SHARE
Splendida immagine subacquea della Star di Buhk-Koy. Foto Gilles Morelle

Nassau, Bahamas- Condizioni mediterranee oggi a Nassau e, infatti, Francesco Bruni e Diego Negri danno spettacolo. Il palermitano insieme a Nando Colaninno ottiene un quarto (dopo aver condotto all’inizio della poppa finale) e un autorevole primo nella seconda prova di giornata. Il ligure insieme a Sergio Lambertenghi è sempre davanti e conclude con due terzi posti risalendo fino al terzo posto nella classifica generale guidata oggi da Mark Mendelblatt (1-2 nelle due regate odierne), l’ortopedico-starista campione uscente della Star Sailors League.

Secondo nella generale è Robert Scheidt (oggi 2-19) con Henry Boening. Quarto è Paul Cayard (oggi 14-9) e quinto il soprendente laserista tedesco Philipp Buhl (9-5). Bruni-Colaninno rientrano adesso ampiamente tra i primi dieci che sabato disputeranno la fase finale e, con tre prove ancora da disputare domani, sono sesti.

Splendida immagine subacquea della Star di Buhk-Koy. Foto Gilles Morelle

La classifica dopo otto prove:

Vento da ESE, che si insinua nel canale tra Nassau e Paradise Island, tra i 5 e i 7 nodi. La bandiera Oscar per il pompaggio libero (ci vogliono almeno 6 nodi) va su e giù più volte. Bruni e Nebri sono protagonisti con efficaci partenze, buona velocità e bordeggio dipinto. Alla prima regata sono Negri-Lambertenghi a girare in testa la prima bolina, si prendono una penalità per pompaggio e perdono due barche, tra cui Scheidt che con tecnica sopraffina balla tra le ondine del Sound recuperando tre punti preziosi. Alla seconda bolina in testa sono Bruni e Colaninno, che nella poppa perdono tre barche nel gioco di strambate, questa volta con pompaggio libero. Nella seconda regata dominio assoluto del palermitano e del gaetano, che partono bene, allungano meglio e bordeggiano come meglio non si poteva nel vento infido. Il solo Mark Mendelblatt riesce a tenere il passo degli italiani.

Bruni-Colaninno festeggiano la vittoria in race 8

Robert Scheidt, sin qui regolarissimo, incappa in race 8 in un giro di boa da autoscontro e rimedia una penalità che lo fa scendere in seconda posizione.

Ricordiamo che il primo dopo le 11 prove di flotta accederà direttamente alla finalissima a quattro di sabato, il secondo accederà alla semifinale a sei, mentre gli equipaggi piazzati dal terzo al decimo posto accedono ai quarti di finale. Domani è previsto vento tra i 16 e i 20 nodi per cui tutto è ancora in gioco.

Negri-Lambertenghi in testa alla prima bolina in race 7

Molto interessante la Conferenza Stampa con alcuni dei migliori skipper e molta qualità, non solo velica ma anche umana e professionale, in cui si è parlato dell’esperienza della Star Sailors League e della possibilità di riunire i migliori velisti al mondo provenienti da diverse classi ed esperienze in un unico evento, che è l’obiettivo della SSL.

Molto apprezzate le parole di Loick Peyron, che qui sta facendo un figurone da gentleman della vela nonostante la scarsa esperienza in Star, e Paul Cayard, che si è detto sicuro che “La SSL in un paio d’anni riuscirà a diventare uno degli eventi di maggior importanza nella vela mondiale, proprio grazie all’apprezzamento dei velisti che partecipano in prima persona a migliorarne il concept”.

Foto Gilles Morelle

Qui sotto il video della Conferenza Stampa, a cui per l’Italia ha partecipato Francesco Bruni, a cui ovviamente sono state poste domande sulla prossima America’s Cup. Franmck Cammas ha ammesso che il progetto immediato è di trovare i fondi per una nuova partecipazione di Team France all’AC, “anche se non sarà facile”:

Il replay della terza giornata:

La classifica dopo sei prove delle undici previste per le qualificazioni:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here