SHARE
Il podio dei Laser alla Sailing World di Miami. Foto Renedo/Sailing Energy

Abu Dhabi, EAU- World Sailing pensa a un rilancio della Sailing World Cup per il prossimo quadriennio 2017-2020 che seguirà alle Olimpiadi di Rio 2016. Che gli Emiri di Abu Dhabi non fossero soddisfatti dei risultati delle World Cup Final disputate negli ultimi due anni nell’Emirato era notizia nota. E’ di oggi però la conferma, comunicata dalla federvela internazionale, che Abu Dhabi ha rinunciato a supportare economicamente le 2016 Sailing World Cup Final e le future finali dell’evento. La perdita economica per World Sailing è rilevante.

Il viaggio di fine febbraio ad Abu Dhabi del presidente di World Sailing Carlo Croce e del Chief executive Andy Hunt non è riuscito, quindi, a ricomporre la frattura con la Abu Dhabi Tourism Authority dopo le lamentele per la scarsa partecipazione alle ultime Finali nel Golfo Persico. Sulla bilancia anche il fatto che Abu Dhabi si sarebbe risentita dello spostamento della Conferenza annuale di World Sailing dall’Emirato a una sede europea.

Il podio dei Laser alla Sailing World di Miami. Foto Renedo/Sailing Energy
Il podio dei Laser alla Sailing World di Miami. Foto Renedo/Sailing Energy

Per la Sailing World Cup è tempo quindi di un rilancio che la renda più appetibile ai velisti e ai media, fermo restando che l’idea di un circuito maggiore riservato ai migliori della vela olimpica resta centrale e fondamentale per la crescita della vela e quella visibilità che il Comitato Olimpico Internazionale richiede a gran voce per mantenere lo status olimpico della vela.

Secondo World Sailing la revisione della World Cup sarà conclusa e presentata al Mid Year Meeting nel maggio 2016 e avrebbe come punti focali una rappresentanza continentale degli eventi e dei velisti, quote di ammissione, punti ranking, vela paralimpica, con i velisti “punta centrale” di un circuito che vuole essere appetibile per i media, gli sponsor e i velisti stessi.Tutto molto generico al momento, a dire il vero.

Complice anche una serie di scelte logistiche oggettivamente costose e complesse (Qingdao, Melbourne) la partecipazione ad alcuni eventi della Sailing World Cup è stata infatti spesso inferiore alle attese e anche alle quote massime previste per classe. L’accessibilità alla Sailing World Cup dovrebbe essere, quindi, uno degli aspetti su cui lavorare maggiormente.

Le sedi e date (Hyeres, Weymouth e Qingdao) della SWC 2016 sono state coinfermate mentre per la sede delle Finali 2016, secondo World Sailing, sono in corso trattative con località alternative dopo la rinuncia di Abu Dhabi.

www.sailing.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here