SHARE
Pendragon taglia la linea d'arrivo. Foto Taccola

Punta Ala– E’ Pendragon di Nicola Paoleschi il vincitore in tempo reale della 151 Miglia Trofeo Cetilar. Dopo un lungo inseguimento durato per tutta la regta, Pendragon, con Francesco Diddi come tattico, ha superato alle 7:35 di questa mattina Vera (l’ex My Song) di Miguel Galluccio di appena 15 secondi nel match race finale tra lo Sparviero e la linea d’arrivo a Punta Ala.

Pendragon taglia la linea d’arrivo. Foto Taccola

Pendragon conquista anche il nuovo record della regata, fissato in in 15 ore, 30 minuti e 45 secondi, di 55 minuti inferiore al precedente di OurDream. Su Pendragon ha regatato anche l’olimpionica grossetana Alessandra Sensini.

Al terzo posto alle 9:00 ha chiuso il Vismara Mills 62 RC SuperNikka di Roberto Lacorte (a bordo Tommaso Chieffi e il francese Ian Lipinski), seguito alle 9:11 da Atalanta II di Caldo Puri Negri (tattico Francesco de Angelis). Segue il Mylius 65 Magic Rocket Itas Assicurazionei alle 10:58. Poco dopo le 11 è arrivato il Mylius 65 Oscar 3. Il trimarano Orma 60 AD Maiora ha concluso fuori classifica alle 9:08.

Il grosso della flotta è atteso per il pomeriggio di oggi a Punta Ala. Sabato sera in programma la consueta serata di gala allo YC Punta Ala.

Massima incertezza per il vincitore assoluto in ORC e in IRC.

ui vedete mure a sinistra incrociare dietro a Vera) è riuscito a superare l'ex My Song e a conquistare i line honour della regata. Foto Taccola
Nel miglio che separa l’isolotto dello Sparviero (sullo sfondo) dall’arrivo Pendragon, che qui vedete mure a sinistra incrociare dietro a Vera, è riuscito a superare l’ex My Song e a conquistare i line honour della 151 Miglia Trofeo Cetilar. Complimenti al tattico e pratico locale Francesco Diddi. Foto Taccola

Aggiornamento– Vera ha doppiato in testa la Giraglia alle 21:50, seguito di poco da Pendragon. I due erano praticamente affiancati nella tratta in poppa tra la Giraglia e la costa ovest dell’Elba. Segue SuperNikka che ha superato Atalanta II.

Livorno– Sono state 196 (sulle 218 iscritte) le barche che hanno preso ufficialmente il via alla IX edizione della 151 Miglia-Trofeo Cetilar. Condizioni ideali con un vento da Ponente sui 10-12 nodi per le due partenze.

Nella prima, quella degli IRC, da segnalare la partenza anticipata del Mills 62 SuperNikka di Roberto Lacorte, che ha dovuto ripetere la partenza girando attorno alla barca comitato prima di potersi lanciare all’inseguimento degli avversari. Anche la flotta ORC è stata irrequieta, con un richiamo generale che ha costretto il Comitato a far ripetere la partenza. Un fatto abbastanza rarao in regate lunghe e che ha smentito l’invito alla “prudenza” lanciato durante il briefing dal presidente del CdR Dodi Villani.

I passaggi dei primi Maxi IRC alla boa di disimpegno, con il Mylius Magic Rocket e Atalanta II che precedono SuperNikka. Foto Taccola

Perfetta al solito la macchina organizzativa del Comitato formato dallo YC Punta Ala, YC Repubblica Marinara di Pisa e YC Livorno, con la collaborazione del Porto di Pisa, Marina di Punta Ala e dei partner PharmaNutra, SLAM, Rigoni di Asiago e Acqua dellʼElba.

Dopo aver girato la boa di disimpegno, si è assistito alle prime sei miglia al lasco verso Marina di Pisa e poi la flotta si è diretta verso la Giraglia.

Alle 20:50 CET di oggi in testa è il multiscafo Orma 60 Ad Maiora di Bruno Cardile, che regata da solo nella classe dimostrativa multiscafi. Tra i monoscafi in testa è Vera (l’ex My Song), che si era aggiudicato anche il Trofeo Porto di Pisa come prima alla boa di Marina di Pisa. Circa un miglio il suo vantaggio su Pendragon e 2,5 su SuperNikka e Atalanta II. Vera è a sole 9 miglia dalla Giraglia, il che significa che sono confermate le possibilità di battere il record della regata, visto che storicamente i primi passaggi alla Giraglia avvenivano intorno alla mezzanotte.

Interessante la scelta tattica per circa un terzo della flotta di lasciare la Gorgona a sinistra.

Doppiata la Giraglia, le imbarcazioni scenderanno verso le Formiche di Grosseto,
lasciandosi lʼisola dʼElba a sinistra, passaggio sempre decisivo, e una volta passate le Formiche, saranno impegnate nellʼultimo tratto probabilmente in bolina fino allo Scoglio dello Sparviero prima dell’ultimo miglio fino all’arrivo al Marina di Punta Ala, dove
i primi sono attesi a partire dal primo pomeriggio di domani.

Il grosso della flotta ORC. Foto Taccola

Tanti i Maxi Yacht a caccia del Trofeo Challenge della 151 Miglia per la vittoria in tempo
reale (il secondo Trofeo è per il primo della classifica ORC Overall), del Trofeo messo in
palio dallʼInternational Maxi Association e del record stabilito nel 2011 dal Maxi
OurDream in 16 ore, 25 minuti e 23 secondi. Vera, SuperNikka di Roberto Lacorte, Atalanta II di Carlo Puri Negri e Pendragon di Nicola Paoleschi, che a
bordo può contare sulla presenza della Campionessa Olimpica (4 medaglie)
Alessandra Sensini, attuale Vicepresidente del CONI e Direttore Tecnico Giovanile della
Federazione Italiana Vela (rappresentata al briefing dal Vicepresidente Alessandro Mei).

“Che bello, finalmente si ritorna in mare… Sono davvero felice, erano anni che non
partecipavo a una regata e poi qui alla 151 Miglia per me è la prima volta e non vedo lʼora
di vivere questa regata, di cui tutti mi hanno parlato molto bene”, ha dichiarato la Sensini,
che torna alle regate dopo un lungo periodo e con un entusiasmo irrefrenabile. “Sono
imbarcata su Pendragon, mi stanno aspettando quindi devo correre, ma sono
emozionatissima e super contenta di passare un poʼ di tempo in mare, almeno una notte,
sotto la luna… Una meraviglia”.

Oltre alla Sensini, alla 151 Miglia-Trofeo Cetilar di questʼanno sono presenti tanti altri
grandi nomi della vela, da un nutrito gruppo di giovani delle classi olimpiche agli ex eroi di
Coppa America Tommaso Chieffi e Francesco de Angelis, fino alla nuova promessa degli
oceani, il francese Ian Lipinski, vincitore delle ultime due edizioni della Mini Transat. Un
vero parterre de roi, che conferma come la 151 Miglia-Trofeo Cetilar sia la regata dʼaltura
più importante e seguita del momento.

Da segnalare che al briefing di oggi allo YC Livorno, oltre ai Presidenti dei club
organizzatori (il padrone di casa Gianluca Conti, Roberto Lacorte dello YCRMP e
Alessandro Masini dello YCPA) e al Vicepresidente FIV Mei, erano presenti il Sindaco di
Livorno Filippo Nogarin, il Presidente dellʼUnione Vela dʼAltura Italiana Fabrizio Gagliardi,
i rappresentanti della Capitaneria di Porto locale, il Segretario Generale dallʼInternational
Maxi Association Andrew McIrvine e il Consigliere FIV Dodi Villani, nella veste di
Presidente del Comitato di Regata.

www.151miglia.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here