SHARE
Delfini giocano con la prua del Mylius 60 Fra Diavolo diretto a Gran Canaria

Las Palmas de Gran Canaria–  Con la fine di novembre arriva il classico appuntamento con l’Atlantic Rally for Cruisers. Domenica prossima, 24 novembre, infatti parte il rally che, a meta’ strada tra regata e sogno realizzato per molti della prima traversata atlantica, ogni anno porta a Las Palmas de Gran Canaria circa duecento yacht. Quest’anno, per la XXXIV edizione, sono in 192, a cui si aggiungono i 75 gia’ partiti lo scorso 10 novembre per l’ARC+ Cape Verde. La settimana dell’ARC e’ iniziata domenica con la classica parata degli equipaggi lungo il Muelle Deportivo della capitale canaria.

Delfini giocano con la prua del Mylius 60 Fra Diavolo diretto a Gran Canaria (sullo sfondo)

Al Rally organizzato con la consueta maestria dalla World Cruising di Andrew Bishop c’e’ di tutto, dai dieci ai trentadue metri. E la barca piu’ grande di questa edizione e’ italiana ed e’ niente meno che l’Ulisse, il progetto Frers da cento piedi di Patrizio Bertelli, che sara’ in regata in Atlantico con un equipaggio super di veterani della Coppa America che vede tra gli altri anche i fedelissimi Torben Grael e Pietro D’Ali’. L’Ulisse sara’ presente nella classe Racing, e se la dovra’ vedere per i line honour con il Volvo Ocean 65 austriaco Sisi (si tratta dell’ex Vestas 11th Hour Racing dell’ultima Volvo Ocean Race), lo Swan 82s inglese Stay Calm, lo Swan 80 Umiko (GBR), due Challenge 72 di Tall Ship Adventure. Da tener d’occhio anche il velocissimo JP54 The Kid con il veterano della grand course au large francese JP Dick. The Kid vinse in reale la scorsa edizione con una traversata di poco piu’ di 11 giorni. Il record dell’ARC appartiene a Rambler 88 in poco piu’ di 8 giorni.

In Racing c’e’ anche il Mylius 60 italiano Fra Diavolo di Giulio Gatti, anche lui con buone chance sia in reale sia in handicap IRC. Vi e’ poi l’inossidabile Enrico Calvi con il Dufour 34e Duffy, spesso presente alle grandi classiche offshore. Duffy torna all’ARC dopo che nell’edizione del 2015 dovette rientrare alle Canarie a causa di un disalberamento.

Enrico Calvi al timone di Duffy

Le barche con bandiera italiana quest’anno sono sei, a  cui si aggiungono le tre presenti all’ARC+ e altre tre con equipaggio italiano ma altre bandiere all’ARC. Oltre all’Ulisse, a Duffy e a Fra Diavolo, nella classe Cruising partecipano l’Azuree 40 Catty Sark di Francesco Buonfantino, il Grand Soleil 43 Blue Moon di Second Star Sailing e il Nautitech 541 Laura IV di Giuseppe Lasalandra, iscritto nella classe Multiscafi.

Andrew Bishop di World Cruising, organizzatore dell’ARC

Le 2.700 miglia fino a Rodney Bay, a Saint Lucia, rappresentano per molti il sogno di una vita. Il cantiere piu’ rappresentato e’ Beneteau, con i vari modelli delle linee First e Oceanic. Gli Swan sono otto, dal classico 46 MK2 Milanto di Valerio Bardi all’82s Stay Calm. Sempre presenti in massa gli Oyster, con undici barche. Nel settore dei multiscafi la fa da padrone Lagoon con ben 17 barche dal 380 al 560. Ammiraglia della flotta, come detto, e’ l’Ulisse di Patrizio Bertelli.

Fare Vela sara’ anche quest’anno a Las Palmas per contenuti originali su questo popolarissimo Rally e sulla magnifica Gran Canaria, porto ideale di partenza per ogni traversata atlantica.

Un momentod ella parata di domenica 17 novembre a Las Palmas

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here