SHARE
Tita-Banti festeggiano la vittoria a Palma

Palma di Maiorca- Si conclude con un oro (Tita-Banti nei Nacra 17, vittoria schiacciante conquistata con un giorno d’anticipo), un bronzo (Flavia Tartaglini negli RS:X donne) e un quinto posto (Bressani-Zorzi sempre nei Nacra 17) il Trofeo Princesa Sofia per la vela italiana.

Ruggero Tita e Caterina Banti concludono all’ottavo posto la Medal e vincono agevolmente la regata dei Nacra 17, con 16 punti di vantaggio sugli inglesi Saxton-Boniface. Terzi gli spagnoli Echavarri-Pacheco. Quinti Lorenzo Bressani e Cecilia Zorzi, sesti nella Medal Race.

Tita-Banti festeggiano la vittoria a Palma

Negli RS:X Flavia Tartaglini è settima nella Medal Race e conferma il terzo posto di ieri.

I vincitori nelle varie classi sono stati: Tita-Banti (Nacra 17), Scott, GBR (Finn), De Geus, NED (RS:X F), Tarnowski, POL (RS:X M), Belcher-Ryan, AUS (470 M, a loro va anche il Trofeo Princesa Sofia Overall per aver ottenuto il miglior punteggio tra tutte le classi), Kondo-Yoshioka, JPN (470 F), Wearn, AUS (Laser), Rindom, DEN (Laser Radial), Lange-Lange, ARG (49er, si tratta di Yago e Klaus, figli del grande Santiago Lange, che a Palma ha concluso settimo nei Nacra), Bekkering-Duetz, NED (FX).

Non vi erano altri italiani tra i primi dieci che hanno disputato oggi le Medal Race finali.

Così Ruggero Tita dopo la vittoria conquistata ieri: “Siamo davvero felici di aver vinto il primo evento della stagione. Siamo stati a Cagliari per tutto l’inverno con buoni compagni d’allenamento e ciò è molto importante per il nostro programma. Qui eravamo davvero veloci, specialmente in poppa. Siamo sempore stati veloci in poppa con vento forte ma nei giorni d’aria leggera avevamo alcuni problemi, così che siamo davvero contenti di aver fatto bene oggi”.

Il Nacra 17 italiano si propone quindi come il gruppo migliore a livello internazionale, grazie anche all’attento lavoro del coach Gabriele Bruni. Bressani-Zorsi riescono ormai stabilmente a stare nei top ten. Considerando che c’è anche Vittorio Bissaro, che sta perfezxionando l’intesa con la nuova prodiera Maelle Frascari, e i giovani emergenti Ugolini-Giubilei.

Il bilancio di Lorenzo Bressani (Circolo Canottieri Aniene), che con Cecilia Zorzi (Marina Militare) ha colto un quinto posto dall’alto peso specifico considerando l’altissimo livello della flotta dei Nacra: “Un quinto posto al Trofeo Principessa Sofia che non può che soddisfarci. Abbiamo confermato lo stesso risultato ottenuto alla World Cup di Miami lo scorso gennaio, con la differenza che qui a Palma il livello era sicuramente più alto, paragonabile ad un campionato del mondo di classe. In questi 10 giorni qui a Maiorca abbiamo avuto la conferma che in condizioni di vento medio-leggero possiamo giocarcela con i primi e dire la nostra, dobbiamo crescere, ma ritengo abbiamo ancora un buon margine, nelle andature portanti con vento forte e mare formato. Oggi questo è il nostro tallone d’Achille evidente anche dallo score di questa settimana. Nelle sei prove di qualificazioni siamo stati molto costanti, mai fuori dai dieci, abbiamo invece sofferto un po’ nella terza giornata, quella più ventosa, dove complice un errore di valutazione, abbiamo racimolato un po’ troppi punti…

Bressani-Zorzi a Palma. Foto Renedo

Complimenti ai nostri compagni di squadra Tita-Banti che, al momento, hanno dimostrato di avere una marcia in più rispetto al resto della flotta. Un ringraziamento al nostro coach, Andrea Trani, che ormai da quasi 10 mesi ci segue e ci sta aiutando molto nella crescita e ovviamente al nostro sponsor Toremar che ci consente di svolgere questa attività ai massimi livelli, un supporto fondamentale per poter affrontare una campagna olimpica a buon livello. Ora una settimana di riposo e poi torneremo in acqua a Hyeres per una sessione di allenamento in vista della World Cup di fine aprile”.

Flavia Tartaglini oggi a Palma. Foto Renedo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here