SHARE
Grant Dalton su un mezzo appoggio di ETNZ: Foto ETNZ

Su Fare Vela l’America’s Cup è offerta da:

Auckland– Una Spy Story in America’s Cup? Non si tratta certo di una novità nell’ultre centenaria stopria del più antico trofeo sportivo al mondo. Quella che è scoppiata oggi, con l’aperta denuncia di Emirates Team New Zealand, aggiunge toni da Gola Profonda, o se preferite da Quinta Colonna, alla battaglia tra defender e sfidanti.

Grant Dalton su un mezzo appoggio di ETNZ: Foto ETNZ

La vicenda riguarda il licenziamento di alcune persone all’interno di America’s Cup Events, l’organizzazione incaricata di curare gli eventi a terra nell’ambito della 36th America’s Cup, accusate di essere “informatori” per conto di terzi. Le persone indicate avrebbero avuto accesso alla Base di ETNZ.
Ne riferisce Todd Nial sull’informato sito Stuff.co.nz.

ETNZ ha pubblicato oggi un duro comunicato, che riportiamo qui sotto in lingua originale:

Six months ago Emirates Team New Zealand and ACE (America’s Cup Event Ltd) became suspicious that we had informants in the event organisation (ACE), and these suspicions were confirmed when we had confidential and sensitive information coming back to us from Europe very recently.

The motives of the informants who had access to the Emirates Team New Zealand base can only be guessed at, at this stage.

In addition, these people have made highly defamatory and inaccurate allegations regarding financial and structural matters against ACE, ETNZ, and its personnel.

These allegations are entirely incorrect.

As a result, the contract of the informants has been terminated.

Although these allegations are baseless, Ministry of Business Innovation and Employement have no choice but to investigate despite our belief that the motives of the informants are extremely suspect.

We are working with MBIE to close out the remaining issues with them quickly.

Emirates Team New Zealand and ACE will not let this set us back in our America’s Cup defence or hosting of a great event this summer”.

Nel comunicato si legge come alcuni sospetti sull’attività di persone coinvolte in ACE sarebbero stati confermati negli ultimi giorni, fino a portare all’allontanamento di tali impiegati, accusati anche di aver diffuso infornazioni non corrette sull’aspetto economico della 36th AC e su presunti usi di risorse del team per usi privati da parte del CEO Grant Dalton.
Dalton ha specificato allo Stuff che la vicenda non intaccherà in alcun modo la preparazione tecnica del defender per la prossima AC.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here