SHARE

Porto Rotondo- Entra nel vivo, il calendario sportivo dello Yacht Club Porto Rotondo. Dopo l’Estiva Cup, disputata tra Sardegna e Corsica nel mese di maggio, e la Solaris Cup, abbinata al tradizionale raduno del cantiere friulano, il circolo si appresta a ospitare il Campionato Nazionale Este 24 – Trofeo DHL.

formato-foto-copertina-sitoycpr7

I monotipo hanno raggiunto la sede del circolo mercoledì mattina: ad attenderli, oltre al magnifico panorama che sempre si gode dalla terrazza della club house, le inevitabili operazioni di stazza e la messa a punto prima della discesa in acqua per i primi bordi di allenamento tra il Golfo di Cugnana e quello di Marinella, scenario del campionato.

Già oggi, si respira aria di regata con la practice race, che rappresenta una novità per il campionato e permetterà ai team di testare il campo di regata e i venti galluresi, e al pubblico di assaggiare il loro talento in attesa del debutto ufficiale di venerdì.

Sono infatti tutti di grande spessore, i quattordici equipaggi pronti a contendersi il tricolore e insieme la quarta tappa di un circuito nazionale altamente equilibrato. Le tre manche precedenti, disputate a Santa Marinella, Porto Ercole e Porto Santo Stefano, sono state vinte da team diversi ogni volta, rispettivamente Spirit of Yellow di Cristiana Monina, RiDeCoSì del senior team Aniene di Alessandro M. Rinaldi e Wasabino di Gianluca Raggi, quest’ultimo leader della classifica generale.

“E’ un periodo intenso per il nostro club, aspettiamo l’avvio del campionato nazionale Este 24 con grande gioia e impazienza, siamo pronti sia a livello logistico che sportivo”, sottolinea Roberto Azzi, presidente dello Yacht Club Porto Rotondo, “con questa regata vorremmo fare qualcosa di più, magari portare la finale della Champions League, intanto ci godiamo un evento voluto fortemente anche dalla classe, che offrirà tre giorni di sport puro, uno spettacolo ricco di spunti e insegnamenti anche per i giovani del nostro vivaio, che coltiviamo con impegno e passione lungo tutto l’anno”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here