SHARE

Montecarlo – Bonacce e colpi di vento, la Palermo-Montecarlo non si smentisce e anche quest’anno ha offerto una grande varietà di condizioni meteo alla flotta di 40 barche che ha partecipato alla regata. Dopo una partenza sotto un maestralino intorno ai 12 nodi, l’aria è andata progressivamente scemando durante la seconda giornata di regata e lo spauracchio delle proverbiali bonacce tirreniche si è palesato. Come sempre la carta vincente è stata pescata da chi ha scelto l’opzione tattica ovest nella risalita verso il gate di Porto Cervo: tra queste l’X-41 Extra One di Massimo Barranco, tattico Michele Ivaldi, che regatava per il Circolo della Vela Sicilia, che dopo una regata praticamente perfetta ha conquistato con merito sia la classifica IRC sia quella ORC, diventando il vincitore assoluto della Palermo-Montecarlo 2015.

Extra One nelle fasi finali della regata
Extra One nelle fasi finali della regata

In avvicinamento al gate di Porto Cervo un momento decisivo: l’arrivo di un colpo di vento da sud che ha soffiato fino a 35 nodi ma più che altro ha impegnato gli equipaggi con un’onda importante. A cadere vittima di questa situazione è stato il Sun Fast 3600 Lunatika di Stefano Chiarotti, in regata nella classifica X2 e in corsa per il primo posto overall nel Campionato Italiano Offshore. A causa di problemi all’elettronica, il pilota automatico di Lunatika ha iniziato a fare le bizze sul più bello, proprio mentre lo scirocco montava rapidamente e impegnava al massimo l’euipaggio che, dopo ripetute straorze e l’esplosione di un gennaker, ha dovuto alzare bandiera bianca nel constatare un blackout pressochè totale di strumenti e pilota. A questo punto, in attesa dell’ ufficialità con il calcolo degli scarti, il First 36.7 BlueOne di Leonardo Servi potrebbe essere il nuovo Campione Italiano Offshore alla luce del nono posto ottenuto.

Nella risalita verso Montecarlo il Mar Ligure ha invece regalato un robusto ponente-maestrale, anche fino a 30 nodi per le barche che sono passate tra il 24 e il 25 agosto, prima dell’immancabile variabilità sotto Montecarlo. Il podio ORC è stato completato dal J 111 SL Energies e dal maxi 100 Esimit Europa 2, in IRC invece secondo posto ancora per SL Energies, terzo per l’Este 31 Globulo Rosso. Menzione di merito per quest’ultima barca, tra le più piccole della flotta, capace di un’ottima regata in tempo reale con scelte tattiche intelligenti. Globulo Rosso vince la sfida con lo Zigguratt 995 Joshua II (ma tenace fino al traguardo nonostante l’età della barca) e va a conquistare la classifica del gruppo IV-V del Campionato Italiano Offshore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here