SHARE

Calvì, Francia- Va agli svizzeri di Realteam la tappa di Calvì del GC32 Racing Tour 2017. Malgrado un cielo grigio, poco estivo, la baia di Calvi in Corsica ha garantito ieri le condizioni di vento più stabili di tutto l’evento, con 15/20 nodi, che hanno permesso lo svolgimento di un round dell’ANONIMO Speed Challenge e cinque regate con partenza al lasco.

GC32 Racing Tour , fourth event of the year, GC32 Orezza Corsica Cup 13-16 September 2017
Photo © Jesús Renedo / GC32 Racing Tour

Sono stati gli americani di Argo a fa registrare la migliore velocità nella prova dell’ANONIMO Speed Challenge con 21,21 nodi. “Finalmente!” Ha detto il timoniere nordamericano Anthony Kotoun. “Ieri siamo andati male, ma oggi siamo stati bravi. Evviva!” Kotoun ha spiegato le ragioni del successo odierno dicendo: “E’ stata la prima volta che siamo riusciti a fare una strambata in foiling alla boa. E abbiamo anche vinto un orologio. Siamo contenti che ANONIMO sia lo sponsor del Tour.” Il vincitore della prova di velocità su ogni evento, infatti, si aggiudica un orologio ANONIMO Nautilo.

Mentre il vento arrivava fino a 20 nodi, nella quarta prova, si è potuto assistere a partenze molto tirate. Ancora una volta l’allevamento ittico della baia di Calvi ha costituito un ostacolo sul lato sinistro del campo, costringendo i team che sceglievano la sinistra a raggiungere il cancello sottovento a grande velocità. Su Argo si sono registrati non meno di 36 nodi.

Dopo la vittoria nell’ANONIMO Speed Challenge, Argo ha continuato la striscia positiva anche nelle regate di flotta, con due risultati utili nelle prime due prove. “Siamo riusciti a rientrare in fase, la comunicazione a bordo e le manovre sono state buone.” ha spiegato Kotoun.

E’ stato nella terza regata che un errore ha colpito Malizia – Yacht Club de Monaco di Pierre Casiraghi al passaggio della boa di bolina. “Ho urtato la boa e il timone è rimasto agganciato, tutto qui…” Il timone di destra si è strappato dalla poppa, costringendo l’equipaggio monegasco a ritirarsi dalle regate successive. “Ho fatto un errore.” Ha detto il velista del principato. “I ragazzi hanno navigato davvero bene, mi dispiace perché questa settimana hanno fatto un gran lavoro.” Alla vigilia delle regate, infatti, Malizia era saldamente in testa alla classifica provvisoria con un vantaggio di 14 punti.

Con l’uscita di scena della barca monegasca, le ultime prove si sono tramutate in una lotta due per la leadership fra gli svizzeri di Realteam e gli americani di Argo. Inizialmente le cose sono andate meglio per Argo, ma poi Realteam ha vinto la terza e la quarta prova ed è partito per l’ultima, decisiva regata con un vantaggio minimo, di un solo punto.

“Erano un punto dietro a noi, quindi chi avesse vinto la prova si sarebbe aggiudicato la serie.” Ha spiegato lo skipper elvetico Jérôme Clerc. “Siamo partiti bene ed eravamo avanti alla prima strambata, quindi dovevamo solo coprire.” Cosa che è riuscita loro benissimo. Argo, da parte sua, ha superato i francesi di Team ENGIE con Sébastien Rogues sull’ultimo bordo, conquistando la seconda piazza mentre Realteam, il team fondato da Esteban Garcia, ha vinto la GC32 Orezza Corsica Cup con soli due punti di margine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here