SHARE

Las Palmas de Gran Canaria- Se la maggior parte dei partecipanti all’ARC se la prende con calma e sogna una placida traversata, a bordo di Durlindana III, il Carroll Marine 60 di Giancarlo Gianni, si parla molto di regata. L’approccio è decisamente agonistico, come la preparazione della barca e l’equipaggio, formato da molti volti noti della vela romana, lascia intendere. “Siamo soprattutto un gruppo di amici con la passione delle regate e questa ARC è per la mia barca una regata ideale, che volevo fare sin da quando l’ho acquistata. Con la mia precedente Durlindana avevo già preso parte all’ARC, ed era stata un’esperienza così bella da mettermi la voglia di tornare”, ci dice l’armatore Giancarlo Gianni, già dirigente velico del Circolo Canottieri Aniene e ora in regata di nuovo tra Gran Canaria e Saint Lucia.

In effetti Durlindana III (YCSS) se la sta cavando benissimo. Dopo tre giorni di mare è terza in tempo reale e in classe Racing ma può puntare anche al secondo posto assoluto dietro all’imprendibile Volvo Ocean 65 Team Brunel (che questa mattina si trovava a 1.700 miglia dall’arrivo con chance di battere il record dell’ARC). Durlindana III si trovava a 1.970 miglia dall’arrivo, a medie sui 10 nodi, in lotta a distanza con un Pogo 40.

L'equipaggio di Durlindana III
L’equipaggio di Durlindana III

Dieci a bordo, con skipper lo stesso Giancarlo Gianni tra gli altri Marco Passoni, Antonio Latini, Marco Profili, Lorenzo Garosi. I primi giorni sono passati in fretta, con punte di velocità anche di 23 nodi e Durlindana se la cava davvero bene sin’ora, con la sua anima corsaiola. Il programma, una volta ai Caraibi, dopo una crociera natalizia a San Blas, prevede di partecipare alla RORC Caribbean 600.

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here