SHARE

Sydney, Australia- Le ultime sulla meteo della Rolex Sydney Hobart dal briefing tenuto oggi dal Cruising Yacht Club of Australia. La partenza dovrebbe avvenire in 15 nodi di vento da Nord Est, quindi con bolina iniziale mure a sinistra in uscita dalla Baia, che aumenteranno a 25 durante il pomeriggio. Cavalcata rapida sotto spinnaker, con i supermaxi che certo prenderanno velocemente il largo.

La partenza dell'edizione 2014. Foto Borlenghi/Rolex
La partenza dell’edizione 2014. Foto Borlenghi/Rolex

I problemi arriveranno però da sabato sera 26 dicembre, quando è previsto l’arrivo di un fronte da sud sulla rotta della flotta in discesa lungo la costa del Nuovo Galles del Sud. “Sarà un fronte attivo”, ha specificato Michael Logan del Bureau of Meteorology del NSW, “con pioggia e temporali e venti tra i 25 e i 35 nodi e raffiche nei groppi fino a 45 nodi”.

Il vento contrario alla corrente verso sud della costa est australiana solleverà un mare duro e ripido, con condizioni definite “boat breaking”, ovvero “spacca barche” lungo la costa del Nuovo Galles del Sud. Il grosso della flotta, le barche sui 40-50 piedi, avranno quindi ore non facili almeno per tutta la giornata di domenica, quando il vento inizierà a calare. Lo Stretto di Bass, dopo il passaggio del fronte, dovrebbe riservare condizioni definite moderate, così la costa est della Tasmania, dove da lunedì prevarranno condizioni leggere.

Le prime 30 ore, quindi, potrebbero essere quelle più dure e comunque decisive per l’esito della regata. Si dovrà spingere il più possibile ma anche salvaguardare le barche dalle rotture. Assai incerta appare, quindi, la lotta per la vittoria overall in handicap IRC, con le piccole che sperano nell'”impatanamento” dei maxi in Tasmania per recuperare sul tempo compensato. Per i line honour tutto lascia pensare nella riedizione del duello tra l’americana Comanche e l’australiana Wild Oats XI, che lo scorso anno vide prevalere proprio quest’ultima nelle ultime miglia con vento leggero in Tasmania dopo l’iniziale vantaggio di Ken Read.

La Tattersall's Cup, destinata al vincitore in handicap IRC. Foto CYCA
La Tattersall’s Cup, destinata al vincitore in handicap IRC. Foto CYCA

Per Maserati si tratterà di dare il massimo proprio nelle prime dure 24 ore, visto che i Volvo 70 non eccellono poi nelle arie leggere.

www.rolexsydneyhobart.com

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here