SHARE

Roma- Sono Giulia Conti e Francesca Clapcich le vincitrici del Velista dell’Anno 2015, il più ambito premio della vela italiana organizzato da Acciari Consulting con la collaborazione quest’anno della Federazione Italiana Vela. La serata a Villa Miani ha visto la vela italiana ritrovarsi con piacere (ma anche con qualche intoppo di scaletta) e assistere alla nota più lieta della serata: la presenza dei migliori atleti della vela olimpica e giovanile, che sono stati chiamati sul palco per una premiazione collettiva. Sono loro, giovani, bravi e belli, il futuro della nostra vela, con qualcuno che ci auguriamo possa esserne anche il presente, tra quattro mesi, a Rio 2016.

Conti-Clapcich subito dopo la proclamazione del Velista dell'Anno 2015
Conti-Clapcich subito dopo la proclamazione del Velista dell’Anno 2015

Giulia Conti e Francesca Clapcich, in abito rossonero (per lei tifosa laziale…) Giulia e in inappuntabile divisa dell’Aeronautica Militare Francesca, sono apparse davvero soddisfatte, “Abbiamo fatto come Di Caprio, dopo tante nomination è finalmente arrivato questo premio”, ha detto la Conti prima di ringraziare federazione, il coach Gianfranco Sibello e i compagni di squadra.

Gli atleti premiati, si riconoscono da sinistra Francesco Marrai, Flavia Tartaglini, Francesca Clapcich, Vittorio Bissaro, Silvia Sicouri, Matteo Capurro, Matteo Puppo
Gli atleti premiati, si riconoscono da sinistra Francesco Marrai, Flavia Tartaglini, Francesca Clapcich, Vittorio Bissaro, Silvia Sicouri, Matteo Capurro, Matteo Puppo

Con loro sono stati premiati idealmente anche le Fiamme Azzurre Bissaro e Silvia Sicouri, autori di un’ottimo 2015, e gli altri candidati, Vasco Vascotto, Michele Zambelli e Gualandris-Zanetti, ognuno rappresentante un settore diverso della vela sportiva. Splendidi nelle loro divise delle Fiamme Gialle anche Francesco Marrai e Flavia Tartaglini, oltre a tutti i giovani vincitori di campionati internazionali nel 2015. Applausi anche per il DT delle squadre nazionali FIV Michele Marchesini e per Alessandra Sensini, responsabile delle squadre giovanili, per aver creato un nuovo clima (e conseguenti risultati) nelle squadre olimpiche FIV.

Da sinistra: Luca di Montezemolo, Francesca Clapcich, Carlo Croce, Giulia Conti, Giovanni malagò e Alessandra Sensini
Da sinistra: Luca di Montezemolo, Francesca Clapcich, Carlo Croce, Giulia Conti, Giovanni malagò e Alessandra Sensini

Sul palco Carlo Croce, che ci ha assicurato che la “vela non corre rischi di uscire dall’Olimpiade, al cento per cento resterà olimpica anche perché ci stiamo rinnovando come ci ha chiesto il CIO”, Luca Di Montezemolo e il presidente del CONI Giovanni Malagò, che hanno parlato molto della candidatura di Roma 2024 e della bontà di Cagliari come sede velica, che ha “lasciato assai soddisfatti gli esaminatori di CIO e World Sailing in termini di condizioni meteo, garantite al 97% per non perdere le dirette televisive”.

Giulia Conti e Francesca Clapcich con gli altri vincitori Roberto Tomasini Grinover (timoniere-armatore), Mitja Gialuz (miglior circolo), Alberto Rossi (miglior barca). Foto Taccola/FIV
Giulia Conti e Francesca Clapcich con gli altri vincitori Roberto Tomasini Grinover (timoniere-armatore), Mitja Gialuz (miglior circolo), Alberto Rossi (miglior barca). Foto Taccola/FIV

Gli altri premi sono andati alla Società Velica Barcola Grignano (club che organizza la Barcolana) con il presidente Mitja Gialuz, come miglior circolo 2015, ad Enfant Terrible di Alberto Rossi come miglior barca 2015, a Roberto Tomasini Grinover di Robertissima come miglior armatore-timoniere.

I premiati della FIV. Foto Taccola
I premiati della FIV. Foto Taccola

Gli atleti della Squadra Olimpica italiana premiati per i risultati ottenuti nel 2015 sono stati Giulia Conti e Francesca Clapcich (Campionesse Italiane, Europee e Mondiali della classe 49er FX, Tecnico Gianfranco Sibello), vincitrici anche del premio del Velista dell’Anno 2015, Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri (bronzo al Campionato Europeo Nacra 17, Tecnico Gabriele Bruni), Francesco Marrai (vincitore del Test Event delle classi olimpiche a Rio de Janeiro nella classe
Laser Standard, Tecnico Alp Alpagut), Flavia Tartaglini (vincitrice della tappa di
Weymouth&Portland della Coppa del Mondo ISAF nella classe RS:X F, Tecnico Adriano Stella), Antonio Squizzato (bronzo al Para European Championship della classe paralimpica 2.4 mR, Tecnico Filippo Maretti) e Marco Gualandris e Marta Zanetti (bronzo al Mondiale della classe paralimpica Skud 18, Tecnico Filippo Togni).

Per quanto riguarda i giovani, la FIV ha consegnato una medaglia d’oro a Mattia
Camboni (miglior Under 21 al Mondiale RS:X, Tecnico Riccardo Belli dell’Isca), Matteo Capurro e Matteo Puppo (Campioni del Mondo Juniores 470 M, Tecnico Nicola Pitanti), Edoardo Ferraro e Francesco Orlando (Campioni del Mondo Under 17 420, Tecnico Luigi Picciau), Guido Gallinaro (Campione Europeo e Mondiale Laser 4.7, Tecnico Francesco Caricato), Federico Zampiccoli (Campione Europeo Under 16 O’Pen Bic), Benedetta Di Salle e Alessandra Dubbini (Campionesse del Mondo Juniores 470 F, Tecnico Nicola Pitanti), Francesca Bergamo (oro all’EUROSAF Youth Sailing European Championship di Brest nella classe Laser Radial, Tecnico Francesco Caricato), Federica Cattarozzi (Campionessa Europea e argento al Mondiale Laser 4.7, Tecnico Francesco Caricato) e Giorgia Speciale (Campionessa Europea Under 17 della tavola a vela Techno 293, Tecnico Mauro Covre).

Il premio per la barca dell'anno è andato a Enfant Terrible di Alberto Rossi. Con lui sul palco Roberto Lacorte di SuperNikka e il presentatore della serata Lo Cicero
Il premio per la barca dell’anno è andato a Enfant Terrible di Alberto Rossi. Con lui sul palco Roberto Lacorte di SuperNikka e il presentatore della serata Andrea Lo Cicero
Il premio per la miglior società va alla Barcola Grignano
Il premio per la miglior società va alla Barcola Grignano

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here