SHARE

Su Fare Vela l’America’s Cup è offerta da:

Bergamo– Partito nel pomeriggio di oggi venerdì 2 ottobre dall’aeroporto di Bergamo – Orio al Serio, il secondo scafo del Luna Rossa Prada Pirelli Team. Direzione Auckland, Nuova Zelanda, che sarà raggiunta dopo tre giorni di viaggio con scali tecnici a Dubai e in Indonesia.

Barca 2, costruita presso il cantiere Persico Marine di Bergamo, distante poco più di 10 km dall’aeroporto, è stata trasferita con un trasporto eccezionale ed imbarcata su un Antonov 124-100, uno degli aerei cargo più grandi in circolazione.
Il carico, che oltre allo scafo comprende anche l’albero e una delle barche appoggio, arriverà ad Auckland dopo 38 ore di volo e due scali, negli Emirati Arabi Uniti e in Indonesia, e sarà poi trasportato alla nuova base del team, presso l’Hobson Wharf, dove il varo di Barca 2 è previsto per la fine di ottobre.

La complessa operazione è avvenuta grazie al pieno supporto della struttura operativa dell’aeroporto di Bergamo – Orio al Serio, della ditta “Pierucci Giuseppe” di Massimo & Fabrizio Pierucci di Livorno, che da oltre vent’anni si occupa della logistica del team, e all’efficienza del cantiere Persico Marine, che con competenza e professionalità, fin dall’inizio, ha condiviso il nostro ambizioso progetto. A tutti loro va il ringraziamento del team.


Max Sirena, Skipper e Team Director
“È un giorno importante per la nostra sfida. Voglio cogliere l’occasione per ringraziare Persico Marine e tutte le persone coinvolte per il lavoro fatto. Non vediamo l’ora di poter mettere in acqua anche Barca 2 e iniziare a navigare nel Golfo di Hauraki.”

Marcello Persico, CEO – Persico Marine
“Aver realizzato la barca 2 di Luna Rossa ci rende orgogliosi in primis dei nostri collaboratori e del livello tecnologico raggiunto dalla nostra azienda nel contribuire alla sfida velica più importante al mondo per la conquista della Coppa America. Con questo progetto “made in Italy” ancora una volta vengono dimostrate le capacità innovative e all’avanguardia del nostro territorio che anche questa volta non è secondo a nessuno a livello internazionale”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here