SHARE

Pointe à Pitre, Guadalupe – Il profumo di terra annuncia alla flotta cha sta per iniziare la volata finale di questa Mini Transat 2015 e nel rush finale uno dei protagonisti sarà Michele Zambelli su Illumia. Attualmente in seconda posizione tra i prototipi, a 54 miglia dal leader Denis. Una prima ETA approssimativa di Zambelli potrebbe essere intorno alle 23 ora italiana del 13 novembre o poco dopo, ma tutto dipende dai capricci dell’Aliseo.

Zambelli-Illumia
Potrebbero mancare circa 29-30 ore per Zambelli e Illumia all’arrivo in Guadalupe

Nella classe prototipi almeno per il momento Fréderic Denis, dopo avere seriamente rischiato la leadership in favore dello skipper romagnolo, conserva ormai 54 miglia di vantaggio su 122 che ne mancano al traguardo. In un Aliseo che langue, per Denis è solo questione di portare la barca all’arrivo, la vittoria di tappa è nelle sue mani. Attenzione, con il vantaggio che ha, Denis ambisce di diritto alla vittoria generale della Mini Transat.

E’ tempo di fare infatti i primi conti: Denis, uscito di scena il vincitore della leg 1 Beaudart, ha attualmente 115 miglia di vantaggio su Axel Trehin, 64 su Luke Berry. Il primo sull’arrivo di Lanzarote lo aveva preceduto di 6 minuti, il secondo era giunto due ore dopo Denis. Di conseguenza anche la vittoria finale in questo momento è nelle mani dell’attuale leader.

Michele Zambelli continua nella sua superba regata, il tempo della prima tappa lo penalizza un po’ (13 ore da recuperare su Denis, pochi minuti meno su Berry, circa 11 ore su Mechin) ma stando così le cose Illumia punta a un grandissimo piazzamento di tappa e a un’ottima posizione nella classifica generale. L’Aliseo in approccio verso Pointe à Pitre scende d’intensità e continua a ruotare verso est. Zambelli continua a strambare vicino all’ortodromica per cercare un buon posizionamento nel flusso migliore, giustamente evita in questa fase i bordi troppo lunghi e prende meno rischi. Sono 10 le miglia di vantaggio sul terzo, Berry, e Illumia è esattamente posizionata tra l’arrivo e l’avversario. Possibile che nelle ultime 24h alcuni dei concorrenti abbiano regatato a vista.

Tra i serie, dopo un match race infinito, Lipinski e Pulve hanno splittato: il primo a sud, il secondo a nord, ma l’opzione giusta sembra averla pescata Pulve che ha guadagnato 11 miglia di margine e naviga più veloce mentre Lipinski arranca nell’Aliseo leggerissimo. Migliore degli italiani ancora Roland Ventura, 14mo molto a sud, a 303 miglia dal leader. Fornaro è risalito fino alla 21ma a 370 miglia, Federico Cuciuc 39mo a 751.

http://minitransat-ilesdeguadeloupe.fr/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here