SHARE

Napoli- Finalmente il vento riempie le vele delle 219 barche in regata al CICO 2015 e il Golfo di Napoli completa così una bella immagine per la vela italiana. Derive a perdita d’occhio da Castel dell’Ovo a Posillipo, che i molti napoletani a passeggio a Via Caracciolo, complice la giornata di San Gennaro, non hanno mancato di osservare incuriositi. Dopo la bella accoglienza e la suggestiva serata di venerdì, dove due circoli di gran tradizione come l’Italia e il Savoia hanno aperto le loro sedi ai giovani velisti per una cena da ricordare, mancava solo l’elemento principale della vela, ovvero il vento.

Simone Ferrarese oggi a Napoli. Foto Taccola/FIV
Simone Ferrarese oggi a Napoli. Foto Taccola/FIV

Le flotte, dopo una prima prova un po’ sofferta intorno a mezzogiorno, hanno dovuto attendere l’ingresso dell’atteso Ponente, che si è materializzato verso le 15, quando la foschia ha lasciato il posto a una brezza di 10-14 nodi che ha “pulito” il palcoscenico (Ischia, Procida, Capri e il Vesuvio per capirci…) dando vita a belle e combattute regate.

Tra i Finn si è fatto vedere il barese Simone Ferrarese (alla sua prima regata in Italia, CV Bari e atleta della Dinghy Academy di Luca Devoti a Valencia) che ha vinto d’autorità la prima prova e ha ottenuto un 4-2 nelle altre due che lo porta in testa alla classifica a 7 punti. Giorgio Poggi (Fiamme Gialle, Garmel Sailing Team) ha ottenuto un 3-3-1 ed è secondo, sempre a sette punti. Terzo Enrico Voltolini (Fiamme Gialle, 5-6-4). Per domani si annuncia un match race tra i due, ma attenzione a Michele Paoletti (SV Barcola Grignano, Team Fantastica) che dopo essere rimasto invischiato nelle retrovie nella prima prova ha ottenuto un 2-3 che lo potrebbe riportare in lizza dopo il calcolo dello scarto (che avverrà dalla quarta prova).

Nei 49er Tita-Cavalli (3-5-1 oggi) si sono portati in testa in una classifica altamente equilibrata con almeno quattro pretendenti al titolo tricolore. Plazzi-Molineris, i Dubbini e Crivelli Visconti sono racchiusi infatti in 2 punti. Negli FX Giulia Conti approfitta poer allenarsi e ottiene due primi concedendo la terza prova a Raggio-Bergamaschi.

Tita-Cavalli, in testa ai 49er. Foto Taccola/FIV
Tita-Cavalli, in testa ai 49er. Foto Taccola/FIV

Nei Nacra 17 tris per Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri, in testa su Porro-Micol (ultima regata in Nacra per Giovanna Micol) e Bressani-Banti.

Nella numerosissima classe Laser sopresa con Francesco Marrai attardato da una partenza anticipata e da un 38. In testa sale Marco Gallo (SV Guardia di Finanza, 4-1-6) davanti ad Alessio Spadoni (14-4-1) e Marco Benini (1-16-8). Bene il talenti 18enne Gianmarco Planchesteiner, ottimo quarto in classifica (5-15-7).

Nei Radial conduce la messicana Tania Calles (2-3-1-9). Prima italiana è Maelle Frascari (Planet Sail Bracciano, 3-5-6-5), seconda Francesca Frazza (FV Riva) e terza Silvia Zennaro.

Nel windsurf conducono Mattia Camboni e Laura Linares. Tra i 2.4 in testa Antonio Squizzato (1-1-2-1).

Marco Gallo, leader dei Laser. Foto Taccola/FIV
Marco Gallo, leader dei Laser. Foto Taccola/FIV

49er 1.Tita-Cavalli (3-2-3-5-1); 2.Plazzi-Molineris (5-3-1-2-3); 3.Dubbini-Dubbini (OCS-7-2-1-5).

49er FX 1.Conti-Clapcich (1-2-1-1-2); 2.Raggio-Bergamaschi (2-1-2-2-1).

Nacra 17 1.Bissaro-Sicouri (2-1-1-1-1); 2.Porro-Micol (1-2-5-2-2); 3.Bressani-Banti (3-3-2-3-3).

RS:X uomini 1.Mattia Camboni (2-1-1-3-1-2); 2.Federico Esposito (1-2-2-1-2-3); 3.Daniele
Benedetti (4-5-3-2-3-1).

RS:X donne 1.Laura Linares (1-1-3-2-1-3); 2.Marta Maggetti (2-3-2-4-2-1); 3.Flavia Tartaglini (3-4-1-1-4-5).

RS:X youth 1.Matteo Evangelisti (2-1-4-1-4-1); 2.Francesco Tomasello (1-2-1-6-6-2); 3.Antonino Cangemi (3-4-3-2-1-4).

470 uomini 1.Ferrari-Calabrò (1-1-4); 2.Capurro-Puppo (2-3-1); 3.Savoini-Savoini (9-2-6).

470 donne 1.Berta-Carraro (4-6-9); 2.Di Salle-Dubbini (3-15-3); 3.Zorzi-Caruso (8-5-10).

Finn 1.Simone Ferrarese (1-4-2); 2.Giorgio Poggi (3-3-1); 3.Enrico Voltolini (5-6-4).

2.4 mR 1.Antonio Squizzato (1-1-2-1); 2.Daniele Malavolta (2-5-1-4); 3.Pasquale Lapera (4-3-6-3).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here