SHARE

Aregai– Condizioni molto impegnative per gli equipaggi impegnati nella quarta
giornata del Campionato Europeo della classe olimpica 470, che si svolge,
nelle acque di prospicienti il Marina degli Aregai con l’organizzazione
dello Yacht Club Sanremo.

Due le prove disputate ma in tempi diversi. Dopo una prima regata svoltasi
in tarda mattinata, per le due flotte Gold e Silver degli uomini e per le
donne, il vento è aumentato fino a superare i 25 nodi, tanto da provocare
diverse scuffie, come quella occorsa agli svedesi Dahlberg e Bergstrom, che
non hanno potuto concludere e hanno dovuto scartare la regata. La
situazione ha fatto optare il Comitato di Regata per un rientro anticipato
in porto dei velisti. Un’attesa di qualche ora e di nuovo in mare, ma solo
per il gruppo Gold maschile e per le donne. I quindici, venti nodi iniziali
sono aumentati con raffiche oltre i trenta nodi e mare formato, rendendo la
regata davvero “tosta” per tutti e causando anche qualche rottura, fra cui
un disalberamento subito dagli spagnoli Xammar e Rodriguez, uno dei team
pretendenti alle posizioni di vertice.

Giacomo Ferrari, timoniere dell’equipaggio italiano insieme al prodiere
Giulio Calabrò ha così riassunto quanto accaduto oggi: “Una giornata molto
impegnativa, siamo usciti questa mattina con poco vento, ma ci aspettavamo
un forte aumento che puntualmente è arrivato. E’ stata una bellissima
giornata dal punto di vista velico. Dopo la prima prova siamo rientrati per
poi uscire di nuovo nel pomeriggio di nuovo con condizioni maschie. Ci ha
fatto bene regatare, è sempre utile incontrare queste condizioni, aiutano a
migliorare.”

Con le due prove di giornata, la classifica degli uomini ha subito qualche
variazione, ma i leader restano sempre gli australiani Mathew Belcher e
Will Ryan, oggi primi e settimi. Alle loro spalle Anton Dahlberg e Fredrik
Bergstrom, che pur scartando la prima hanno ottenuto un bel secondo nella
seconda prova. Terzi gli spagnoli Jordi Xammar e Nicolas Rodriguez, anche
loro con un solo risultato valido di giornata, un quarto posto, mentre i
greci Panagiotis Mantis e Pavlos Kagialis sono scesi in quarta piazza, ma
restano molto vicini al vertice e soprattutto sopravanzano gli austriaci
David Bargher e Lukas Maehr, oggi sesti e ventottesimi. Grande recupero
nella generale per i neozelandesi Paul Snow- Hansen e Daniel Willcox,
vincitori della regata numero sei.

Migliori degli italiani Matteo Capurro e Matteo Puppo (11-19 oggi) che occupano la sedicesima posizione e che dunque dovranno dare il tutto per tutto domani per entrare in medal race, mentre Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò, sono scesi in ventiduesima posizione con i parziali di 24 (poi scartato) e 22 .

Fra le donne, le britanniche Hannah Mills e Eilidh McIntyre hanno
dimostrato di non soffrire le condizioni odierne e con un un terzo e un
secondo hanno riconquistato la testa della classifica parziale, seguite
dalle altrettanto forti francesi Camille Lecointre e Aloise Retornaz, oggi
seste e prime e dalle spagnole Silvia Mas Depares e Patricia Cantero Reina,
che hanno ottenuto due quarti posti e hanno un margine di tre punti totali
sulle olandesi Afrodite Zegers e Lobke Berkhout,

In undicesima e dodicesima posizione i due equipaggi italiani femminili,
Benedetta di Salle e Alessandra Dubbini e Elena Berta con Bianca Caruso, e
lottano ancora per entrare in medal race.

Domani, penultimo giorno del campionato il primo segnale è previsto per le
ore 12, con una situazione meteo piuttosto difficile da prevedere.

L’organizzazione del Campionato Europeo 470 è stata possibile grazie
all’indispensabile supporto dato dalla Marina degli Aregai e dal Marina
degli Aregai hotel & resort del Gruppo Cozzi Parodi, dalla partecipazione
della Regione Liguria, e dagli sponsor istituzionali dello Yacht Club
Sanremo: l’Hotel Royal, Abate Gioielli e Portosole Sanremo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here