SHARE
Il Porto di Ostia, sarà la sede del CICO 2017. Foto Lillini.com

Genova– Il mistero del CICO scomparso porta a un colpo di scena… Il Campionato Italiano delle Classi Olimpiche, ovvero la regata più importante dell’anno per la FIV e per il movimento delle derive italiano oltre che da sempre definita come “manifestazione-vetrina” della vela nazionale, a 45 giorni dal suo inizio (16-19 marzo) aveva certe solo le date. Nessuna comunicazione sulla logistica o sul Bando di Regata, strumento indispensabile di ogni evento, se non un generico “si svolgerà a Civitavecchia”.

Arriva adesso la notizia che il CICO 2017 è stato spostato a Ostia, nelle stesse date. Per la precisione sarà il Porto di Ostia, marina situato appena a sud della foce del Tevere, a ospitare l’evento e a essere la base logistica di tutte le classi: singoli, doppi, skiff e tavole a vela.

Il Porto di Ostia, sarà la sede del CICO 2017. Foto Lillini.com
Il Porto di Ostia, sarà la sede del CICO 2017. Foto Lillini.com

Fare Vela ha contattato il vice presidente FIV Alessandro Mei, che ha confermato la notizia spiegando come “problemi logistici che non siamo riusciti a risolvere ci hanno portato a rinunciare a Civitavecchia. Il Porto di Ostia sarà la base di tutto l’evento unificato. A brevissimo uscirà il sito con i link per le iscrizioni”.

Sono decine i velisti di tutta Italia che si sono chiesti nelle scorse settimane come fosse possibile che nessuno sapesse nulla della manifestazione “vetrina” della vela nazionale. Logistica, ferie, alloggi, programmazione della trasferta stavano diventano un problema concreto a poco più di un mese da una regata che, tra l’altro, servirà secondo quanto dichiarato dalla Federvela anche per formare le prime squadre del nuovo quadriennio olimpico.

Il CICO, da quando è nato nel 1994, ha sempre vissuto su alterne fortune, con edizioni splendide, altre frammentate e altre ancora decisamente sottotono per logistica e servizi. Eppure questo Campionato Italiano Unificato servirebbe proprio a rafforzare e diffondere l’immagine della vela nazionale, delle classi che ne fanno parte e dei centinaia di atleti che la considerano la regata più importante del loro calendario. Per il 2018 si sa che il CICO dovrebbe essere organizzato a Genova in epoca Salone. Per questo 2017, in cui tra l’altro la data è stata anticipata a marzo proprio per dare un inizio formale al nuovo quadriennio, l’incertezza ha regnato invece sovrana, quasi sfiorando il paradosso. E questo non è certo il modo migliore per far brillare la propria vetrina, tanto che alcuni velisti ormai tendono a non frequentare il CICO proprio pe le lacune organizzative troppo spesso manifestate in passato, quando invece dovrebbe essere l’evento dell’anno.

Laser in regata al CICO 2016 disputato (con poca fortuna) a Ostia. Foto Di Fazio
Laser in regata al CICO 2016 disputato (con poca fortuna) a Ostia. Foto Di Fazio

La regata è di fatto una “Mini” Olimpiade. Porta a organizzare almeno cinque campi di regata, una base logistica comune che necessariamente deve avere dei servizi, scivoli adeguati, sale per le giurie, la stampa, servizi ristoro e spogliatoi adeguati. In più la necessità di ufficiali di regata e giudici è da tutto esaurito. E’ evidente che questa manifestazione non può essere organizzata da chiunque e in tutte le località, come se fosse una qualsiasi regata nazionale. Senza contare il vento, che deve esserci per fornire le garanzie di spettacolo e regolarità, e l’appeal della località, in modo che il CICO stesso possa essere venduto a sponsor o ai media nazionali.

Il Porto di Ostia, quindi, dal 16 al 19 marzo. Meglio tardi che mai… Gli organizzatori e la Federvela, che su questo evento deve necessariamente puntare, hanno un mese di tempo per offrire il meglio ai velisti che arriveranno da tutta Italia.

La logistica ipotizzata per il CICO 2017 al Porto di Ostia
La logistica ipotizzata per il CICO 2017 al Porto di Ostia

Il comunicato stampa diffuso dalla FIV in serata:

“Il Campionato Italiano Classi Olimpiche (CICO) 2017 si terrà sul litorale di Roma: il Porto
Turistico di Roma, infatti, ospiterà dal 16 al 19 marzo l’evento sportivo dedicato alle classi
olimpiche (Doppi 470 M e F, Singoli Laser Standard e Laser Radial, Camarano Nacra 17,
Tavole a vela RS:X M e F, Singolo Finn, Doppi acrobatici 49er e 49er FX) e
paralimpiche, valido per l’assegnazione dei titoli Italiani. Lo spostamento di sede da
Civitavecchia ad Ostia, conseguenza di problematiche logistiche e autorizzative
dell’ultimo momento di non facile soluzione, hanno spinto la Federazione Italiana Vela a
prendere questa decisione. La nuova logistica consente di ospitare tutte le classi veliche
in un’unica location.

I primi a raccogliere la sfida organizzativa del Campionato Italiano Classi Olimpiche 2017
erano stati i circoli velici di Civitavecchia, che solo a fine ottobre, su richiesta della FIV,
avevano manifestato la propria disponibilità a ospitare l’evento dopo la rinuncia di
Genova (a cui a luglio 2016 era stata assegnata la manifestazione) e la scelta di
anticipare l’evento al mese di marzo. L’anticipazione dell’evento a inizio stagione nasce
con lo scopo di far sì che il CICO diventi una manifestazione di riferimento nel calendario
nazionale e un appuntamento appetibile anche da equipaggi stranieri.

“Una corsa contro il tempo ha visto sin da subito i circoli di Civitavecchia impegnati per
garantire un’organizzazione impeccabile”, ha commentato il Vicepresidente della FIV
Alessandro Mei. “La mancanza di certezza sulle procedure autorizzative per adeguare la
struttura di Civitavecchia alle necessità dell’evento e i tempi ristretti, ci hanno portato a
decidere per una sede alternativa, non distante dalla prima, che ci potesse offrire
maggiori condizioni di fattibilità”.

L’evento si va ad inserire in un progetto di valorizzazione e riqualificazione della struttura
portuale di Ostia, siglato a dicembre scorso fra la Federazione Italiana Vela e
l’Amministrazione giudiziaria che da luglio 2016 ha in carico il Porto Turistico di Roma.
“Ringraziamo l’amministratore Donato Pezzuto e il Tribunale di Roma”, ha proseguito il
Vicepresidente Mei, “che senza indugi hanno accolto questa nostra sfida, dando il
massimo supporto per l’organizzazione della manifestazione che vedrà coinvolti i circoli
di Civitavecchia e del litorale romano che già ci hanno dato disponibilità”.

Nei prossimi giorni sarà attiva una pagina web dedicata all’evento, con al suo interno il
Bando di Regata e il form per accedere all’iscrizione online”.

 

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here