SHARE

Hobart, Australia- Record frantumato anche alla Rolex Sydney-Hobart. Perpetual Loyal, il supermaxi da 100 piedi di Anthony Bell con Tom Slingsby come co-skipper, ha concluso le 628 miglia di regata alle 2:31.20 ora locale del 28 dicembre (le 16:31 in Italia). Il racer progettato da Juan Kouyoumndjian ha tagliato la linea d’arrivo posta a Hobart, dopo aver risalito la Storm Bay e l’estuario del fiume Derwent, in piena notte australiana.

c0swz38uqaawkfi
Perpetual Loyal all’arrivo di notte a Hobart

Il suo tempo di regata, un giorno, 13 ore, 31 minuti e 20 secondi, migliora il precedente record di Wild Oats XI (2012) di ben 4 ore e 51 minuti. Un primato eccezionale, che potrebbe durare diversi anni, reso possibile dalle eccellenti condizioni portanti (vento da NE) per tutta la traversata da Sydney alla Tasmania.

Anthony Bell all'arrivo con i mediua australiani
Anthony Bell all’arrivo con i mediua australiani
schermata-12-2457750-alle-10-58-59
Perpetual Loyal vola al lasco lungo le coste del Nuovo Galles del Sud. Foto Arrigo/Rolex

Per la vittoria overall in tempo compensato IRC, che assegna l’ambitissima Tattersall’s Cup, sembra che la partita sia tra il Volvo 70 Giacomo, che arriverà secondo in tempo reale a Hobart con a bordo anche Francesco Mongelli autore di un’ottima navigazione, e il Judel Vrolijk 52 Ichi Ban.

La Tattersall's Cup
La Tattersall’s Cup

Sono tre i velisti italiani che hanno preso parte alla Hobart 2016: oltre a Mongelli, Pierluigi De Felice, che si è dovuto ritirare con il Ker 46 Patrice su cui era imbarcato, e Marco Carpinelli.

15747866_10155025632194750_7354912812496935706_n

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here