SHARE

Miami, USA- Finalmente una bella brezza nella Biscayne Bay di Miami per la terza giornata della Sailing World Cup. Grazie a un vento da sud tra i 7 e i 12 nodi è stato disputato in tutte le classi. Per l’Italia protagonisti della giornata sono stati Stefano Cherin e Andrea Tesi, equipaggio ormai in costante progresso e al momento favorito (ma con Tita-Zucchetti che non mollano, oggi un 1-2 anche per loro) per la selezione olimpica italiana per Rio. Dopo un ocs nella settima prova, Cherin-Tesei hanno sfoderato un 1-2 nelle ultime due prove di giornata, risultato che li fa salire fino al quinto posto nella genarale. Ancora buone prove per Zandonà-Trani nei 470 uomini.

Stefano Cherin e Andrea Tesi colti in una bella immagine da Juses Renedo
Stefano Cherin e Andrea Tesi colti in una bella immagine da Pedro Martinez

Nei Laser Francesco Marrai è riuscito a risalire fino alla ventesima piazza dopo il 13-6-6 di oggi. In testa ancora l’olandese van Schaardenburg. Seguono: 47.Spadoni; 48.Benamati. Da domani si regata con le flotte Gold e Silver.

Bissaro-Sicouri. Foto Renedo
Bissaro-Sicouri. Foto Renedo

Nei Nacra 17 Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri (oggi 10-17-17-11) non trovano lo spunto che li aveva fatti vincere a Miami lo scorso anno e si attestano al momento in decima posizione, in lotta comunque per la Medal Race. In testa gli olandesi Mulder-de Konig. Da segnalare che negli spietati trial americani, in corso a Miami, sui Nacra si sta vedendo Bora Gulari, ex iridato Moth e Melges 24 nonchè ex di Luna Rossa, che al momento occupa addorittura la terza piazza nella generale.

La flotta dei Nacra 17. Foto
La flotta dei Nacra 17. Foto Juses Renedo/Sailing Energy

Nei 49er, dicevamo, disputate tre prove. Stefano Cherin e Andrea Tesei (ocs-1-2 nella loro batteria) risalgono fino al quinto posto. Molto bene anche Ruggero Tita e Pietro Zucchetti (oggi 18-1-2) che si arrampicano dal 38esimo di ieri fino a un docicesimo che li porta a due soli punti dalla Medal Race di sabato con due giorni di finali da disputare. Seguono qualificati in Gold: 21.Dubbini-Dubbini; 23.Crivelli-Visconti-Togni. Nella Silver regateranno 44.Plazzi-Molineris. In testa gli spagnoli Botìn-Marra.

Tre prove nei Laser Radial. Buone notizie per Joyce Floridia (10-8-11) e Silvia Zennaro (25-8-4), che sono a ridosso della zona medal race, rispettivamente 12esima e 13esima. Nella Gold entrano anche 29.Laura Cosentino; 30.Martha Faraguna. Tris di vittorie per l’olandese Marit Bouwmeester, che passa al comando.

Nei 470 uomini sono state disputate tre prove, che portano il totale a sei.  Gabrio Zandonà e Andrea Trani ottengono un ocs-4-7 che li mantiene al sesto posto nella genarale. Ricordiamo che il 470 è l’unica classe italiana ancora non qualificata per Rio e il “vecchio” Gabrio, con il suo prodiere iridato Andrea Trani, appare l’unica chance di qualificazione italiana (posto in palio al prossimo Trofeo Sofia). In testa gli spagnoli Barreiros-Cabrera. Nel 470 donne restano salde al comando le brasiliane Oliveira-Barbachan.

Finalmente tre prove disputate dai Finn, che portano il totale a quattro. Non decolla però Giorgio Poggi (una squalifica per bandiera nera e un 20-22) che è ventunesimo. In testa l’americano Caleb Paine, che se le sta dando di santa ragione con Zach Railey nel trial USA. 30.Cirillo.

Negli RS:X uomini tre prove. Bene Mattia Camboni (7-3-9) che si colloca all’ottavo posto. Segue 22.Daniele Benedetti (20-14). In testa passa l’olandese van Rijsselberge.

Tre prove anche negli RS:X donne. Flavia Tartaglini ottiene un 3-19-9 ed è buona settima, dodicesima Marta Maggetti e 21esima Veronica Fanciulli. In testa resta l’olandese de Geus.

Negli FX quattro prove, con le kiwi Maloney-Meach che passano al comando.

Non vi sono italiani iscritti nelle classi paralimpiche 2.4, Sonar e Skud 18.

Ricordiamo che le medal race di sabato potranno essere viste in diretta streaming su Fare Vela.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here