SHARE

Pontassieve– Avreste mai detto che alcuni pezzi dell’ala di Emirates Team New Zealand, che vediamo sfrecciare a oltre 40 nodi nel Great Sound delle Bermuda, sono prodotti tra i verdi colli fiorentini di Pontassieve? Esatto, le pulegge e alcuni altri sistemi di trasmissione (coperti da segreto) di Aotearoa sono prodotti da Ubi Maior, l’azienda parte del gruppo Dini Srl specializzata in attrezzature di coperta per barche a vela di alte prestazioni.

13/05/17- Emirates Team New Zealand sailing on Bermuda’s Great Sound testing in the lead up to the 35th America’s Cup

Siamo andati proprio a Pontassieve, per far visita a Ubi Maior, che avevamo trovato spesso su barche hi tech, dal TP52 dell’Aniene, a Maserati, a SuperNikka, ai Mylius, agli Swan 90. A farci da guida Raffaele Di Russo, Red Manager dell’azienda fiorentina di meccanica di precisione nautica. La sede è un capannone situato in una zona industriale incastonata nel verde di Pian del Molino, una vallata a un paio di chilometri da Pontassieve, dove l’Arno, una volta lasciata Firenze si prepara a dar le spalle ad Arezzo.

Gli uomini e le donne di Ubi Maior nella sede di Pontassieve

“La collaborazione con ETNZL, di cui siamo official supplier, riguarda le pulegge dell’ala e altri componenti che però sono coperti da accordo di segretezza”, ci spiega Di Russo, “Ne siamo particolarmente orgogliosi e il contatto è avvenuto tramite Max Sirena. ETNZL cercava dei prodotti di qualità al di fuori dei consueti canali e la possibilità di produrre pezzi custom ad alta porecisione, ed eccoci qui”.

Il video della nostra visita a Ubi Maior Italia:

L’azienda è giovane, con un gruppo di una quindicina di persone che progetta, produce e commercializza pezzi fondamentali e con una stessa caratteristica: funzionalità e precisione per barche a vela ad alte prestazioni o comunque da crociera-regata. I pezzi vanno dalle pulegge ai bozzelli, dalle pastecche ai sistemi avvolgitori, tra cui il Jiber, vero fiore all’occhiello dell’azienda nelle sue ultime evoluzioni tecniche.

Si tratta di ricavare i prodotti Ubi Maior attraverso la lavorazione meccanica di materiali di altissima qualità strutturale e le frese a controllo numerico al lavoro costantemente nell’officina Ubi Maior ne sono una prova.

L’esploso del bozzello RT70U

Ubi Maior Italia presenta sul mercato tre gamme complete di bozzelli che soddisfano le varie esigenze della vela agonistica: YC Yacht Club destinate ai cruiser che cercano qualità e durata, RT Regata con la sua evoluzione hi tech RT Ultra ed Extreme Flight, con gli ormai superricercati bozzelli a fissaggio tessile, che affidano i carichi primari e trasversali a cuscinetti in tecnopolimero che garantiscono resistenza a carichi elevati, anche statici, e nessuna manutenzione. C’è poi la linea FR Avvolgitori con il prodotto di punta REWind, ideale per Code Zero inferiti o gennaker. Il sistema di autoblocco del REWind ne facilita l’uso, visto che impedisce la riapertura della vela durante la manovra di riavvolgimento. REWind è disponibile in due versioni: RW con mura fissa per code zero o genoa ed RWm con mandrino libero per avvolgere gennaker con cavo non inferito.

Analisi dei carichi

Ormai ben apprezzato è poi il rivoluzionario rollafiocco strutturale, primo sul mercato, il Jiber. Si tratta del rollafiocco strutturale che funziona senza il classico estruso in alluminio, con un risparmio iniziale di 30 kg, per non parlare della miglior efficienza e della superiore aerodinamicità all’attacco della ralinga sullo strallo. Lo strallo in tondino è collegato al tamburo e alla testa tramite una lancia e, rotando, trasmette la torsione per avvolgere la vela. Jiber si utilizza come un rollafiocco tradizionale con la differenza però che la vela può essere issata e ammainata e la tensione della drizza sempre regolata, con evidenti vantaggi di prestazioni sia in regata di club sia in crociera.

L’avvolgitore UBi Maior

A questi prodotti si aggiunge una vasta gamma di accessori. Ai prodotti del catalogo si aggiunge anche la possibilità di produrre pezzi custom, su richiesta degli armatori o dei sailing team, come è stato appunto il caso di Emirates Team New Zealand.

www.ubimaioritalia.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here