SHARE

Capo Horn, Cile- Il piu’ tosto dei tosti, Jean Luc van den Heede, ha deciso di proseguire il suo Golden Globe senza riparare in un porto cileno. La clamorosa decisione e’ stata comunicata al direttore del GGR Don McIntyre ieri nel corso di una telefonata satellitare.

Il 73enne navigatore solitario francese, che era rimasto vittima pochi giorni fa di una scuffia con danni all’albero nel Southern Ocean, ha detto che provera’a effettuare alcune riparazioni in mare e di essere convinto di riuscire a doppiare Capo Horn e a risalire l’Atlantico fino a completare il Golden Globe a Les Sables d’Olonne. A oggi van den Heede e’ a 8.909 miglia dalla conclusione e a circa 1.600 miglia da Capo Horn, a cui dovrebbe giungere tra circa 15 giorni alle attuali medie.

La posizione di van den Heede ve Slats il 9 novembre, con la previsione di vento a 12 ore.

La decisione lo lascerebbe in regata (anche se ricordiamo il GGR non ha ottenuto tale status dalla FFV), con un vantaggio di 1.500 miglia sul secondo, l’olandese Mark Slats, da difendere nei prossimi tre mesi. van den Heede dovrebbe solo ricevere una penalizzazione di 18 ore per aver usato il telefono satellitare per comunicare due voltre conm la moglie dopo la scuffia. Le regole del GGR infatti impongono di usare solo la radio per tali comunicazioni e riservare il satellitare solo alle comunicazioni d’emergenza con l’organizzazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here