SHARE
Luca Sabiu alla partenza. Foto Breschi

La Coruña, Spagna- Mini Transat conclusa purtroppo per Luca Sabiu. Nella notte il suo Vivere la Vela ha disalberato e Sabiu, nelle operazioni d’emergenza, ha sbattuto il torace in pozzetto riportando la frattura di due costole. Sabiu ha lanciato il segnale d’emergenza ed e’ stato evacuato da un elicottero di soccorso spagnolo, che lo ha trasportato in ospedale, a La Coruña, da dove ha potuto contattare la famiglia rassicurandola sulle sue condizioni. Il suo Pogo 2 e’ rimasto alla deriva al largo della Costa de la Muerte, l’estremita’ nord occidentale della Galizia che culmina con Capo Finisterre.

Luca Sabiu alla partenza. Foto Breschi

Sabiu, che aveva segnalato problemi al pilota automatico sin dalla partenza da La Rochelle, e’ quindi il secondo italiano costretto ad abbandonare la regata dopo Matteo Rusticali, anche lui vittima di un disalberamento.

Per quanto riguarda la regata, sembra proprio aver pagato la scelta tattica di Andrea Fornaro che e’ riuscito a navigare veloce per tutta la notte e la giornata di oggi in un lungo bordo mure a sinistra riportandosi tra i primi nei Proto. Da segnalare che Fornaro e’ stato uno dei soli due Proto a lasciare a sinistra la Zona di Esclusione di Finisterre. Sideral e’ alle 15 UTC di oggi in 11esima posizione, a 89,5 miglia dal leader Ian Lipinski e a 767 da Las Palmas de Gran Canaria. 227 le miglia percorse nelle ultime 24 ore dal velista di Orbetello. Lipinski comanda la flotta con 20 miglia di vantaggio su Leger. Le Meme ha perso trenta miglia per la scelta di navigare troppo sotto la costa portoghese, finendo per transitare in una zona di minor vento.

Sideral alla partenza da La Rochelle. Foto Breschi

Continua ad andare alla grande Ambrogio Beccaria tra i Serie. Il velista milanese e’ settimo a 21 miglia dal leader Remy Aubrun e a 745 miglia da Las Palmas. Per Alla Grande Ambecco ben 239 miglia nelle ultime 24 ore, a 9,9 nodi di media, una riprova di come Beccaria stia davvero spingendo al massimo il suo Pogo 2 del 2004. Tra l’altro Beccaria appare ben posizionato per l’evoluzione meteo delle prossime 24 ore, con la possibilita’ di restare nella parte di maggior flusso del vento da NNE che soffia al largo di Lisbona. Andrea Pendibene su Pegaso Marina Militare e’ 23esimo a 90 miglia, mentre Emanuele Grassi su Penelope e’ 41esimo a 139 miglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here