SHARE

Sydney, Australia- Di Giovanni Soldini si è detto nelle ultime stagioni che ormai era lontano dai grandi eventi agonistici, preferendo concentrarsi sui tentativi di record e sugli eventi di marketing legati allo sponsor Maserati. Considerazioni non a torto. Ebbene, non c’è dubbio che adesso Soldini e il Volvo 70 modificato Maserati ritornino sul palconescino agonistico dalla porta grande, ovvero da uno dei massimi e difficili eventi mondiali, la celeberrima Rolex Sydney to Hobart. Un vero test per barca ed equipaggio, che saranno chiamati ad affrontare una concorrenza spietata tra le 110 barche iscritte e condizioni durissime, come sempre le 628 miglia da Sydney a Hobart riservano, con la traversata dell’impegnativo Stretto di Bass e l’arrivo nella Storm Bay in Tasmania.

Maserati di fronte all'Opera House di Sydney. ph. Andrea Francolini
Maserati di fronte all’Opera House di Sydney.
ph. Andrea Francolini

Maserati, come già anticipato, è da qualche giorno a Sydney, impegnato nella preparazione alla regata. Appuntamento, quindi, al 26 dicembre 2015, alle ore 13.00 (ore 3.00 in Italia) classico Boxing Day aussie dove l’intera Australia si ferma per assistere alla partenza in diretta TV della Hobart. il Vor 70 Maserati, che vede a bordo Giovanni Soldini e un equipaggio di 11 persone, sarà appunto schierato sulla linea di partenza della 71esima edizione della Rolex Sydney-Hobart Yacht Race.

Insieme alla barca italiana, prenderanno il via altre 110 imbarcazioni dai 9 ai 30 metri di lunghezza, provenienti da 28 paesi diversi. Tra queste, alcuni tra i maxi yacht più veloci del mondo, come il 30 metri Comanche, il super maxi disegnato da VPLP-Verdier, Ragamuffin 100, l’otto volte vincitore Wild Oats XI, Perpetual Loyal e Rambler 88.
Tra i diretti rivali di Maserati si segnala il Vor 70 Black Jack, ex Telefonica (di quattro anni più giovane rispetto alla barca italiana), che ha già partecipato a due edizioni della regata aggiudicandosi un quarto e un quinto posto.

Se la lotta per i line honour appare improba, a meno di condimeteo davvero dure dove i Volvo 70 possono dire la loro, Maserati lotterà comunque per la vittoria overall in handicap IRC, che assegna l’ambitissima Tattersall’s Cup.

“Maserati è pronta ad affrontare questa durissima regata”, spiega Giovanni Soldini da Sydney, “In questi ultimi mesi abbiamo fatto una serie di lavori di preparazione che hanno reso la barca ancora più robusta e affidabile. E poi abbiamo un equipaggio fortissimo, preparato a confrontarsi con condizioni meteo assai difficili. È la prima volta che partecipo alla Sydney-Hobart ma sono già stato in questi mari, nel 1994 e nel 1998, durante i giri del mondo. Come sempre venderemo cara la pelle”.

Bravo Soldini, bentornato alle regate.

Giovanni Soldini a Sydney. ph. Andrea Francolini
Giovanni Soldini a Sydney.
ph. Andrea Francolini

www.maserati.soldini.it

La sfida è supportata da Maserati, partner principale che dà il nome alla barca, dalla banca svizzera BSI e da UnipolSai Assicurazioni in qualità di co-sponsor.

I fornitori ufficiali della sfida sono Z Zegna per l’abbigliamento, Vodafone Italia, per i servizi di telecomunicazione e la realizzazione del sito web ufficiale e Boero Bartolomeo S.p.A. che fornisce smalti e vernici per lo scafo.

A bordo di Maserati anche Eataly, per la cambusa a bordo, Beta Utensili, fornitore di tutti gli utensili professionali, Corderia Lancelin, fornitore di cime e cavi speciali, Jeppesen per la cartografia, B&G Navico che offre assistenza per gli strumenti, il Cantiere Picchiotti di La Spezia, base di Maserati a terra e l’Autorità portuale di La Spezia, base di Maserati in acqua.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here