SHARE
Trieste– Anche quest’anno la Barcolana supera quota duemila barche iscritte. Sono per la precisione 2015 gli iscritti finali della Barcolana51 Presented By Generali. Superata la
soglia dei duemila, a Trieste la grande festa della vela durerà per tutta la notte e fino alla partenza di domani mattina alle 10.30. Il record del 2018 resta insupereato ma anche in questo 2019 il muro dei du7emila scafi e’ stato infranto.
“Anche quest’anno – ha dichiarato il presidente della Società Velica di Barcola e Grignano
Mitja Gialuz – abbiamo superato le duemila barche iscritte. Voglio ringraziare i tantissimi armatori che da tutto il mondo sono arrivati a Trieste per partecipare a questa edizione della Barcolana. Voglio ringraziare ancora di più tutti i collaboratori, i soci della Società Velica di Barcola e Grignano, i nostri consulenti e dipendenti che hanno
lavorato un anno per superare il successo del 2018. Barcolana 50 + 1 è ancora più affollata, ancora più partecipata e ancora più bella di quella dell’anno scorso. Viva la Barcolana e viva Trieste”.
BARCOLANA CLASSIC: I RISULTATI
– Regate al rallentatore alla vigilia di Barcolana. La giornata è iniziata
con la sfilata della Barcolana Classic, seguita da una regata lentissima, disputata con pochissimi nodi di vento. Qui i primi di categoria:
Classe Passere: 1) Koala (Andrea Bernardi) Triestina della Vela
Classici A: 1) Naif (Ivan Gardini) CV Ravennate
Classici B: 1) Stella Polare (F.lli Cumbo) YC Adriaco
Sob A: 1) Kookaburra II (Maurizio Vecchiola) YC Europa
Sob B: 1) Maj Britt (Juergen Grohmann) Muenchener RSV
Sciarrelli A: 1) Chica Boba II (Giovanni Gasparini) Comp. Vela Pesaro
Sciarelli B: 1) Attica (Maila Zarattini) Triestina della Vela
Epoca: 1) Ciao Pais (Massimo Fonda) Triestina della Vela.
BARCOLANA BY NIGHT
– Pochissimo vento anche questa sera per la regata notturna della Barcolana,
disputata sotto bordo a Nave Vespucci. Maria Vittoria Marchesini, al Timone di Goofy di Pietro e Marco Perelli ha vinto una prova lenta quanto tattica. Il primo lato ha visto una lotta serrata tra Goofy, che ha sempre mantenuto la testa della classifica, e Cattivik con Bandito sempre pericoloso. Determinanti le andature di bolina, nelle quali le andature, pur lentissime, hanno definito la classifica finale. Alle spalle di Goofy ha chiuso il Cattivik di Gianni De Visintini, mentre Bandito, di Chicca Tuniz, ha chiuso in terza posizione. Quarto posto per Don Chisciotte e quinto per Canaglia.
Prima del tramonto, avevano regatato sullo stesso percorso davanti al pubblico assiepato tra Molo Audace e le Rive i piccoli Meteor. Anche per loro pochissimo vento: 1)Perkoranera (D. Sampiero) CVD Erix; 2)Meteor 101 (F. Piccarreta) CN Pesaro; 3) Gatto Nero (A. Zurlo) Portodimare; 4) Zefiro (E. Negri) Luino; 5) Barkino (M. Mandler) Sistiana 89. In totale, erano ben 32 i piccoli scafi al via.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here