SHARE
La complessa situazione meteo che attende la flotta della Mini Transat nelle prossime 48h

Las Palmas de Gran Canaria- Finale thrilling per la prima tappa della Mini Transat. Come da previsione la cavalcata tra il Portogallo e Madeira si è bloccata in una zona di poco vento che si trova proprio a nord delle Canarie. Una situazione complessa, che sta portando a un deciso rimescolamento delle posizioni.

La complessa situazione meteo che attende la flotta della Mini Transat nelle prossime 48h

A farne le spese è stato addirittura Ian Lipinski, leader nei Proto per quasi tutta la tappa che è rimasto invischiato in una zona di bonaccia troppo a est. In testa questo pomeriggio è passato quindi Arthur Leger su Antal XPO, che si trovava alle 18UTC (le 20 CET) a 180 miglia dall’arrivo di Las Palmas de Gran Canaria. Lipinski è seconda a 15 miglia. Per le prossime 36 ore, l’arrivo è previsto per la mattinata di martedì, regnerà l’incertezza, visto che l’evoluzione meteo pare obbligare i ministi ad attraversare proprio questa profonda zona di vento leggerissimo a nord di Gran Canaria e a ovest di Lanzarote e Fuerteventura.

Andrea Fornaro poco prima della partenza da La Rochelle

L’effetto elastico ha consentito un po’ a tutti i migliori di accorciare le distanze con il duo di testa. Tra questi anche Andrea Fornaro che con Sideral ha navigato veloce per le ultime 48 ore, mentenendo il decimo posto, ora a 94,9 miglia dal primo e a 274 da Las Palmas. Per il velista toscano anche una buona posizione in approccio alla zona di bonaccia.

Prosegue la splendida regata tra i Serie di Ambrogio Beccaria. Alla Grande Ambecco alle 18UTC era settimo a 31 miglia dal nuovo leader, Erwan Le Draoulec che ha superato la Clarisse Cremer, che nelle ultime 48 ore aveva messo in riga i maschietti. Andrea Pendibene su Pegaso Marina Militare è 26esimo a 103 miglia dal leader, mentre Emanuele Grassi su Penelope è 49esimo a 217 miglia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here