SHARE

Cagliari– Le Serie vanno di moda e piacciono… per cui non poteva mancare neanche quella dedicata alla sfida di Luna Rossa Prada Pirelli.

Debutta oggi in anteprima sui canali del team la prima stagione della serie CHALLENGERS FOR NOW. Un racconto dietro le quinte della base di Cagliari attraverso immagini inedite e testimonianze dei protagonisti, impegnati nell’avventura alla conquista del trofeo più ambito della vela.

Le prime quattro puntate:

 

Una sfida senza eguali. 1000 giorni, 100 professionisti, 1 sola ossessione: vincere la Coppa America, e vincerla per l’Italia.
L’America’s Cup è il trofeo più antico del mondo dello sport e dal 1851 i velisti più importanti si sfidano per aggiudicarselo. È una competizione tra squadre che rappresentano la propria nazione per sportività, design, tecnologia e cultura, “dove vincere è quasi impossibile, ma non del tutto”. Per questo rappresenta uno dei trofei più ambiti e la sua conquista è un’impresa piena di difficoltà. È una sfida nella sfida.

La serie si articola in due stagioni, ciascuna di quattro puntate, in cui vengono passati in rassegna gli avvenimenti che hanno caratterizzato questo ultimo anno: dagli adrenalinici allenamenti, allo sviluppo di scafo e foil, dai momenti di tensione durante il disalberamento, alla ripresa delle uscite in mare. Gli spettatori potranno seguire i retroscena delle attività a terra e in mare, con immagini esclusive rese disponibili, per la prima volta, al grande pubblico. A raccontare il difficile ed estenuante percorso, sono gli stessi velisti e componenti del team.

 

“È un’ossessione”. Si apre così la prima puntata che introduce il team, e che illustra come vengono scelti i componenti della squadra, e quali caratteristiche devono avere per affrontare una sfida che li vedrà impegnati senza sosta per oltre tre anni. E quali sono i segreti di una “barca che vola”? Lo spiegano i progettisti del design team, nel secondo capitolo. La terza puntata racconta l’inaspettato, l’imponderabile che si nasconde anche dietro i calcoli millimetrici e che ti costringe a fermarti e riparare i danni. Queste sono imprese dove ogni giorno bisogna provare a sfidare i propri limiti per imparare a conoscerli, considerando che il margine di errore è quasi nullo e il tempo, il vero nemico in una campagna di Coppa America, non è mai abbastanza. Riuscirà il team a superare anche gli ostacoli più imprevedibili? Si capirà nella quarta puntata.

Max Sirena (Skipper & Team Director): “Essere “challenger” – sfidanti – ci ricorda ogni giorno quale è il nostro obiettivo e ci spinge a impegnarci sempre di più per raggiungerlo. Questa webseries è un progetto a cui, come team, teniamo molto, soprattutto perché racconta il lungo percorso che c’è dietro una sfida così complessa come quella dell’America’s Cup.”

Shannon Falcone (sailing team member): “In una campagna di America’s Cup non sai mai quello che puó succedere fino alla fine; l’unica cosa certa è che i team vincenti sono sempre quelli che riescono a lavorare insieme per superare le sfide quotidiane. Spero che questa serie riesca a mostrare al pubblico i retroscena della lunga ed estenuante preparazione alla Coppa America”.

Romano Battisti (new generation – sailing team member): “Le grandi sfide sportive, come una campagna di America’s Cup o le Olimpiadi, a cui ho partecipato due volte, trasmettono delle forti emozioni. Spero che queste immagini possano far appassionare le generazioni future al mondo dello sport e ispirarle per raggiungere i propri sogni, come è successo a me venti anni fa.”

“Challengers for Now”, realizzata in collaborazione con il creative partner del team MC Saatchi, proseguirà il racconto con una seconda stagione che sarà rilasciata dopo l’estate e che accompagnerà il team fino alla partenza per Auckland, dove tra gennaio e febbraio 2021 è in programma la Prada Cup, la regata tra i challenger, che decreterà il team che a marzo 2021, nelle regate dell’America’s Cup, sfiderà Emirates Team New Zealand, il detentore della Coppa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here