SHARE

S’Arenal, Spagna- Prima la delusione, poi l’illusione e infine la beffa. Il risultato finale è che il 470 italiano non sarà a Rio de Janeiro nella Regata Olimpica. La giornata dei giovani genovesi Matteo Capurro e Matteo Puppo ha dell’incredibile. Nella nona regata i due velisti dello YC Italiano concludono indietro, 26esimi, mentre i rivali ucraini Boris Shvets e Pavlo Matsuytev, sono 15esimi, il che comporta 14 punti da recuperare (3 da giovedi più 11) con una sola prova ancora da disputare, la decima della serie in una Baia di Palma in continua ebollizione per tensioni e tranelli tra i vari team impegnati nell’ultima chance di qualificazione olimpica. In race 10, ironia del destino, Capurro e Puppo concludono con un buon 16esimo, con i due ucraini indietro, passano le barche ma la bandiera gialloblu ucraina taglia la linea esattamente al 32esimo posto, che scartano, tenendosi quindi un 30 che era il loro peggior risultato, ovvero proprio 14 punti da calcolare in più rispetto ai due giovani italiani.

Capurro-Puppo in poppa a Palma. Foto
Capurro-Puppo in poppa a Palma. Foto Martinez

La matematica è inesorabile, Italia e Ucraina sono a pari punti, 126, nella serie e si considera quindi il miglior risultato, e qui la condanna per l’Italia, visto che i due esteuropei hanno un secondo mentre i due genovesi un sesto. Una beffa per i due Mattei, autori comunque della miglior regata in carriera, e un biglietto aereo definitivamente stracciato per il 470 italiano, che non sarà quindi a Rio. Gabrio Zandonà e Andrea Trani, che sembravano in grado di farcela dopo le buone regate di Miami e Buenos Aires, non regatano bene a Palma e concludono addirittura 26esimi. Un risultato amaro, soprattutto perché arrivato nella classe che aveva fatto meglio a Weymouth 2012, proprio con il quarto posto di Gabrio Zandonà, e in cui l’Italia aveva sempre avuto buoni equipaggi.

Molto lontane da una possibile qualificazione, invece, le ragazze, mai veramente in partita e distanti, con il 24esimo posto di Elena Berta e Sveva Carraro da quella quota qualifica che le ragazze di Israele, none, hanno tenuto molto in alto.

“Se oggi le speranze di ottenere il pass per Rio nel 470 femminile erano minime, in
ambito maschile le possibilità erano più concrete, quindi lascia sicuramente una certa
amarezza rimanere fuori dai Giochi dopo aver concluso la regata a pari punti”, ha
dichiarato il DT della FIV Michele Marchesini. “Posso dire però che ce la siamo giocata a
testa alta e sportivamente ci congratuliamo sia con l’Ucraina per aver conquistato il pass,
che con i nostri Capurro-Puppo, autori di una bella regata”.

La vela azzurra, quindi, sarà a Rio in 8 classi su 10, ottenendo lo stesso risultato del 2012, quando fu presente in 8 classi (allora mancarono la Star e il match race donne).

Per il resto le cose vanno bene. L’Italia conquista le Medal Race, in programma domani, del Trofeo Princesa Sofia Iberostar nei Nacra 17, con Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri ottimi terzi (6-8-2 oggi), con Flavia Tartaglini, sesta negli RS:X donne, con i giovanissimi e talentuosi Daniele Benedetti e Mattia Camboni, rispettivamente sesto e decimo nel windsurf uomini, con Jacopo Plazzi e Umberto Molineris, ottimi ottavi nel 49er (3-4-ufd-9 oggi).

Flavia Tartaglini ©Pedro Martinez/Trofeo Sofia
Flavia Tartaglini
©Pedro Martinez/Trofeo Sofia

Nei Finn la lunga battaglia tra nazioni e team per l’ultimo posto europeo disponibile è stata vinta dalla Turchia con Alican Kaynar. 19esimo Michele Paoletti, mentre sono da segnalare le buone prove di oggi di Enrico Voltolini (7-16) che conclude 23esimo. La notizia è che Giles Scott, per una volta non vince una regata, visto che una rottura nell’ultima prova lo ha fatto scendere al quarto posto, troppo lontano dal leader, il kiwi Josh Junior.

I risultati

Nacra 17 (44 barche)
1.Besson-Riou (FRA, 40); 2.Zajac-Frank (AUT, 60); 3.Bissaro-Sicouri (100); 15.Porro-
Marimom (228); 27.Ugolini-Giubilei (340); 28.Trambaiolo-Guardigli (352); 29.Bressani-
Banti (358); 35.Ratti-Zizzari (455); 39.Morelli-Giannetti (538).

49er (Gold Fleet)
1.Setaon-McGovern (IRL, 63); 2.Botin-Lopez (ESP, 90); 3.Outteridge-Jensen (AUS, 92);
9.Plazzi-Molineris (129); 13.Tita-Zucchetti (160); 15.Cherin-Tesei (163); 19.Dubbini-
Dubbini (188).

FX (34 barche)
1.Bekkering-Duetz (NED, 43); 2.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 54); 3.Lutz-Beucke
(GER, 89); 22.Raggio-Bergamaschi (273).

470 M (Gold Fleet)
1.Belcher-Ryan (AUS, 17); 2.Mantis-Kagialis (GRE, 41); 3.Mcnay-Hughes (USA, 47);
15.Capurro-Puppo (126); 25.Sivitz Kosuta-Farneti (153); 26.Zandonà-Trani (154);
34.Ferrari-Calabrò (197).

470 F (Gold Fleet)
1.Oliveira-Barbachan (BRA, 36); 2.Seabright-Carpenter (GBR, 36); 3.Kyranakou-Van
Veen (NED, 40); 24.Berta-Carraro (154).

Finn (74 barche)
1.Josh Junior (NZL, 41); 2.Tapio Nirkko (FIN, 60); 3.Jake Lilley (AUS, 66); 19.Michele
Paoletti (156); 23.Enrico Voltolini (182); 27.Giorgio Poggi (201); 38.Simone Ferrarese
(343); 47.Filippo Baldassari (383); 49.Matteo Savio (397).

Laser Standard (Gold Fleet)
1.Andrew Maloney (NZL, 37); 2.Tonci Stipanovic (CRO, 54); 3.Robert Scheidt (BRA, 64);
27.Alessio Spadoni (172); 45.Marco Benini (242).

Laser Radial (Gold Fleet)
1.Tuula Tenkanen (FIN, 39); 2.Anne Marie Rindom (DEN, 59); 3.Evi Van Acker (BEL,
60); 17.Silvia Zennaro (150); 29.Joyce Floridia (188); 41.Valentina Balbi (246).

RS:X M (Gold Fleet)
1.Tom Squires (GBR, 24); 2.Byron Kokkalanis (GRE, 35); 3.Thomas Goyard (FRA, 35);
6.Daniele Benedetti (52); 10.Mattia Camboni (67); 23.Michele Cittadini (145).

RS:X F (Gold Fleet)
1.Olga Baslivets (RUS, 27); 2.Marina Alabau (ESP, 42); 3.Charline Picon (FRA, 43);
6.Flavia Tartaglini (46); 13.Marta Maggetti (92); 28.Veronica Fanciulli (177).

2.4 mR (16 barche)
1.Heiko Kroger (GER, 5); 2.Helena Lucas (GBR, 5); 3.Damien Seguin (FRA, 7);
7.Antonio Squizzato (18).
www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall

S’Arenal, Spagna- Tensione alle stelle e colpi di scena al Trofeo Sofia Iberostar nella Baia di Palma, che venerdì vive la giornata decisiva per l’assegnazione dell’ultimo posto olimpico europeo per Rio 2016. L’Italia, che ieri sembrava messa male, è tornata in corsa nel 470 maschile grazie all’ottima giornata dei due giovani genovesi Matteo Capurro e Matteo Puppo che, con un 13-7, sono risaliti fino alla 17esima posizione, a soli tre punti dagli ucraini Shvets-Masthsuyev, che al momento occupano il primo posto tra le nazioni europee ancora non qualificate. Con due prove ancora da disputare tutto è quindi ancora in gioco, con anche Zandonà-Trani (oggi 15-21), al momento 20esimi a 21 punti dalla quota qualifica, che potrebbero dare una mano. Una partita Italia-Ucraina tutta da seguire e che potrebbe dare alla vela italiana la nona qualicazione su dieci classi a Rio 2016.

Capurro-Puppo, nelle loro mani la qualificazione olimpica per l'Italia nel 470? ©Pedro Martinez/Trofeo Sofia
Capurro-Puppo, nelle loro mani la qualificazione olimpica per l’Italia nel 470?
©Pedro Martinez/Trofeo Sofia

Il 470 donne, infatti, è ormai fuori dai giochi, visto che l’ultima piazza dovrebbe andare alle atlete di Israele, decime e 61 punti avanti alle migliori italiane, Berta-Carraro, 27esime.

La Baia di Palma ha dato spettacolo anche oggi, con la consueta brezza sui 12-18 nodi che ha consentito di disputare bil programma completo. Giornata splendida per Jacopo Plazzi e Umberto Molineris nei 49er: con un 1-3-2-20 sono risaliti fino in dodicesima posizione e domani si giocheranno l’accesso in Medal insieme a Ruggero Tita e Pietro Zucchetti, undicesimi (6-21-23-4 oggi). Il 49er azzurro dimostra di essere cresciuto molto come gruppo e non manca regata internazionale in cui uno dei cinque equipaggi di punta (oltre ai citati anche Cherin-Tesei (15esimi), i Dubbini (18esimi) e Crivelli Visconti-Togni (30esimi) non ottenga risultati di vertice. Prova del buon lavoro svolto come team dal tecnico Luca De Pedrini.

Plazzi-Molineris, protagonisti oggi a Palma. ©Jesus Renedo/Sofia
Plazzi-Molineris, protagonisti oggi a Palma.
©Jesus Renedo/Sofia

Bene anche oggi (10-18-1) Bissaro-Sicouri, quarti nei Nacra 17, Flavia Tartaglini (RS:X F) è terza dopo il 2-4 di oggi. La romana delle Fiamme Gialle è a soli quattro punti dalla prima posizione della russo-ucraina Olga Maslivets. Daniele Benedetti (RS:X M, 13-5 oggi) è settimo mentre Mattia Camboni è undicesimo.

Nella classe Finn l’ultimo posto utile per l’Europa vede in testa la Turchia, con Alican Kaynar, che domani se la dovrà vedere con Repubblica Ceca e Russia, con Portogallo e Spagna più staccate. Il posto africano è ormai andato alle Seychelles con Allan Julie. Buone prove oggi per Enrico Voltolini, un secondo in race 8, Giorgio Poggi, ottavo in race 7. Paoletti è 21esimo, Poggi 25esimo e Voltolini 26esimo.

Nacra 17 (44 barche)
1.Besson-Riou (FRA, 23); 2.Zajac-Frank (AUT, 74); 3.Norregaard-Viborg (NOR, 82);
4.Bissaro-Sicouri (84); 16.Porro-Marimom (184); 18.Bressani-Banti (193); 28.Ugolini-
Giubilei (276); 29.Trambaiolo-Guardigli (281); 35.Ratti-Zizzari (364); 39.Morelli-Giannetti.

49er (Gold Fleet)
1.Heil-Ploessel (GER, 46); 2.Delle Karth-Resch (AUT, 46); 3.Setaon-McGovern (IRL, 46);
11.Tita-Zucchetti (88); 12.Plazzi-Molineris (89); 16.Cherin-Tesei (112); 18.Dubbini-
Dubbini (120).

FX (34 barche)
1.Bekkering-Duetz (NED, 32); 2.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 40); 3.Lutz-Beucke
(GER, 66); 23.Raggio-Bergamaschi (219).

470 M (Gold Fleet)
1.Belcher-Ryan (AUS, 11); 2.Mantis-Kagialis (GRE, 29); 3.Xammar-Herp (ESP, 34);
17.Capurro-Puppo (84); 20.Zandonà-Trani (102); 25.Sivitz Kosuta-Farneti (109);
34.Ferrari-Calabrò (147).

470 F (Gold Fleet)
1.Oliveira-Barbachan (BRA, 24); 2.Kyranakou-Van Veen (NED, 26); 3.Seabright-
Carpenter (GBR, 29); 27.Berta-Carraro (122).

Finn (74 barche)
1.Giles Scott (GBR, 24); 2.Josh Junior (NZL, 24); 3.Tapio Nirkko (FIN, 48); 21.Michele
Paoletti (124); 25.Giorgio Poggi (147); 26.Enrico Voltolini (160); 41.Simone Ferrarese
(280); 48.Filippo Baldassari (312); 49.Matteo Savio (318).

Laser Standard (Gold Fleet)
1.Andrew Maloney (NZL, 26); 2.Kristian Ruth (NOR, 40); 3.Tonci Stipanovic (CRO, 42);
22.Alessio Spadoni (104); 48.Marco Benini (184).

Laser Radial (Gold Fleet)
1.Anne Marie Rindom (DEN, 26); 2.Evi Van Acker (BEL, 34); 3.Tuula Tenkanen (FIN,
47); 22.Silvia Zennaro (98); 28.Joyce Floridia (122); 41.Valentina Balbi (171).

RS:X M (Gold Fleet)
1.Tom Squires (GBR, 17); 2.Pawel Tarnowski (POL, 19); 3.Thomas Goyard (FRA, 24);
7.Daniele Benedetti (39); 11.Mattia Camboni (64); 23.Michele Cittadini (119).

RS:X F (Gold Fleet)
1.Olga Baslivets (RUS, 22); 2.Maja Dziarnowska (POL, 25); 3.Flavia Tartaglini (26);
12.Marta Maggetti (71); 30.Veronica Fanciulli (131).

2.4 mR (16 barche)
1.Heiko Kroger (GER, 5); 2.Helena Lucas (GBR, 5); 3.Damien Seguin (FRA, 7);
7.Antonio Squizzato (18).

www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall

S’Arenal, Spagna- Ancora una giornata perfetta per la vela olimpica a Palma, con vento da 10 a 16 nodi, per il Trofeo Sofia Iberostar. Si complica la qualificazione olimpica per l’Italia nei 470 maschili, con Ucraina e Portogallo al momento davanti all’Italia. Nei 470 donne ormai Israele e la Svizzera appaiono lontane. Buone prove, invece, per gli azzurri nelle altre classi. Bissaro-Sicouri (1-15-3 oggi) vincono una prova e sono secondi nella classifica generale dei Nacra 17 dietro agli imbattibili francesi Besson-Riou, Flavia Tartaglini è quinta nella tavola a vela RS:X, Tita-Zucchetti sono ottavi nel 49er e Daniele Benedetti e Mattia Camboni occupano l’ottavo e il nono posto nell’RS:X maschile.

Bissaro-Sicouri oggi a Palma. Foto Renedo
Bissaro-Sicouri oggi a Palma. Foto Renedo

Nei 470 uomini Gabrio Zandonà e Andrea Trani (oggi 18-22) sono scesi al 22esimo posto, sopravanzati come migliori italiani da Ferrari-Calabrò, ventesimi (17-30 oggi). Tra le Nazioni a caccia della qualificazione il Portoga llo è vicino, a soli 2 punti, ma l’Ucraina è balzata in 13esima posizione con 26 punti da recuperare per gli italiani in 4 prove. Nel 470 donne la nazione qualificata al momento sarebbe Israele, ben 50 punti davanti ale prime italiane, Berta-Carraro, 32esime.

Prosegue la lotta nei Finn per l’ultimo posto disponibile. Oggi è tornata davanti la Russia, con Turchia, Portogallo, Spagna e Repubblica Ceca subito dietro.

Flavia Tartaglini ©Jesus Renedo/Sofia
Flavia Tartaglini
©Jesus Renedo/Sofia

Nacra 17 (44 barche)
1.Besson-Riou (FRA, 23); 7.Bissaro-Sicouri (55); 3.Kohlhoff-Werner (GER, 56); 16.Porro-
Marimom (133); 22.Bressani-Banti (147); 28.Ugolini-Giubilei (187); 29.Trambaiolo-
Guardigli (198); 35.Ratti-Zizzari (257); 39.Morelli-Giannetti (307).

49er (Gold Fleet)
1.Botin-Lopez (ESP, 15); 2.Delle Karth-Resch (AUT, 18); 3.Heil-Ploessel (GER, 20);
8.Tita-Zucchetti (40); 12.Cherin-Tesei (45); 16.Plazzi-Molineris (63); 18.Dubbini-Dubbini
(72).

FX (34 barche)
1.Bekkering-Duetz (NED, 25); 2.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 27); 3.Dobson-Ainsworth
(GBR, 47); 22.Raggio-Bergamaschi (127).

470 M (Gold Fleet)
1.Belcher-Ryan (AUS, 5); 2.McNay-Hughes (USA, 19); 3.Xammar-Herp (ESP, 20);
20.Capurro-Puppo (64); 22.Zandonà-Trani (66); 23.Sivitz Kosuta-Farneti (71); 25.Ferrari-Calabrò (75).

470 F (Gold Fleet)
1.Oliveira-Barbachan (BRA, 7); 2.Kyranakou-Van Veen (NED, 16); 3.Haeger-Porvancha
(USA, 20); 32.Berta-Carraro (90).

L'olandese PJ Postma in Finn. Foto Deaves
L’olandese PJ Postma in Finn. Foto Deaves

Finn (74 barche)
1.Josh Junior (NZL, 15); 2.Giles Scott (GBR, 19); 3.Pieterjan Postma (NED, 24);
19.Michele Paoletti (90); 29.Giorgio Poggi (125); 30.Enrico Voltolini (129); 39.Filippo
Baldassari (190); 40.Simone Ferrarese (190); 56.Matteo Savio (253).

Laser Standard (Gold Fleet)
1.Andrew Maloney (NZL, 18); 2.Tonci Stipanovic (CRO, 25); 3.Kristian Ruth (NOR, 25);
27.Alessio Spadoni (74); 44.Marco Benini (102).

Laser Radial (Gold Fleet)
1.Anne Marie Rindom (DEN, 16); 2.Evi Van Acker (BEL, 18); 3.Tuula Tenkanen (FIN,
20); 20.Joyce Floridia (66); 30.Silvia Zennaro (74); 42.Valentina Balbi (108).

RS:X M (Gold Fleet)
1.Tom Squires (GBR, 7); 2.Byron Kokkalanis (GRE, 10); 3.Pawel Tarnowski (POL, 13);
8.Daniele Benedetti (21); 9.Mattia Camboni (28); 24.Michele Cittadini (52).

RS:X F (Gold Fleet)
1.Olga Baslivets (RUS, 8); 2.Charline Picon (FRA, 17); 3.Marina Alabau (ESP, 17);
5.Flavia Tartaglini (20); 10.Marta Maggetti (34); 26.Veronica Fanciulli (72).

2.4 mR (16 barche)
1.Helena Lucas (GBR, 3); 2.Bjornar Erikstad (NOR, 7); 3.Lasse Klotzing (GER, 8);
8.Antonio Squizzato (17).

www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall

S’Arenal, Spagna- Splendida anche la secondfa giornata del TGrofeo Sofia Iberostar nella Baia di Palma di Maiorca. Un vento tra i 9 e i 12 nodi ha consentito di disputare il programma completo e di concludere la fase delle qualificazioni. Da domani, infatti, le classi che regatavano a batterie saranno divise tra Gold e Silver.

49er in poppa. Foto Renedo/Sailing Energy
49er in poppa. Foto Renedo/Sailing Energy

Gabrio Zandonà e Andrea Trani stanno lottando strenuamente per conquistare l’ultimo posto disponibile per nazioni a Rio 2016. I due azzurri sono 18esimi a pari punti (26) con i portoghesi Villas Boas-Carmelo, 17esimi, equipaggio lusitano che pare destinato a contendere all’Italia il posto a cinque cerchi. Peccato per una squalifica per UFD (partenza anticipata con bandiera U, che come noto impedisce di rientrare sulla linea in caso di ocs) nella prima regata del giorno che si era conclusa con una vittoria. Zandonà-Trani hanno fatto poi registrare un decimo nella quarta prova. In gioco anche i giovani romani Ferrari-Calabrò (5-18 oggi), 19esimi a un solo punto dai due citati, e i genovesi Capurro-Puppo, 22esimi. Con le regate dirette nella Gold, sono probabili anche marcamenti diretti e coperture. Un duello italo-portoghese tutto da seguire, con l’Ucraina che si potrebbe anche inserire.

Si fa dura, invece, per il 470 femminile italiano, che dopo 4 prove è lontano dalla quota qualificazione, al momento in mano della Svizzera con l’undicesimo di Farnhi-Seghentaler. Berta-Carraro e Caputo-Sinno sono al momento 33esime e 34esime.

Nelle altre classi da segnalare un successo parziale di Tita-Zucchetti nei 49er, classe dove sono ora settimi in classifica e con ben cinque equipaggi tricolori tra i primi 26, a conferma della crescita generale nello skiff olimpico. Un primo anche per Mattia Camboni negli RS:X uomini, anche se il migliore in classifica nella tavola olimpica è Daniele Benedetti, ottavo. Nei top ten di classe anche Bissaro-Sicouri, settimi nei Nacra 17 (oggi 12-11-2), e Flavia Tartaglini, settima nella tavola donne (oggi 3-12).

Nei Finn, la qualificazione europea al momento arride alla Spagna, con l’andaluso Pablo Guitiàn, ma seguita a pochissimi punti da Repubblica Ceca, Portogallo e Russia, con tre atleti della Dinghy Academy e uno del Team Fantastica a darsi battaglia per un solo posto.

Josh Junior, NZL, in testa ai Finn dopo 4 prove. Foto Renedo
Josh Junior, NZL, in testa ai Finn dopo 4 prove. Foto Renedo

Nacra 17 (44 barche)
1.Besson-Riou (FRA, 11); 2.Kohlhoff-Werner (GER, 25); 3.Zajac-Frank (AUT, 26);
7.Bissaro-Sicouri (35); 15.Bressani-Banti (70); 23.Porro-Marimom (95); 29.Ugolini-Giubilei (128); 30.Trambaiolo-Guardigli (131); 36.Ratti-Zizzari (168); 39.Morelli-Giannetti (195).

49er (73 barche)
1.Delle Karth-Resch (AUT, 11); 2.Botin-Lopez (ESP, 14); 3.Seaton-Mcgovern (IRL, 14);
7.Tita-Zucchetti (30); 15.Cherin-Tesei (41); 16.Plazzi-Molineris (45); 23.Dubbini-Dubbini
(60); 26.Crivelli Visconti-Togni (65).

FX (34 barche)
1.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 10); 2.Bekkering-Duetz (NED, 16); 3.Grael-Kuntze
(BRA, 17); 26.Raggio-Bergamaschi (130).

470 M (79 barche)
1.Belcher-Ryan (AUS, 3); 2.McNay-Hughes (USA, 5); 3.Dahlberg-Bergstrom (SWE, 6);
17.Zandonà-Trani (26); 19.Ferrari-Calabrò (27); 22.Capurro-Puppo (29); 32.Sivitz
Kosuta-Farneti (41); 42.Bertola-Izzo (53); 47.Savoini-Savoini (57); 59.Panigoni-Massa
(74); 72.Capece Minutolo-Galati (101).

470 F (66 barche)
1.Seabright-Carpenter (GBR, 4); 2.Oliveira-Barbachan (BRA, 4); 3.Bochmann-Steinherr
(GER, 8); 33.Berta-Carraro (44); 34.Caputo-Sinno (44); 37.Paternoster-Caruso (46);
41.Di Salle-Dubbini (49).

Enrico Voltolini (Fiamme Gialle), autore oggi di un sesto posto nella terza prova. Foto Deaves
Enrico Voltolini (Fiamme Gialle), autore oggi di un sesto posto nella terza prova. Foto Deaves

Finn (74 barche)
1.Josh Junior (NZL, 9); 2.Giles Scott (GBR, 15); 3.Pieterjan Postma (NED, 15);
18.Michele Paoletti (43); 28.Giorgio Poggi (71); 29.Enrico Voltolini (72); 30.Filippo
Baldassari (73); 45.Simone Ferrarese (123); 58.Matteo Savio (158).

Laser Standard (152 barche)
1.Andrew Maloney (NZL, 5); 2.Kristian Ruth (NOR, 7); 3.Charlie Buckingam (GBR, 8);
34.Alessio Spadoni (33); 49.Marco Benini (44); 80.Zeno Gregorin (67); 100.Nicolò Villa
(80); 111.Rocco Cislaghi (96); 119.Angelo Bonaiti (103); 145.Matteo Iovenitti (137).

Laser Radial (84 barche)
1.Evi Van Acker (BEL, 3); 2.Alison Young (GBR, 8); 3.Tuula Tenkanen (FIN, 10);
20.Joyce Floridia (28); 27.Silvia Zennaro (33); 33.Valentina Balbi (40); 46.Francesca
Bergamo (58); 50.Martha Faraguna (59); 67.Laura Cosentino (88); 69.F. Frazza (94).

RS:X M (85 tavole)
1.Tom Squires (GBR, 4); 2.Byron Kokkalanis (GRE, 5); 3.Andreas Cariolou (CYP, 8);
8.Daniele Benedetti (12); 13.Mattia Camboni (18); 27.Michele Cittadini (41); 44.Matteo Evangelisti (57); 70.Carlo Ciabatti (88); 74.F. Tomasello (101); 78.A. Cangemi (111).

RS:X F (63 tavole)
1.Olga Baslivets (RUS, 4); 2.Lilian De Geus (NED, 7); 3.Charline Picon (FRA, 7); 7.Flavia
Tartaglini (10); 11.Marta Maggetti (15); 21.Veronica Fanciulli (33); 36.Elena Vacca (47);
52.Giorgia Speciale (67).
www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall

Palma di Maiorca, Spagna- Condizioni perfette oggi a Palma per la prima giornata del Trofeo Princesa Sofia Iberostar, classico appuntamento europeo d’inizio stagione per le classi olimpiche, che in questo 2016 è anche l’ultima occasione valida per le Nazioni europee e africane per conquistare l’ultimo posto per Rio 2016. Ricordiamo che l’Italia deve ancora farcela nel 470 maschile e femminile.

Bissaro-Sicouri in Nacra oggi sullo sfondo della cattedrale di Palma. ©Jesus Renedo/Sailing Energy/Sofia
Bissaro-Sicouri in Nacra oggi sullo sfondo della cattedrale di Palma.
©Jesus Renedo/Sailing Energy/Sofia

Il programma è iniziato in orario, alle 11 del mattino, con un bel vento tra i 14 e i 18 nodi nei campi posizionati nella Baia di Palma, in cui hanno dato spettacolo le 800 barche
provenienti da 68 Nazioni.

La vela italiana inizia bene negli RS:X con Flavia Tartaglini (settima con un 6-2) e Daniele Benedetti (quinto con 3-3), nei Nacra 17 grazie al quinto posto (nella classifica calcolata con uno scarto, 17esimi senza lo scarto) di Vittorio Bissaro-Silvia Sicouri (4-6-bfd) e nei 49er con Ruggero Tita-Pietro Zucchetti (sesti con 7-3-2). Buona anche la prima giornata di Lorenzo Bressani-Caterina Banti, decimi nel Nacra 17, Gabrio Zandonà-Andrea Trani, undicesimi nel 470 maschile, 12.Mattia Camboni nell’RS:X maschile, 13.Michele Paoletti nei Finn e 15.Uberto Crivelli Visconti-Gianmarco Togni. Giulio Ferrari-Giacomo Calabrò sono diciottesimi nei 470 maschili, stesso risultato per Marta Maggetti nell’RS-X femminile.

Dopo la prima giornata la nazione qualificata nel 470 donne sarebbe la Svizzera, con il settimo posto del loro equipaggio di punta. Le prime italiane (Berta-Carraro) sono 24esime.

Per l’ultimo posto europeo nei 470 uomini Gabrio Zandonà e Andrea Trani sembrano deestinati a lottare contro l’equipaggio portoghese Villas Boas-Camelo, attualmente noni, tre punti davanti agli azzurri (undicesimi).

Nei Finn al momento la nazione europea qualificata sarebbe la Russia, con il 14esimo di Egor Terpigorev (Team Fantastica). Per l’Africa il posto dovrebbe andare alle Seychelles con Allen Julie, già olimpico nei Laser per il suo minuscolo ma splendido Paese.

Dopo la prima giornata le nazioni europee qualificate nelle altre classi sarebbero Svezia (49er e Nacra 17), Irlanda (FX), Slovenia (Laser), Russia (Laser Radial), Bielorussia (RS:X M) e Ungheria (RS:X F).

Giles Scott, subito in testa nei Finn. Foto Deaves
Giles Scott, subito in testa nei Finn. Foto Deaves

Nacra 17 (44 barche)
1.Besson-Riou (FRA, 2); 2.Zajac-Frank (AUT, 4); 3.Kohlhoff-Werner (GER, 5); 5.Bissaro-
Sicouri (10); 10.Bressani-Banti (16); 20.Porro-Marimom Giovannetti (35); 29.Trambaiolo-
Guardigli (51); 30.Ugolini-Giubilei (58); 36.Ratti-Zizzari (66); 39.Morelli-Giannetti (80).

49er (73 barche)
1.Seaton-Mcgovern (IRL, 3); 2.Botin-Lopez (ESP, 4); 3.Delle Karth-Resch (AUT, 4);
6.Tita-Zucchetti (5); 15.Crivelli Visconti-Togni (14); 21.Plazzi-Molineris (18); 28.Cherin-
Tesei (20); 39.Dubbini-Dubbini (30); 67.Pilati-Rubagotti (67).

49er FX (34 barche)
1.Bekkering-Duetz (NED, 3 punti); 2.Hansen-Salskov Iversen (DEN, 3); Dobson-
Ainsworth (GBR, 5); 27.Raggio-Bergamaschi (70).

470 M (79 barche)
1.McNay-Hughes (USA, 2); 2.Belcher-Ryan (AUS, 2); 3.Dahlberg-Bergstrom (SWE, 5);
11.Zandonà-Trani (16); 18.Ferrari-Calabrò (22); 25.Capurro-Puppo (28); 29.Sivitz
Kosuta-Farneti (30); 39.Savoini-Savoini (44); 54.Bertola-Izzo (53); 57.Panigoni-Massa
(54); 77.Capece Minutolo-Galati (82).

470 F (66 barche)
1.Mrak-Macarol (SLO, 3); 1.Seabright-Carpenter (GBR, 3); 3.Oliveira-Barbachan (BRA,
3); 24.Berta-Carraro (26); 25.Caputo-Sinno (26); 30.Di Salle-Dubbini (32); 41.Paternoster-Caruso (41).

Finn (74 barche)
1.Giles Scott (GBR, 4); 2.Anders Pedersen (NOR, 6); 3.Josh Junior (NZL, 7); 13.Michele
Paoletti (27); 20.Giorgio Poggi (46); 32.Enrico Voltolini (65); 43.Simone Ferrarese (84);
47.Filippo Baldassari (98); 53.Matteo Savio (104); 72.Cirillo (146).

Laser Standard (152 barche)
1.Julio Alsogaray (ARG, 3); 2.Andrew Maloney (NZL, 4); 3.Kristian Ruth (NOR, 4);
38.Alessio Spadoni (28); 67.Zeno Gregorin (47); 86.Marco Benini (58); 95.Angelo Bonaiti
(65); 103.Rocco Cislaghi (69); 119.Nicolò Villa (79); 141.Matteo Iovenitti (91).

Laser Radial (84 barche)
1.Anne Marie Rindom (DEN, 2); 2.Pernelle Michon (FRA, 5); 3.Alison Young (GBR, 6);
24.Silvia Zennaro (24); 32.Valentina Balbi (35); 34.Martha Faraguna (36); 37.Joyce
Floridia (39); 64.Francesca Bergamo (66); 66.Francesca Frazza (66); 73.Laura
Cosentino (72).

RS:X M (85 tavole)
1.Nimrod Mashiah (ISR, 2); 2.Tom Squires (GBR, 2); 3.Thomas Goyard (FRA, 4);
5.Daniele Benedetti (6); 12.Mattia Camboni (17); 37.Michele Cittadini (40); 72.Carlo
Ciabatti (69); 78.Antonino Cangemi (76); 81.Francesco Tomasello (79); 82.Matteo
Evangelisti (80).

RS:X F (63 tavole)
1.Olga Baslivets (RUS, 4); 1.Noy Drihan (ISR, 4); 3.Marion Lepert (USA, 4); 7.Flavia
Tartaglini (8); 18.Marta Maggetti (16); 26.Elena Vacca (28); 32.Veronica Fanciulli (35);
52.Giorgia Speciale (52);

Lo spettacolo della vela olimpica nelle migliori foto della giornata di Jesus Renedo e Pedro Martinez/Sailing Energy:

http://www.trofeoprincesasofia.org/en/default/races/race-resultsall

Palma di Maiorca, Spagna- Grande attesa nel mondo della vela olimpica per il Trofeo Sofia Iberostar, in programma a S’Arenal, Baia di Palma, dal 27 marzo al 2 aprile. Si tratta, infatti, dell’ultima occasione per le Nazioni europee e africane di conquistare un posto a Rio 2016 e, per molti Paesi, anche una tappa importante per le loro selezioni nazionali.

f9827b6430547fd3f2c94fabf299fb97_photo_750x1000

Per la vela italiana sarà l’ultima occasione per strappare un posto ai Giochi nelle classi 470 maschili e femminili, le uniche due in cui ancora la vela azzurra non ha staccato il biglietto per la Guanabara Bay. Da un lato Gabrio Zandonà e Andrea Trani, dopo i buoni risultati al Mondiale di Buenos Aires, sembrano in grado di potrercela fare, dall’altro gli equipaggi delle ragazze italiane (Caputo-Sinno, Berta-Carraro, Paternoster-Caruso e Di Salle-Dubbini) dovranno impegnarsi al massimo per conquistare l’unico posto ancora disponibile per Rio.

Grandi numeri, con 800 barche e un migliaio di velisti da ben 68 Nazioni, per una regata che propone sempre un notevole livello tecnico in un’ampia varietà di condimeteo, tanto più a pochi mesi dai Giochi di Rio. La 47esima edizione del Trofeo Princesa Sofía IBEROSTAR è stata presentata mercoledì mattina presso il SEASOUL RESTAURANT & LOUNGE dell’IBEROSTAR Bahía de Palma hotel. Il CEO della regata Ferràn Muniesa ha sottolineato come “Le 68 Nazioni presenti siano il numero più alto di sempre, con il precedente record fermo a 59, e si tratta comunque della maggior partecipazione di barche nell’anno olimpico”.

La premiazione del 46th Princesa Sofia IBEROSTAR Trophy
La premiazione del 46th Princesa Sofia IBEROSTAR Trophy

Sono presenti trutti i migliori nelle varie classi e anche la vela italiana è presente in buon numero nella Baia di Palma. Nei Finn (77 iscritti), dove prosegue l’osservazione del DT Michele Marchesini di Paoletti, Poggi, Baldassari, Voltolini, Ferrarese e Savio in vista della selezione per Rio, sarà necessario ottenere un primo risultato di rilievo nei top 15 per convincere FIV e CONI sull’opportunità della selezione (ricordiamo che l’Italia ha conquistato il posto al Mondiale 2015 grazie a Giorgio Poggi), risultati da confermare poi a Hyeres World Cup e alla Gold Cup di Gaeta.

Nei 470 uomini (82 barche) Gabrio Zandonà e Andrea Trani puntano alla selezione per l’Italia. A provareci saranno anche Sivitz Kosuta-Farneti, Capurro-Puppo, Ferrari-Calabrò, Bertola-Izzo, Savoini-Savoini, Capece Minutolo-Galati e Panigoni-Massa.

Nel 470 donne (66 barche), come detto, a provarci saranno Caputo-Sinno, Berta-Carraro, Paternoster-Caruso e Di Salle-Dubbini.

Nelle classi già qualificate per Rio, l’Italia si presenta così:

Nacra 17 (46 cat) Bissaro-Sicouri, equipaggio già selezionato per Rio, Bressani-Banti, a cui si uniscono i giovani e promettenti Porro-Giovannetti, Trambaiolo-Guardigli, Ratti-Zizzari, Ugolini-Giubilei e Morelli-Giannetti.

Nei 49er (72 barche) sono assenti le superstar Peter Burling (NZL) e Nathan Outteridge (AUS). L’Italia, nel pieno della selezione per Rio, schiera una flotta sempre più competitiva con Tita-Zucchetti, Cherin-Tesei, Dubbini-Dubbini, Crivelli Visconti-Togni, Plazzi-Molineris e gli esordienti Pilati-Rubagotti, vincitori del Red Bull Foiling Generation 2015.

Negli FX (35 barche) assenti le veliste dell’anno Giulia Conti e Francesca Clapcich, l’Italia schiera le giovani Raggio-Bergamaschi.

Ben 162 i Laser iscritti. Assente il selezionato Francesco Marrai, a Rio de Janeiro per un’altra seduta di allenamento sui campi di regata olimpici, l’Italia schiera Spadoni e un n utrito gruppo di giovani: Benamati, Benini, Gregorin, Villa, Dattilo, Bonaiti, Cislaghi e Iovenitti.

Nei Radial (96 barche) per l’Italia regatano Zennaro, Floridia, Faraguna, Cosentino, Frazza, Balbi e la Bergamo.

Gli RS:X uomini (88 tavole) abbiamo Camboni, Benedetti, Evangelisti, Cittadini, Ciabatti, Tomasello e Cangemi. Negli RS:X donne (64 tavole) Flavia Tartaglini sarà in regata insieme alla Fanciulli, Maggetti, Speciale e Vacca.

Nella classe paralimpica 2.4 regata Antonio Squizzato. In regata anche 17 Dragoni.

http://www.trofeoprincesasofia.org

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here