SHARE
Francesco Marrai ha vinto il suo quinto titolo italiano Laser dopo un bel duello con Giovanni Coccoluto. Foto Di Fazio

Formia-La brezza termica del Golfo di Gaeta si è materializzata solo alle 14:30 di domenica, mezz’ora prima del limite massimo per dare le partenze. Ne hanno approfittato i Finn, i 470 e i Laser che sono riusciti a disputare una quinta prova spettacolare, con vento sui 10-12 nodi da Ponente. Avvincenti i match race tra Giorgio Poggi e Alessio Spadoni per il titolo nei Finn e tra Francesco Marrai e Giovanni Coccoluto per quello dei Laser.

Francesco Marrai ha vinto il suo quinto titolo italiano Laser dopo un bel duello con Giovanni Coccoluto. Foto Di Fazio
Francesco Marrai ha vinto il suo quinto titolo italiano Laser dopo un bel duello con Giovanni Coccoluto. Foto Di Fazio

Si conclude così, con molta pioggia, pochi servizi ai velisti e condizioni meteo sfavorevoli, un’edizione poco felice del Campionato Italiano Classi Olimpiche. I 189 equipaggi da tutta Italia ce l’hanno messa tutta, ma occorre notare come questa manifestazione-vetrina della vela italiana debba ancora crescere a livello d’immagine, e per riuscirci dovrà proporre location e servizi in grado di presentare una vela appetibile e interessante per sponsor e pubblico. Tra le righe del suo intervento alla cerimonia di premiazione lo ha notato anche il vice presidente (e presidente in pectore per il prossimo quadriennio) Francesco Ettorre, che ha detto come la Federazione Italiana Vela debba “studiare formule per far crescere ancora e meglio questo evento che, nelle intenzioni, dovrebbe rappresentare la vetrina di tutto un movimento”. Al Circolo Nautico Caposele, organizzatore principale dell’evento, si sono impegnati con l’aiuto di molti volontari, tra cui i ragazzi dell’Istituto Nautico di Gaeta attivissimi nei vari delle derive, ma il CICO dovrà necessariamente crescere ancora di più. E magari… evitare anche la concomitanza con la Barcolana di Trieste.

Per i tricolori Francesco Marrai nei Laser vince il suo quinto titolo italiano, Poggi il suo ottavo nei Finn (molto bello, dicevamo, il match race tra i due nel prepartenza, con Spadoni che si è ben difeso dall’attacco di Poggi dimostrando buone doti al suo esordio in Finn dopo il passaggio dal Laser, alla fine Poggi la spunta e Spadoni perde l’argento a favore di Simone Ferrarese, suo compagno di allenamenti alla Dinghy Academy di Valencia). Non sono mancate le sorprese, cosa che fa notare un importante rinnovamento tra i velisti della nuova generazione. Sorprende, per esempio, il secondo posto di Vittorio Bissaro e Silvia Sicouri, battuti da Porro-Marimon Giovannetti, autori di un ottimo campionato, e… dal comitato di regata che ha fatto rientrare i cat un’ora prima del tempo limite quando la brezza termica stava ormai per entrare. Sorpresa anche nei Laser Radial, dove l’azzurra di Rio Silvia Zennaro, terza, è stata superata dalle brave e giovani Valentina Balbi (YC Italiano) e Carolina Albano (CV Muggia). Nei 49er (anche qui niente regata finale) titolo a Dubbini-Cavalli mentre negli FX (otto barche, nota positiva) il dopo Giulia Conti inizia con il titolo a Raggio-Bergamaschi. Nei windsurf uomini Mattia Camboni, azzurro a Rio con merito, viene battuto dall’amico Daniele Benedetti.

Tutti i podi tricolori

Finn (dopo cinque prove) 1.Giorgio Poggi (Fiamme Gialle, 7); 2.Alican Kaynar (TUR, 10); 3.Simone Ferrarese (CV Bari, 12); 4.Alessio Spadoni (CC Aniene, 13).

14611035_1420902007924139_2533077162939103883_n

Laser Standard (dopo cinque prove) 1.Francesco Marrai (Fiamme Gialle, 11); 2.Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle, 12); 3.Niccolò Villa (CV , 28).

14516335_1420902047924135_2602141391435647280_n

RS:X M (dopo sette prove) 1.Daniele Benedetti (Fiamme Gialle, 7); 2.Mattia Camboni
(Fiamme Azzurre, 12); 3.Matteo Evangelisti (LNI Civitavecchia, 22).

14520397_1420902231257450_1708588676685796208_n

RS:X F (dopo sette prove) 1.Marta Maggetti (Fiamme Gialle, 57); 2.Veronica Fanciulli
(CS Aeronautica Militare, 58); 3.Giorgia Speciale (SEF Stamura, 63).

14517666_1420902181257455_8116395578451320743_n

470 M (dopo cinque prove) 1.Sivitz Kosuta-Farneti (YC Cupa, 5); 2.Capurro-Puppo (YC Italiano, 13); 3.Ferrari-Calabrò (LNI Ostia, 13).

14581336_1420902547924085_8242703868195388523_n

470 F (dopo cinque prove) 1.Di Salle-Dubbini (YC Italiano-CV Toscolano Maderno, 10); 2.Marchesini-Fedel (SV Barcola Grignano-Sirena CN Triestino, 22); 3.Berta-Carraro (CC Aniene-CS AeronauticaMilitare, 24).

14495273_1420902507924089_2374380646562241259_n

Laser Radial (dopo quattro prove) 1.Valentina Balbi (YC Italiano, 8); 2.Carolina Albano (CV Muggia,8); 3.Silvia Zennaro (Fiamme Gialle, 9).

14563570_1420902097924130_5394107033037863071_n

Nacra 17 (dopo cinque prove) 1.Porro-Giovannetti Marimon (CC Aniene, 6); 2.Bissaro-Sicouri (Fiamme Azzurre, 8); 3.Tita-Banti (Fiamme Gialle-CC Aniene, 10).

14568014_1420902274590779_3215563347641783079_n

49er (dopo sei prove) 1.Dubbini-Cavalli (GS Marina Militare-CV Gargnano, 9); 2.Crivelli Visconti-Togni (CRV Italia-GS Marina Militare, 10); 3.Janezic-Podlogar (SLO, 18); 4.Pilati-Rubagotti (FV Malcesine, 18).

14632867_1420902447924095_3122426057726911238_n

49er FX (dopo sei prove) 1.Raggio-Bergamaschi (CV La Spezia-SC Garda Salò, 7); 2.Volpi-Genesio (CN Loano, 9); 3.Gambarin-Gambarin (CV Arco, 15).

14601040_1420902327924107_5164770934315501774_n

Singolo Paralimpico 2.4 mR (dopo otto prove) 1.Stefano Maurizio (Compagnia della Vela Venezia, 19); 2.Nicola Redavid (LNI Milano, 19); 3.Mario Gambarini (LNI Mandello del Lario, 21).

CICO_day04_2016_dfg_05002

 

Per i premi alle società la Sezione Vela Guardia di Finanza vince la speciale classifica e si porta a casa i 10.000 euro destinati dalla FIV. Secondo il CC Aniene e terzo lo Yacht Club Italiano.

L’organizzazione del Campionato Italiano Classi Olimpiche è stata curata, su indicazione della Federazione Italiana Vela, dal Circolo Nautico Caposele in collaborazione con Yacht Club Gaeta, Centro Velico Vindicio, Circolo Remiero e Velico Terracina, Lega Navale Italiana sez. di Scauri e Circolo Nautico Vela Viva. Fondamentale la collaborazione di numerosi volontari e degli studenti dell’Università di Cassino Facoltà di Scienze Motorie, dell’Istituto Nautico di Gaeta Caboto, dell’istituto Superiore Stefanelli di Mondragone e dell’Istituto Commerciale Filangieri di Formia.

Classifiche complete su www.cncaposele.it/it/cico2016

La foto gallery di Gianluca Di Fazio:

 

2 COMMENTS

  1. Visto che i nostri atleti olimpici si perdono alle medal race delle olimpiadi, perchè non si comincia ad inserirla ai CICO fin da ora?

    • Sarebbe una buona idea Virgilio, ma a parte Finn e Laser, non ci sarebbero le dieci barche necessarie per farla… Un salutoi e grazie del tuo intervento

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here