SHARE
Laser nuyovi prodotti dalla Laser Performance Europe. Foto LPE

Londra– Dopo aver ricevuto il Pass olimpico dal Council di World Sailing, il Laser potrebbe ancora trovarsi nei guai se non si concludera’ la battaglia in corso tra la Laser Performance e la classe internazionale ILCA. Come noto, infatti, tra i requisiti che le varie classi olimpiche dovranno avere entro il prossimo primo agosto 2019 c’e’ anche quella di avere dei contratti che rispettino le linee guida FRAND (Fair Reasonable And Non Discriminatory) rispondenti alle norme Anti-Trust della Comunita’ Europea. Tradotto, significa che la Laser Performance Europe (LPE) non potra’ continuare a essere l’unico produttore dei Laser. Gia’ non lo e’, visto che esistono anche altri cantieri concessionari per l’Oceania e il Giappone, ma certamente non potra’ aspirare a essere un produttore monopolista in quattro/quinti del mercato mondiale.

Laser nuyovi prodotti dalla Laser Performance Europe. Foto LPE

Da qui la rimozione della LPE come cantiere produttore da parte di ILCA avvenuta lo scorso marzo, gli attacchi della stessa LPE a ILCA nelle settimane successive, i tentativi di cambiare nome alla classe, un po’ goffi ma certamente urgenti, e la lista di cantieri pronti a produrre i Laser in condizione di libero mercato diffusa da ILCA.

Insomma, se ILCA e LPE non perverranno a un accordo operativo entro il prossimo 1 agosto 2019, World Sailing potrebbe riconsiderare il voto del Council e “cambiare la classe per quella disciplina”. In mancanza di accordi sarebbe quindi l’RS Aero a essere scelto da World Sailing. L’RS Aero ha infatti inserito una rete di produttori nel suo dossier valutato da World Sailing. Ne scrive nei dettagli il sempre ben informato Richard Gladwell su Sail-World NZ

E’ quanto mai urgente, quindi, che ILCA, LPE e tutte le parti coinvolte comprendano la portata del problema e trovino un accordo per aprire la produzione. Altrimenti il KLaser rischia di perdere in estate quello che ha riconquistato domenica 20 maggio a Chelsea. Il che sarebbe una notizia pessima per migliaia di regatanti in tutto il mondo.

 

La dichiarazione di World Sailing sul dopo Mid Year Meeting:

Before Council made its decisions on the Paris 2024 Equipment, the Board of Directors updated Council on its current plans for the Olympic Classes Contract. This included the position on implementing World Sailing’s Olympic Equipment Strategy (FRAND) agreed by Council in November 2018. In order to provide certainty for MNAs, sailors and teams, the Board will engage in contractual discussions only until 1 August 2019.

If by that time no agreement is reached, the Board will report to Council that no agreement has been concluded and Council will then have to select new Equipment for the relevant Event.

LPE sembra sottovalutare il problema che ILCA invece pare aver compreso. Se LPE non rinuncera’ a parte del suo monopolio di produzione in Europa, Americhe e Asia per il Laser potrebbero ancora esserci problemi. Ed ‘ bene che tutti i laseristi comprendano l’esatta dimensione del problema.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here