SHARE

Malta– Protagonista della classe Multiscafi alla Rolex Middle Sea Race sara’ il Maserati Multi 70 di Giovanni Soldini. Gia’ vincitore con record due anni fa, quando il multiscafo rivale sbaglio’ clamorosamente isola confondendo Linosa con Lampedusa, Maserati Multi 70 ha ora una compelta configurazione foil.

Abbiamo incontrato lo skipper Giovanni Soldini e il tattico Vittorio Bissaro nel Salone dell’Hotel Excelsior al termine dell’affollato briefing della regata. Questa la video intervista:

Maserati se la dovra’ vedere in un lungo match race di 606 miglia con l’altro MOD70 PowerPlay, che regata pero’ sensa foil.

Durante gli allenamenti di questa settimana Maserati Multi 70 ha navigato con PowerPlay più di una volta. Con un vento intorno ai 22 nodi il trimarano italiano ha raggiunto ottimi risultati. “Abbiamo provato condizioni di mare incrociato piuttosto ripido” racconta Giovanni Soldini, “ma nonostante questo siamo riusciti a volare molto stabili e a testare le modifiche ai timoni, che sembrano corrispondere alle nostre aspettative”.

 

L’equipaggio di Maserati Multi 70. Foto Martina Orsini

Quest’anno il progettista Guillaume Verdier e il Team di Maserati Multi 70 hanno sviluppato un nuovo sistema di timoni, progettato per la prima volta per i timoni a T, per affrontare il problema degli impatti con oggetti galleggianti. A causa infatti delle gravi condizioni di inquinamento dei mari, il rischio di subire danni causati dalla collisione con detriti è molto alto. Durante i tre mesi in cantiere a La Trinité-sur-Mer è stato inserito un sistema di fusibile che permette al timone di sollevarsi in caso di
shock.

A bordo di Maserati Multi 70, insieme allo skipper Giovanni Soldini, l’equipaggio è composto da: gli italiani Vittorio Bissaro (tattico), Guido Broggi (randista), Nico Malingri e Matteo Soldini (entrambi grinder e tailer); gli spagnoli Carlos Hernandez Robayna (tailer) e Oliver Herrera Perez (prodiere) e il francese François Robert (pitman).

Maserati in allenamento oggi a Malta. Foto Orsini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here