SHARE
Fabrice Amedeo skipper IMOCA Newrest-Brioche Pasquier and co-skipper Giancarlo Pedote training before Transat Jacques Vabre 2017, on September 1, 2017. Photo © Jean-Marie LIOT-www.jmliot.com

Le Havre, Francia- Giancarlo Pedote sale finalemte sulla barca del suo destino, un Imoca 60. Lo farà al fianco di Fabrice Amedeo su Newrest Brioche Pasquier alla Transat Jacques Vabre che parte domenica prossima 5 novembre da Le Havre per Salvador de Bahia. Per il velista fiorentino di casa a Loriernt si tratta di una tappa fondamentale in vista del suo obiettivo, la partecipazione al Vendee Globe. Pedote aveva già preso parte alla Jacques Vabre nel 2015 a bordo del Multi 50. In regata ci sono le classi Imoca 60, Ultime, Class 40 e Multi 50. Tra i Class 40 regatano gli italiani Andrea Fantini e Alberto Bona su Enel Green Power e Massimo Juris e Pietro Luciani su Colombre XL.

Giancarlo Pedote, che navigherà in IMOCA (13 barche iscritte) al fianco di Fabrice Amedeo, racconta la sua preparazione alla Jacques Vabre, la più celebre tra le transatlantuche in doppio che porterà una flotta di 38 imbarcazioni in Brasile.

Fabrice Amedeo skipper IMOCA Newrest-Brioche Pasquier and co-skipper Giancarlo Pedote training before Transat Jacques Vabre 2017, on September 1, 2017. Photo © Jean-Marie LIOT-www.jmliot.com

Davanti alla banchina dove è ancorata Newrest Brioche Pasquier, Giancarlo Pedote guarda l’adesivo Prysmian Group in murata e sintetizza così la sua esperienza:
“Questo è il mio biglietto di ingresso in Classe IMOCA. Dopo 10 anni intensi di navigazione oceanica su tanti supporti diversi, arriva anche per me la prima traversata atlantica su un 60 piedi. Me ne sono accorto presto: quando navighi su tanti scafi diversi, puoi capirne le particolarità, le somiglianze e le complicazioni, e puoi isolare i differenti aspetti delle metodologie di condotta per lavorare al meglio nello sviluppo di un progetto”.

E quando Giancarlo Pedote parla di progetto, intende la classe IMOCA: “Mi manca un’esperienza in ULTIME per completare il puzzle che mi permetterà di esprimermi al meglio in classe IMOCA.
Mi sento molto fortunato ad essere qui nel Bassin Paul Vatine. Poter prendere la partenza della Transat Jacques Vabre su un 60 piedi è un nuovo grande punto di partenza. La classe IMOCA è una classe che sogno da quando un giorno nella vita ho capito che esisteva uno sport che si chiama vela oceanica. Adesso voglio cercare di sfruttare quest’occasione al massimo, per testare i miei limiti e cercare di espletare al meglio ciò che ho imparato in questi anni in termini di feeling con la barca, strategia, analisi meteo, vita a bordo. Voglio far confluire tutto in questa regata”.

Fabrice Amedeo skipper IMOCA Newrest-Brioche Pasquier and co-skipper Giancarlo Pedote training before Transat Jacques Vabre 2017, on September 1, 2017. Photo © Jean-Marie LIOT-www.jmliot.com

Su Newrest-Brioche Pasquier, un progetto Farr del 2007:
“La nostra imbarcazione è pronta, stiamo facendo giusto dei piccoli interventi classici di routine. A partire da mercoledì inizieranno i briefing obbligatori per gli skipper. Continuerò a seguire la meteo ogni giorno per non perdere di vista l’evoluzione dello scenario in cui ci ritroveremo domenica 5 e prendere una partenza nelle migliori condizioni”.

Negli Ultime sono tre i supermulti iscritti: SodebO Ultim di Thomas Coville e Jean Luc Nelias, Maxi Edmond de Rotschild di Seb Josse e Thomas Rouxel, Prince de Bretagne di Lionel Lemonchois e Bernard Stamm.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here