SHARE
470 in regata a Miami

Miami– Bene i 470 italiani femminili nella seconda giornata della Hempel World Cup a Miami. Berta-Caruso sono quarte (5-5-ufd-4) e Di Alle-Dubbini quinte (6-15-9-2). Tra gli uomini Ferrari-Calabrò scendono al 12esimo posto (4-13-15-13) e Capurro-Puppo sono 18esimi (17-19-14-14). Nei Laser Radial Matilda Talluri è ottima quarta (bfd-4-3-2) a pari punti con la seconda. Negli Standard Edoardo Libri è 23esimo.

Prima giornata
Prime regate ieri della Hempel World Cup Series a Miami. Edizione in tono minore per numeri assoluti e per qualità delle flotte, tranne che per i doppi 470 Maschile e Femminile, a causa di un calendario che prevede in concomitanza il circuito Australiano con Sail Melbourne e a seguire ben sette Campionati Mondiali a Febbraio. A Miami sono in gara sette delle dieci classi Olimpiche (mancano 49er, FX e Nacra 17), per un totale di 182 atleti da 45 paesi.

470 in regata a Miami

La vela azzurra è presente con otto atleti della Squadra Nazionale, nelle classi 470 Maschile e Femminile, cui si sommano altri due timonieri nelle classi Laser Standard Maschile e Laser Radial Femminile.
Nelle classi 470 quantità e qualità delle flotte rendono attesa e significativa la regata di Miami.

Nel Day 1 sono state disputate due prove in ciascuna classe, con vento leggero tra 5 e 11 nodi, molto oscillante e mutevole di direzione.

Tra le femmine ci sono 16 equipaggi con campionesse del mondo e Olimpiche, protagoniste di vertice della ranking di classe. Dopo le due prove del giorno inaugurale in testa le francesi Camille Lecointre (già bronzo a Rio 2016) in coppia con Aloise Retornaz (2-2 i piazzamenti) e subito alle loro spalle le azzurre Berta-Caruso (Marina Militare), 5-5. Le due italiane incappano pero’ in un UFD (squalifica per partenza anticipata) nella prima prova di oggi. Al terzo provvisorio le tedesche Frederike Loewe e Anna Markfort. Le altre azzurre Di Salle-Dubbini (Marina Militare/SV Guardia di Finanza) sono all’11° posto con 6-15. Un nono per loro in race 3.

In campo maschile la flotta di 30 barche schiera veramente il meglio del panorama internazionale: sono presenti praticamente tutti gli equipaggi più forti, per quello che può definirsi un anticipo di Mondiale. Dopo le due prove di lunedi, in testa gli svedesi Anton Dahlberg e Frederik Bergstrom (3-2), davanti ai russi Pavel Sozykin e Denis Gribanov (9-1) e ai fratelli ungheresi Balazs e Zsombor Gyapjas.
Gli italiani Giacomo Ferrari e Giulio Calabrò (Marina Militare) sono al 7° posto (4-13). Gli altri italiani Matteo Capurro e Matteo Puppo (Yacht Club Italiano) sono al 18° posto (17-19).

Nei Laser Radial la talentuosa livornese Matilda Talluri (già campionessa europea e mondiale Juniores, CN Livorno) è decima (BFD-4), tra gli Standard Edoardo Libri (SEF Stamura) è 19° (22-17).
Matilda Talluri commenta: “Primo giorno di regata caratterizzata da vento oscillante da NE con intensità di 7-11 nodi e corrente opposta.
Nella seconda prova ho lavorato tanto sui salti di vento (c’erano salti lunghi 3-5 minuti e dentro a questi oscillazioni minori) chiudendo quarta, nonostante una partenza conservativa. Sono dispiaciuta per aver forzato troppo la prima partenza che mi è costata un BFD che non mi permette più errori, ma sono molto contenta di essere qui e poter iniziare a confrontarmi a livello senior“.

La regata è valida anche come qualificazione olimpica per le Nazioni del Nord America, interessante la lotta tra i timonieri di Messico (Juan Perez Soltero, coach Luca Devoti) e Bermuda (Rockal Evans) per un posto disponibile a Tokyo 2020.

Il programma Hempel World Cup Series prevede due prove al giorno fino a venerdi, e quindi sabato le Medal Race tra i primi dieci di tutte le classi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here