SHARE

Melbourne– Inizia nella notte italiana, le 14 locali (04 CET) dell’11 febbraio, l’ILCA Laser Standard World Championship, il sempre ambitissimo e prestigioso Mondiale della classe Laser. I 129 timonieri da 45 Nazioni effettueranno sei prove di qualificazione, con la flotta suddivisa in tre batterie, più altre sei di finali con i gruppi Gold, Silver e Bronze.

 

Per l’Italia regatano Alessio Spadoni, reduce da un intenso periodo di allenamento downunder, Giovanni Coccoluto, Marco Gallo, Gianmarco Planchesteiner, Nicolò Villa e Giacomo Musone. L’obiettivo, oltre a ben figurare al Mondiale, è quello di affinare la preparazione in vista dell’appuntamento decisivo di aprile, quando alla World Cup di Genova l’Italia dovrà cercare di ottenere quella qualificazione olimpica che ancora manca. Un solo posto è ancora a disposizione per le nazioni europee. Da notare che sarebbe la prima volta, da quando il Laser è classe olimpica (Savannah 1996), senza un singolo maschile italiano all’Olimpiade. Anche il Finn non ha al momento staccato il pass per Tokyo e avrà un solo posto ancora in palio a Genova.

C’è molta attesa anche per la prova della leggenda Robert Scheidt, vincitore di ben nove mondiali Laser, che a 46 anni se la vedrà con timonieri ben più giovani di lui nella sua campagna che lo porterà a Tokyo per la settima Olimpiade in carriera (cinque medaglie). Coach di Scheidt è Francesco Marrai.

Il campione olimpico di Rio 2016 Tom Burton è stato sconfitto nei trial australiani per Tokyo da Matt Wearn. Tra gli altri favoriti il cipriota Pavlos Kontides, il britannico Nick Thompson e il croato Tonci Stipanovic.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here