e l’argento di Giulia Conti/Francesca Clapcich negli FX, il Test Event olimpico di Rio si è concluso con il settimo posto di Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri (terzi nella Medal Race) nei Nacra 17. La vela azzurra chiude quindi la trasferta a Rio, a un anno esatto dalla Regata Olimpica, con un oro, un argento, un settimo (Bissaro-Sicouri nei Nacra 17) e un nono posto (Camboni negli RS:X uomini) per i quattro equipaggi arrivati in Medal Race. Gli altri italiani presenti hanno concluso: 13.Tartaglini negli RS:X donne, 18.Zennaro nei Radial, 16.Cherin-Tesei nei 49er.

Questi i vincitori del Test Event Aquece Rio International Regatta:

Scott (GBR) nei Finn; Burling-Tuke (NZL) nei 49er, Volungeviciute Scheidt (LIT) nei Radial, Soffiatti Grael-Kunze (BRA) negli FX, Belcher-Ryan (AUS) nei 470 M, Haeger-Provancha (USA) nei 470 F, Marrai (ITA) nei Laser, Waterhouse-Darmanin (AUS) nei Nacra 17, Wang (CHN) negli RS:X M, Picon (FRA) negli RS:X F.

Bissaro-Sicouri in regata a Rio. Foto Renedo
Bissaro-Sicouri in regata a Rio. Foto Renedo

Questo il commento tecnico finale del DT della squadra nazionale FIV Michele Marchesini:

“Rientriamo domani in Italia da una trasferta lunga e impegnativa. Dopo un inizio difficile nelle sessioni di allenamento a Niteroi, anche a seguito degli eventi e interferenze che hanno preceduto la partenza, la Squadra ha ritrovato la propria armonia e si è espressa a livelli alti. Volevamo allenarci e regatare tranquilli, e questo abbiamo fatto.

Il nostro obiettivo in termini di risultati era la partecipazione a tre finali, chiudiamo con quattro finali e due medaglie. Un risultato di questo livello mancava da diversi cicli Olimpici e siamo soddisfatti. Soprattutto, è il frutto di due anni e mezzo di impegno ed una ulteriore conferma che la strada intrapresa è corretta: l’impostazione, l’atteggiamento, la mentalità, la cultura del lavoro di qualità e il gruppo sono i nostri punti di forza. Avevamo deciso di impostare questo Test Event Olimpico come una prova sotto tutti gli aspetti, selezionando gli atleti migliori, preparando e programmando con cura, proprio al fine di testare tutto a 360 gradi: dai viaggi, alla logistica delle barche, alla base di Niteroi, alla preparazione, alla competizione. Tutto in funzione di quanto sarà il prossimo anno: durante competizioni di questo tipo, che a me piace definire ultra-competizioni, tutto si amplifica e l’occasione è importante per leggere con attenzione all’interno delle situazioni, delle strutture e delle persone. La quantità e qualità dei dati che abbiamo raccolto sono molto elevate e saranno la base per il lavoro dei prossimi mesi. Per certo, la scelta di avere una Squadra piccola si è confermata estremamente positiva, fondamentale per la concentrazione.

Passando ad una analisi dei risultati, Marrai ha fatto una regata di rilievo assoluto, sbagliando pochissimo sia dentro che fuori baia, dimostrando questa settimana una profonda capacità di gestione dell’evento e delle singole prove. Conti-Clapcich continuano implacabili e solide una striscia di risultati che le vede per la settima volta consecutiva, e all’appuntamento più importante, sul podio, anche se il loro argento ha un sapore agrodolce. Bissaro-Sicouri chiudono settimi, con la consapevolezza che, lavorando con umiltà e serenità, possono colmare il distacco che al momento li separa dai primi: ora hanno avuto modo di vedere davvero quale è il gioco a cui si gioca. Camboni è stato straordinario, un risultato di questo livello da un ragazzo di soli 19 anni è una solida base e una conferma. Camboni è l’emblema del rinnovamento del nuovo corso tecnico. Nell’RS-X maschile, in termini assoluti, abbiamo recuperato moltissimo, in termini relativi basti pensare che lo scorso anno qui non siamo andati oltre il 21mo posto con quello che era l’atleta di punta in Italia: possiamo dire che il lavoro fatto dalla Federazione sta pagando. Per il femminile la questione è un po’ diversa: Tartaglini, lo scorso anno qui a Rio bronzo, ha sotto performato. Dopo la vittoria in Coppa del Mondo a Weymouth ci si aspettava di più. Il livello dellìatleta è comunque molto alto e la stagione delle tavole Olimpiche prevede ancora l’Italiano ed il Mondiale.

Ora, dopo una breve pausa, gli atleti saranno impegnati agli Campionati Italiani Assoluti di Napoli, appunto. È questo l’evento di maggiore importanza per la vela Olimpica in Italia e il nostro Staff Tecnico sarà presente al completo anche per osservare da vicino tutto il vivaio nazionale con un occhio al futuro. Il Test Event è passato, andiamo avanti”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here