SHARE
Cecilia Zorzi a prua del Nacra di Lorenzo Bressani

Enoshima, Giappone– Un altro preoccupante incidente per una velista italiana nei Nacra 17. Alla vigilia della Hempel World Cup che inizia domani a Enoshima, in Giappone, Cecilia Zorzi, prodiera di Lorenzo Bressani in uno dei tre Nacra italiani presenti a Enoshima, ha riportato alcune ferite alla gamba destra in seguito alla collisione con un’altra barca durante una seduita d’allenamento.

Cecilia Zorzi a prua del Nacra di Lorenzo Bressani

Secondo quanto appreso da Fare Vela, il Nacra italiano  stava navigando ad alta velocita’ in un lato di poppa in foiling quando si e’ verificata una collisione con un’altra barca. La Zorzi sarebbe caduta in acqua con l’elevator del timone che l’ha ferita alla gamba destra. La ferita ha portato a una copiosa perdita di sangue.

La Zorzi e’ stata immediatamente soccorsa dal coach italiano presente all’allenamento che l’ha subito portata sul gommone per prestare le cure immediate secondo una procedura ormai in uso negli allenatori dei Nacra. Una volta a terra la Zorzi e’ stata trasportata all’Ospedale di Fujisawa dove le sono state praticate le cure e i controlli del caso che hanno escluso complicazioni, tanto che all’interno della squadra italiana si sta valutando se farla regatare martedì per l’inizio della World Cup. L’efficienza della catena di soccorso ha escluso complicazioni.

Si tratta del sesto incidente di questo tipo che la squadra italiana Nacra sperimenta negli ultimi venti mesi. La conclusione tracciata dal coach Gabriene Bruni e dagli altri allenatori in acqua e’ che adeguate procedure da parte dei coach siano essenziali, con interventi immediati da parte dei tecnici opportunamente preparati allo scopo e al primo soccorso.

Resta la domanda sull’eventuale introduzione di altre classi foil ad alto livello e dei rischi, con i mezzi d’assistenza necessari in rapporto di quasi un gommone per una barca, in un’ipotetica vela olimpica basata esclusivamente sull’estremizzazone della velocita’.

La Hempel World Cup di Enoshima inizia martedì con 496 veliosti da 46 Nazioni. Le classi in cui regatano italiani sono i Nacra 17 ed i Laser Radial con tre equipaggi ciascuno. Nel catamarano olimpico ci sono i freschi vincitori del test event, Ruggero Tita e Caterina Banti (SV Guardia di Finanza/CC Aniene), Vittorio Bissaro e Maelle Frascari (GS Fiamme Azzurre/CC Aniene) e Lorenzo Bressani con appunto Cecilia Zorzi (CC Aniene/Marina Militare). Nel singolo femminile ci sono Silvia Zennaro (SV Guardia di Finanza), Carolina Albano (RYYC Savoia) e Francesca Frazza (FV Peschiera).
Due gli equipaggi nei 470 maschili e femminili: Giacomo Ferrari con Giulio Calabrò (Marina Militare) e Matteo Capurro con Matteo Puppo (YC Italiano) nei ragazzi; Benedetta Di Salle con Alessandra Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) e Elena Berta con Bianca Caruso (CS Aeronautica Militare/Marina Militare) nelle ragazze.
Un equipaggio nei 49er FX composto da Maria Ottavia Raggio e Jana Germani (CV La Spezia/Sirena CN Triestino).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here