SHARE
Foto Martina Orsini

Livorno– Quattrocento Laser tra le ondone di Libeccio a Livorno per la terza tappa dell’Italia Cup Laser 2019. D’altra parte cosa può esserci in aprile a Livorno se non il Libeccio? Alta probabilità e così è stato, con venti che venerdì e sabato sono stati tra i 10 e i 18 nodi con onde fino a due metri. Delle vere e propria montagne liquide che sollevavano i Laser, impegnando al massimo i quattrocento laseristi suddivisi tra le varie classi. La regata è stata organizzata da Associazione Italiana Classi Laser e dal Gruppo Assonatica di Livorno nell’ambito della Settimana Velica Internazionale Accademia Navale di Livorno.

Una partenza dei radial: 

Impegnativa la logistica, con il vento da Sud Ovest e Ponente che ha reso complesse le operazioni di uscita e rientro, che venerdì si è protratto addirittura fino alle 20:30. Oggi il Libeccio ha superato i 25 nodi e le onde frangenti contro le scogliere dell’Ardenza hanno già dal mattino sconsigliato l’uscita.

Molto bello è stato vedere l’azzurro Francesco Marrai impegnarsi al massimo nei vari e alaggi dei Laser, aiutando i più giovani. Forza Francesco… ti auguriamo di tornare presto a regatare.

Foto Martina Orsini

I 181 4.7 hanno disputato tre prove venerdì e poi sono stati lasciati a terra sabato. I 161 Radial hanno disputato una prova valida venerdì (sarebbero state due, ma una nave ancorata troppo vicina alla boa di lasco ha costretto il Comitato di regata ad annullare la prova per motivi di sicurezza) e tre sabato, in condizioni davvero dure. I 52 Standard hanno disputato due prove venerdì e tre sabato.

Nei due giorni in cui si è regatato lo spettacolo in acque è stato grandioso. Da segnalare diversi problemi nella gestione delle batterie a terra e nelle partenze, con flotte un po’ troppo irruente, con fin troppi richiami generali e diversi casi di partenze anticipate lasciati correre dal Comitato. Qualche bandiera nera in più non avrebbe guastato.

La classe Laser, alle prese con i noti problemi di cambio nome e difesa dello status olimpico, ha dimostrato ancora una volta di essere i salute e di avere nella diffusione e nel livello tecnico il suo punto di forza.

Foto Martina Orsini

Tra gli Standard vittoria di Niccolò Villa (CV Tivano, 1-3-1-1-3) davanti a Gianmarco Planchesteiner (Fiamme Gialle) e Giacomo Musone (CN Rimini). Lorenzo Masetti primo Under 21 e Flavio Ardimento primo Under 19.

Nei Radial successo di Matteo Paulon (YC Cannigione, 6-1-1-1) primo anche Under 19. Secondo Nicolò Elena (CN Andora) e terza Joyce Floridia (SV Guardia di Finanza), prima femminile. Tito Morbiducci (YC Canniggione) primo Under 17.

Nei 4.7 vince Niccolò Nordera (YCC Savoia, 1-1-1) davanti ad Alessia Palanti (CV Torbole), prima femminile. Terza Beatrice Inì (CV Torbole).Mattia Cesana (FV Riva), primo Under 16.

Ondone di Libeccio sulle flotte Laser. Foto Orsini

Qui la Gallery.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here