SHARE

Roma– Confermata la riapertura dei circoli sportivi e delle attività di allenamento velico in tutta Italia. Lunedì 25 maggio i circoli velici, quindi, potranno riaprire e svolgere TUTTE le attività previste, ovviamente nel rispetto dei protocolli di sicurezza e prevenzione.
Lo ha confermato oggi pomeriggio a Fare Vela il presidente della FIV Francesco Ettorre, specificando come la decisione sia stata confermata ieri nell’incontro tra i vertici del CONI e il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora.

Foto Orsini

Nella serata di oggi 17 maggio è prevista la conferenza stampa del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che illustrerà le nuove apertura contenute nel Decreto, già firmato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e in vigore a partire dal 18 maggio.
Tra queste c’è anche la possibilità di muoversi all’interno della propria regione e di pernottare in seconde case o nelle proprie imbarcazioni. Sarà possibile, quindi, muoversi dal proprio domicilio e raggiungere le proprie barche senza dover rientrare a casa in giornata.

Ettorre ha specificato a questa testata che lunedì 18 la Federazione Italiana Vela invierà una circolare a tutti i circoli affiliati, in cui saranno elencati i protocolli e le linee guida da seguire. Molto circoli hanno già iniziato le opere di sanificazione e, comunque, chi non lo avesse ancorea fatto avrà tutta la settimana fino al 24 maggio per mettersi a norma.

Specifichiamo anche che l’attività velica su derive, o barche in equipaggio famigliare fino a due persone, è già possibile dal 18 maggio nelle Regioni che lo hanno specificatamente autorizzato comprendendo anche la riapertura dei circoli, come nel caso della Sicilia.
Dal 18 maggio anche il Lazio si è unito a tali regioni, consentendo l’attività nautica.
Ricordiamo che l’apertura dei circoli riguarda la possibilità d’accesso alle proprie derive e l’inizio dell’attività ufficiale programmata (allenamenti delle squadre agonistiche).

Per le regate bisognerà attendere il mese di luglio, quando dovrebbe ricominciare l’attività a livello zonale.

I protocolli rivguarderanno anche la gestione degli allenamenti e delle uscite, nonchè l’utilizzo degli spazi comuni e le prescrizioni per il personale. Vi sarà particolare attenzione per l’uso dei dispositivi di protezione individuali e del distanziamento sociale.
Ricordiamo che le derive doppie, durante l’uscita in mare, sono state parificate alle barche individuali, mentre a terra armo, disarmo e lavaggio delle barche saranno eseguite da un solo velista.

Sanificazione delle atrezzature al CV Castiglione della Pescaia

Dal 25 maggio, come detto, si potranno raggiungere le proprie imbarcazioni rimessate all’interno dei circoli velici e uscire per l’attività programmata: allenamenti, briefing, uscite ludiche.
Chi poteva raggiungere le proprie barche in modo privato, senza dover entrare negli spazi chiusi di un circolo, ne ha già potuto usufruire in diverse regioni in modo individuale dal 5 maggio scorso. Le uscite in mare sono state regolamentate dalle diverse regioni in modalità differenti.
Dal 25 maggio sarà possibile uscire in tutta Italia, seguendo sempre comportamenti responsabili nel rispetto delle norme previste dai protocolli di sicurezza.

Insomma, ci siamo. Un passo alla volta, nel rispetto di quanto annunciato dalla FIV inizio aprile.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here