SHARE
Leg 6 to Auckland, day 16 on board Turn the Tide on Plastic. View from above. 22 February, 2018.

Nuova Caledonia– Turn the Tide on Plastic ha preso la testa della Leg 6 e con l’arrivo del nuovo vento da Est potrebbe mantenerla anche nei prossimi due giorni. Alle 13 UTC di oggi TTTOP, barca su cui regata anche Francesca Clapcich, era al comando a 1283 miglia da Auckland, con 13,2 miglia di vantaggio su Brunel e 18,4 su Akzonobel. Quarto Scallywag a 23 miglia. Mapfre e Dongfeng continuano a lottare fianco a fianco, con gli spagnoli a 71 miglia e i francesi a 73,2 miglia.

Leg 6 to Auckland, day 16 on board Turn the Tide on Plastic. View from above. 22 February, 2018.

“Fra circa 120 miglia c’è un reef a settentrione della Nuova Caledonia,” ha spiegato la skipper di TTTP Dee Caffari, “Ci sono due opzioni, passare da fuori oppure entrare nel Grand Passage, nel mezzo. Abbiamo scelto quest’ultima perché pensiamo che ci possa far guadagnare circa un’ora e mezza. Ogni singolo minuto è importante fra qui e Auckland. I nostri avversari dietro stanno facendo lo stesso ma quelli a ovest passeranno fuori. Vedremo chi avrà fatto la scelta migliore, vedremo domani.”

“Turn the Tide on Plastic e davanti nel report, ma lo sarà ancora quando raggiungeremo il prossimo waypoint a nord della Nuova Caledonia?” si chiede Cecil Laguette di Akzonobel. “Siamo più vicini, una cosa è certa: hanno recuperato molto, quindi la lotta è aperta.”

“Siamo di buon umore, stiamo bene e cerchiamo una chance per recuperare miglia sul medio periodo”, ha spiegato il navigatore di Team Brunel, l’iberico Juan Vila, “Il fronte orientale australiano potrebbe mettere sulla nostra strada delle opportunità e l’attraversamento verso la Nuova Zelanda potrebbe non essere così diretto come si pensa”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here