SHARE

Saint Tropez- Concluse le regate costiere a Saint Tropez, tutto e’ pronto per la partenza della regata lunga della Rolex Giraglia, in programma per le 12 di domani. Oggi il Golfo provenzale ha rivelato la sua vera identità e ha regalato una magnifica giornata alla flotta monstre di 297 imbarcazioni.

Mentre le flotte One-Design si sono sfidate sui percorsi a bastone davanti alle spiagge di Pampelonne, il resto delle barche – inclusi i grandi Maxi – hanno regatato su percorsi costieri di 31 miglia per i grandi e 19 per i più piccoli. Condizioni di vento inusuali ma buone, contraddistinte da venti da est/nord est tra gli 8 e i 12 nodi, con mare poco mosso.
Rimane sempre difficile la lettura delle previsioni meteorologiche dei prossimi giorni. È comunque atteso un rinforzo di queste condizioni che fa ben sperare per la regata offshore.

Questi i risultati finali dai campi di regata di Pampelonne: vincono nelle rispettive Classi: Cuordileone nei ClubSwan 50 (1,3,5), Porron IX per gli Swan 45 (1,1,3) e Fantaghirò negli Swan 42 (2,2,2).
Il Maxi Jethou di Peter Ogden, domina nei classe 0 Racer (1,1).
IRC 0 Cruiser: Lorina – Swan 601 di Barjon Jean Pierre (2,1).
ORC 0: Sailing Poland – Ker 60 di Marczewski Maciej (6,1).

Per i gruppi impegnati nelle costiere, questi i risultati:
IRC A: TP 52 – Freccia Rossa – di Vadim Yckimenko (5,1)
IRC B: JPK 10.80 – Rossko – di Timofey Zhbankov (4,1)
ORC A: Swan 45 – From Now On – Di Fernando Chain (1,2)
ORC B: First 34.7 – L’Escargot – di Costa-Iacobucci (5,1)

Con la premiazione delle prove francesi e la grande festa Rolex sulla spiaggia della Ponche per i 2.900 partecipanti alla Rolex Giraglia 2019, si chiude il capitolo francese della regata Italo-Italienne. Ora l’attesa è per il colpo di cannone delle 12 di domani e per la conferma delle condizioni meteo. Diversi i pretendenti al record, primo fra tutti il Maxi americano Rambler 88, il serial winner di George David che conta su un pozzetto stellare (tra gli altri, oltre all’italiano Silvio Arrivabene, un poker di superstar kiwi formato da Dean Barker, Brad Butterworth, Simon Daubney e Scott Beavis). Obiettivo abbassare il record di 14h56m16s del Maxi Esimit Europa 2 di Igor Simcic stabilito nel 2012.

1 COMMENT

  1. Buongiorno,
    questo è quanto successo a Sarchiapone fuoriserie ITA 17209, dell’armatore Gianluigi Dubbini, alle costiere di St. Tropez.
    Sarchiapone, iscritto nella classe ORB B, ha vinto la prima costiera, disputata in condizioni dure, con raffiche fino a 30 kn, e ridotta per la classe B ad un solo giro del percorso rispetto ai 2 previsti. Secondo l’X35 Foxy Lady.
    Il secondo giorno la flotta è uscita in pessime condizioni, onda molto formata e pochissimo vento. Durante l’attesa delle procedure un temporale ha portato raffiche fino a 25 kn, poi di nuovo un forte calo. Il comitato ha posizionato una linea orientata più sul percorso che sul vento. Ha dato una prima procedura, un richiamo generale, ed una seconda partenza con bandiera nera, valida. Sarchiapone è partito, e dopo circa 2 ore la regata è stata annullata (bandiere N su A). Al rientro abbiamo scoperto di essere BFD.
    Abbiamo presentato una protesta per poter risentire la giuria che chiamava i numeri delle barche fuori, e per verificare la posizione. Durante la protesta abbiamo fatto presente che la bandiera nera, alla seconda procedura, per una costiera della durata di parecchie ore e comunque l’unica della giornata, e con una linea abbastanza pericolante, era forse eccessiva.
    Il BFD è stato confermato (a noi ed a tutte le altre barche, compreso il Vanessa di Bertelli e il Candelluva nel gruppo IRC A), ma la giuria ha emesso il comunicato n. 5, visibile sul sito, che recita: “Se una barca infrange questa regola e viene identificata, essa sarà squalificata, senza udienza, anche qualora la prova, nella stessa giornata, sia fatta ripartire, o venga ripetuta”.
    Il che ci avrebbe consentito di regatare il terzo giorno. Il comunicato è del Comitato Organizzatore e non del Comitato di Regata.
    Il terzo giorno siamo scesi in acqua, la giuria ha dato una prima partenza, un generale, una seconda partenza con bandiera U, un generale, e una terza partenza con bandiera nera. Siamo partiti, abbiamo fatto la regata con l’x35 Foxy Lady nostro diretto avversario, che ci ha distanziati e ha vinto. Vista la posizione delle altre barche, crediamo di essere arrivati secondi, sull’acqua.
    Foxy Lady ha protestato, e qui finisce quel che sappiamo di certo.
    Ci hanno detto o possiamo immaginare che il Comitato organizzatore e il Comitato di regata non si sono trovati d’accordo sul Comunicato 5 di cui sopra, lo hanno ignorato, e nei risultato della prova 2 hanno dato sia i BFD del secondo giorno che quelli del terzo; desumiamo questo anche dal fatto che gli amici di Prada (Vanessa) e di Candelluva, in IRC A, hanno lo stesso BFD nella prova 2.
    Sono abbastanza evidenti le contraddizioni, fattuali e regolamentari, che emergono da questa condotta.
    Spero di avere riportato fedelmente i fatti, e mi scuso per eventuali omissioni o inesattezze.
    Se posso permettermi un commento, la gestione dei comitati non è stata, in questo frangente, all’altezza di una regata così importante, frequentata e rinomata.
    grazie
    Piero Biasi
    Sarchiapone fuoriserie
    ITA 17209

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here