SHARE

Pointe à Pitre, Guadalupa – Dopo Michele Zambelli, Roland Ventura, Andrea Fornaro, anche Federico Cuciuc ha terminao la sua regata e con gli ultimi arrivi la Mini Transat 2015 va in archivio. Cuciuc chiude la sua tappa in 20 giorni, 10 ore, 24 minuti e 12 secondi, una regata di tenacia con una delle barche meno performanti della flotta, la Mini Transat è anche questo.

Federico Cuciuc a bordo della sua 556
Federico Cuciuc a bordo della sua 556

“Ho fatto questa Transat con il solo scopo di migliorare le mie performance della scorsa edizione, volevo fare dei numeri migliori, portare meglio la barca rispetto al 2013 e ci sono riuscito. Tutto con le mie forze, con la randa della scorsa Transat e una barca vecchia, sono soddisfatto”, questo quello che ci ha raccontato Cuciuc telefonicamente.

Va così in archivio la Mini Transat 2015, ancora una volta con due vittorie francesi, Denis tra i prototipi e Lipinski tra i serie, ma anche tanta Italia. Un grandissimo Michele Zambelli eguaglia il risultato di tappa di Giancarlo Pedote nel 2013 (il toscano chiuse secondo anche in classifica generale), il romagnolo si conferma come uno dei talenti più cristallini del nostro movimento d’altura.

Peccato per Alberto Bona, che ha messo su un progetto ambizioso e potenzialmente di successo, ma ha avuto poco tempo per riuscire a svilupparlo al meglio e nelle dure condizioni incontrate in Atlantico ha dovuto pagare dazio.

Un Andrea Fornaro all’esordio in Oceano che ha ben figurato e ci ha anticipato che non lascerà la classe Mini, anzi, news coming soon…

Per il resto la Mini Transat, propedeutica per gli skipper all’ingresso nelle classi maggiori, dimostra un livello tecnico sempre più elevato: diminuiscono gli amatori, crescono i professionisti, ma tutti restano alla fine dei grandi sognatori oceanici.

Quest’edizione 2015 è stata anche un’annata di transizione: sono in arrivo nuove regole di stazza e, per i prototipi, pare proprio che la strada dei foils verrà battuta anche qui: classe propedeutica abbiamo detto, del resto chi tra i ministi non sogna di salire su un’IMOCA?

Il lungo speciale della Mini Transat con tutte le dichiarazioni dei protagonisti su FareVela magazine di dicembre.

http://minitransat-ilesdeguadeloupe.fr/classement

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here