SHARE

Auckland, Nuova Zelanda- Grant Dalton parla al New Zealand Herald confermando che i top team della prossima America’s Cup saranno di fatto quattro: il defender Emirates Team New Zealand, Luna Rossa Challenge, l’INEOS Team di Ben Ainslie e la sfida del New York Yacht Club. A questo si dovrebbe aggiungere una seconda sfida americana, denominata USA-21, e forse altre due dal budget ridotto, tra cui si contunua a ipotizzare una seconda sfida italiana.

Ieri è stato anche annunciato che la TV neozelandese trasmetterà in diretta e in chiaro su tutte le piattaforme l’intera 36th America’s Cup, contraddicendo la scelta di Oracle Team USA a Bermuda 2017 quando la Coppa numero 35 fu praticamente invisibile.

Dalton segue con le sue dichiarazioni le recenti esternazioni di Ernesto Bertarelli che, in occasione del Mondiale GC32 a Riva del Garda, aveva dichiarato che se fosse seguiro con i foiling cat AC50 Alinghi sarebbe stato della partita e che la Coppa è “ormai solo una sfida per ingegneri e tecnici”… Beh, il patròn di Alinghi sembra dimenticare cosa la Coppa è sempre stata e i gusti della stragrande maggioranza del pubblico velico, che premeva per un nuovo monoscafo e una regata ravvicinata.

Dalton ha stigmatizzato le dichaiarazioni di Bertarelli con un  lapidario “Avrei potuto dirvi nove mesi fa che Alinghi non sarebbe stato della partita… a lui non piace ciò che stiamo facendo. Quesi ragazzi tendono a portare avanti i loro giocattoli”, riferendosi alla passione personale di Bertarelli per i catamarani.

In realtà nell’entourage di Alinghi si era premuto molto perché fosse lanciata una sfida anche con i nuovi monoscafi foil AC75, ma Bertarelli è stato irremovibile preferendo continuare con i suoi, per dirla alla Dalton, “Toys”.

Di fatto, ETNZ e Luna Rossa sono andati ben oltre la separazione monoscafi-multiscafi, lanciando il concept del nuovo monoscafo foil, che senz’altro avrà prestazioni mai viste prima, consentendo anche una gestione logistica (la doppia randa ammainabile) migliore dei foiling cat. L’America’s Cup trarrà grande beneficio dal ritorno in Nuova Zelanda e dalla presenza di Luna Rossa e, al solito, è probabile che chi non ci sarà avrà avuto torto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here