SHARE

Bermuda– Che i kiwi fossero a serio rischio “speronamento” durante la prossima America’s Cup era una possibilità reale. Il loro “non allineamento” con gli altri cinque team che condividono con Oracle Team USA la visione sul futuro della Coppa, li porta a essere temuti, soprattutto dopo l’innovazione sul pedal-grinding che sembra dare buoni frutti in termini di velocità e stabilità del foiling, tanto che lo stesso Oracle sta cercando di copiare all’ultimo momento.

https://youtu.be/fHEESp2Gd5c

Ieri, nel primo reale match che ETNZL ha sostenuto nel Great Soung, l’AC50 Aotearoa si è misurato in uno spettacolare pre-start con Land Rover BAR. Dopo che Peter Burling, il timoniere kiwi, aveva egregiamente conquistato la posizione migliore in partenza, Ben Ainslie ha forzato la manovra andando a colpire con il suo scafo di dritta lo scafo di sinistra di Aotearoa in una manovra che lo stesso Burling ha definito “non necessaria”.

“E’ una vergogna dato che nell’ultima prepartenza avevavo conquistato e assicurato il sottovento al pin, Ben era abbastanza in ritardo e ci è venuto semplicemente addosso colpendoci da dietro”, ha spiegato l’oro olimpico kiwi e timoniere di Aotearoa Peter Burling.

Ben Ainslie ha twittato nelle scuse molto soft:

”Bit of a love tap racing hard with @EmiratesTeamNZ,’ Sorry guys and hope you’re back on the water soon.”

che sanno più che altro di sfida e “benvenuti nell’OK Corral”.

Regata interrotta, si suppone che il solco di un metro sia riparabile in poco tempo. Si direbbe che Ben Ainslie, innervosito per prenderle da tutti eccetto Team France, sia diventato troppo aggressivo…

Il danno alla parte interna dello scafo di sinistra, secondo quanto dichiarato dagli stessi neozelandesi, dovrebbe tenere Aotearoa fuori dagli allenamenti per un paio di giorni, impedendogli di fatto di partecipare a reali regate, che sono appunto previste per questa settimana. Un modo per danneggiare i temuti kiwi o fatalità? La cosa certa è che alle Bermuda in molti cominciano ad avere paura dei neozelandesi.

L’incidente segue quello di due giorni fa in cui ETNZL aveva danneggiato un timone.

 

1 COMMENT

  1. Li faranno fuori subito purtroppo, Oracle non può permettersi di perdere, quindi pagheranno qualche timoniere amico per distruggere Aotearoa.
    Poi chiederanno scusa elegantemente…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here