SHARE

Miami, USA- Prima giornata con vento leggero tra i 5 e gli 8 nodi alla Sailing World Cup di Miami. Tutte le classi sono riuscite a portare a termine almeno una prova, con Laser, Nacra 17, 49er ed FX che ne hanno completate due.

Nei Laser Francesco Marrai ha ottenuto un 16-5 che lo colloca al 14esimo posto nella classifica guidata dall’olandese van Schaardenburg. Seguono: 55.Spadoni; 84.Benamati

Bissaro-Sicoouri a Miami. Foto Renedo
Bissaro-Sicoouri a Miami. Foto Renedo

Nei Nacra 17 Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri fanno seguire un 14 all’ottimo secondo nella prova iniziale e sono quarti in classifica. In testa gli olandesi Mulder-de Koning.

Nei Finn Giorgio Poggi è undicesimo nell’unica prova disputata. In testa il danese Hoegh Christiansen. 23.Cirillo.

Una partenza dei 49er a Miami. Con ITA 23 Plazzi-Molineris. Foto Renedo
Una partenza dei 49er a Miami. Con ITA 23 Plazzi-Molineris. Foto Renedo

Nei 49er Stefano Cherin e Andrea Tesei iniziano con un 14-2 che li colloca in nona piazza. 11.Crivelli-Visconti-Togni; 12.Dubbini-Dubbini; 49.Tita-Zucchetti; 50.Plazzi-Molineris, questi ultimi due equipaggi attardati da una squalifica con bandiera nera nella seconda prova. In testa i portoghesi Lima-Costa.

Nei Laser Radial ottimo secondo psoto nella sua batteria per Silvia Zennaro e un quinto per Joyce Floridia. Un BFD (squalifica per bandiera nera) per Martha Faraguna e Laura Cosentino. In testa la cinese Xu e la danese Rindom.

Negli RS:X uomini 12.Mattia Camboni e 20.Daniele Benedetti nell’unica prova disputata, vinta dal cinese Liu. Negli RS:X donne sesta Flavia Tartaglini, decima Marta Maggetti e 18esima Veronica Fanciulli. In testa l’olandese de Geus.

Nei 470 uomini Gabrio Zandonà e Andrea Trani ottengono un nono posto nella prova vinta dai sudafricani Jim-Hudson.

Nel 470 donne la prova è andata alle brasiliane Oliveira-Barbachan.

Negli FX, dove non regatano Conti-Clapcich che hanno preferito concentrarsi sul prossimo Mondiale di Clearwater, la prova è stata vinta dalle norvegesi Alerup.

Non vi sono italiani iscritti nelle classi paralimpiche 2.4, Sonar e Skud 18.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here