SHARE
Francesco Marrai a Palma. Foto Renedo

Palma di Maiorca, Spagna– Francesco Marrai sbanca Palma e vince il Trofeo Princesa Sofia nei Laser. Per il timoniere livornese delle Fiamme Gialle e del Garnell Sailing Team si tratta di un importantissimo successo in una regata di notevole tradizione e difficoltà all’inizio del nuovo quadriennio, che segue di pochi la conquista del suo sesto titolo tricolore nel singolo olimpico. Si è regatato oggi in condizioni spettacolari con 25 nodi di Mistral.

Francesco Marrai a Palma. Foto Renedo
Francesco Marrai a Palma. Foto Renedo

Mattia Camboni conclude quarto nella tavola RS:X maschile (decimo Carlo Ciabatti), Marta Maggetti è nona nell’RS:X femminile, Elena Berta e Sveva Carraro cono quinte nel 470 donne, Ruggero Tita e Caterina Banti ottavi nel Nacra 17 e Maria Ottavia Raggio e Paola Bergamaschi ottave negli FX.

Berta-Carraro
Berta-Carraro

Così Marrai dopo la vittoria, ottenuta dopo aver concluso al sesto posto la Medal Race finale (con l’avversario diretto, l’inglese Hanson, decimo): “Mi sentivo a mio agio qui. Ho molta più esperienza rispetto all’ultima volta, specialmente dopo essere stato ai Giochi Olimpici, per lo più riguardo all’intero approccio a tutta la settimana, in cui sono riuscito a restare motivato e concentrato durante tutta la regata. Mi sento molto motivato dopo Rio”.

Mattia Camboni
Mattia Camboni

I Nacra e i 49er non hanno disputato le loro Medal a causa del vento per loro eccessivo. Le altre vittorie di classe sono andate allo svedese Salminen davanti all’ungherese Berecz nei Finn e al turco Kaynar dopo la ventosissima finale a cinque, ai giapponesi Isozaki-Takanayagi nei 470 uomini, alle olandesi Zegers-van Veen nei 470 donne, con Berta-Carraro quinte e al loro miglior risultato in carriera, ai britannici Peters-Sterrit nei 49er, alle tedesche Jurczok-Lorenz negli FX dove Raggio-Bergamaschi conludono ottave la loro ottima settimana, alla cinese Zhang nei Laser Radial, agli spagnoli Echavarri-Pacheco nei Nacra 17 (ottavi Tita-Banti), al polacco Tarnowski negli RS:X uomini con Mattia Camboni quarto e alla polacca Noceti-Klepacka negli RS:X donne.

Szombor Berecz (Hun) nei Finn
Szombor Berecz (Hun) nei Finn

Il commento del DT Michele Marchesini: “Tornare a casa con sette equipaggi in finale in sei classi, una vittoria assoluta e un paio di podi sfiorati, ottenuti con una Squadra che ha un’età media di 21 anni, è davvero una grande soddisfazione. La squadra si evolve e atleti su cui si è investito e creduto tanto nello scorso quadriennio, si stanno collocando nei posti corretti, primo fra tutti Francesco Marrai, che ha vinto questo Trofeo Princesa Sofia di Palma – un achievement importantissimo nella carriera di un’atleta – e lo ha fatto da campione, con una perfetta regolarità in tutte le prove e in tutte le condizioni,
mantenendo i nervi saldi in Medal Race e facendo valere la sua marineria e la
conoscenza del mezzo in una regata finale che poteva essere complicata per le
condizioni meteo non certo facili. Per quanto riguarda tutti gli altri, molto positive le
prestazioni di Albano, Camboni, Ciabatti, Maggetti, Raggio-Bergamaschi, Tita-Banti,
Ferraro-Calabrò – anche se i tre DNC dovuti all’infortunio di Calabrò li hanno penalizzati – Berta-Carraro e lo stesso Spadoni. Certamente abbiamo moltissima strada e lavoro
davanti, ma se confrontiamo l’inizio di questo quadriennio Olimpico con il precedente, la
situazione è buona”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here