SHARE

Mestral Marine Works è un cantiere spagnolo relativamente giovane, ma che sembra avere le idee molto chiare sul tipo di produzione che intende fare. Barche moderne, innovative, veloci e già pensate in funzione delle regole IRC e ORC con cui andrano a regatare. E’ bello fare barche veloci, ma se poi con i rating non sono competitive rischiano di essere fine a se stesse, per questo Mestral Marine Works ha deciso di lanciare modelli specificatamnte studiati sui regolamenti.

Mestral Marine Works presenta così al mercato la sua prima unitá cruiser-racing: MMW 40, costruito in collaborazione tra il cantiere spagnolo MMW e Trimarine Compositos in Portogallo, rappresenta il perfetto esempio di imbarcazione versatile nelle due versioni, regata pura e crociera-regata.

I primi disegni dell'MMW 40
I primi disegni dell’MMW 40

MMW 40 si propone a un cliente con le idee molto precise a proposito delle prestazioni che vuole avere navigando a vela sia in regata che in crociera; idee innovative per rendere comoda la crociera e prestazioni elevate per vincere in regata, il tutto sapientemente orchestrato da un design moderno e dalla cura dei dettagli:

  • La doppia timoneria a ruota in materiali compositi, insieme ad un poggiapiedi ad inclinazione regolabile permette una posizione ottimale in entrambi i modi di funzionamento della barca. Allo stesso tempo, per evitare di occupare il prezioso spazio nei gavoni, il poggiapiedi si trasforma in passerella o in scaletta da bagno, il tutto nascosto in pozzetto quando non in uso.
  • Lo specchio di poppa nasconde elegantemente le prese di acqua, elettricità e gasolio oltre che una doccetta.
  • Tutti gli oblò ed osteriggi sono a filo coperta per un migliore design ed ergonomia.
  • Le sedute in pozzetto sono estraibili per trasformare la barca nella versione regata e, allo stesso tempo, nascondono delle pratiche valigie che possono essere customizzate nella loro versione di stivaggio
  • Gli interni riflettono la versatilità dell’imbarcazione: si mantengono tutti gli elementi per il comfort a bordo, ma si sfrutta la costruzione in materiali compositi per guadagnare in peso.

Per quanto riguarda le opzioni consigliate per chi vuole utilizzare MMW 40 solo per la regata il cantiere propone:

  • Albero in carbonio.
  • Bompresso in carbonio per armare un gennaker e un code zero.
  • Interni ottimizzati per il centraggio dei pesi, cucina, carteggio e bagno a prua; cuccette continue laterali per lo stoccaggio delle vele.
  • Riduzione del numero di oblò.
  • Timone a barra in carbonio.
  • Doppia pala del timone.

Lo scafo del MMW 40 é costruito in sandwich di vetro-corecell-resina epossidica con un metodo di preimpregnato, mentre la coperta é un sandwich in infusione di epossidica.

Entrambe le versioni sono vendute con 8 winch racing e carrelli per randa e fiocco, il piano di coperta ottimizzato per una regolazione tridimensionale di tutte le vele, anche se, secondo le esigenze del cliente ogni piano di coperta é customizzabile.

Mestral marine works ha affidato il progetto ad un esperto team internazionale: così si è rivolta a Michele Molino per la gestione del progetto e l’ingegneria, al famoso studio di Joubert Nivelt per l’architettura navale e l’ottimizzazione IRC/ORC, a Jordi Rizo per il design concettuale e la comunicazione e a Giorgio Angelini per i dettagli e l’ingegnerizzazione.

Scheda tecnica:

Lunghezza 11.9

Larghezza 3.75

Immersione 2.2

Superficie di bolina: 90mq

Superficie di poppa: 180mq

Dislocamento 4500 (cruisers) 4300 (racing)

TCC 1.125

GPH 550

cat. CE A

http://www.mestralmarineworks.com/

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here