SHARE

Roma– La vela sportiva (individuale e in equipaggio) resta possibile, così come le manifestazioni sportive individuali di federazioni, affiliate al CONI, a carattere nazionale o regionale. La vela non rientra, infatti, tra gli sport di contatto, la cui pratica è esclusa dal nuovo DPCM comunicato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e in vigore da lunedì 19 ottobre.

Open Skiff in uscita da Porto Ercole alla regata zonale organizzata oggi dall’Argentario Sailing Academy

L’interpretazione definitiva ci è appena arrivata dal presidente FIV Francesco Ettorre, al termine della riunione sull’argomento tenuta dalla Federazione Italiana Vela al CONI.

Ettorre ha confermato a Fare Vela che “Gli eventi già in calendario, anche i Campionati Invernali a livello Zonale, potranno essere disputati, a patto che siano rispettati i Protocolli già esistenti, sia a terra sia in acqua. Non saranno possibili nuovi eventi al di fuori di quelli già in calendario”.

Una prima lettura del testo del DPCM confermava già domenica sera la possibilità di allenarsi nei circoli, sempre in forma individuale e ovviamente nel totale rispetto dei Protocolli, e di disputare eventi velici a carattere individuale e in equipaggio in calendario nazionale e zonale.
Il chiarimento da parte della FIV, che martedì emetterà una nota a tutti i circoli affiliati italiani, conferma quindi la possibilità di allenarsi e regatare, ripetiamo con l’obbligo di risopettare e far rispettare i protocolli. Misura che, tra l’altro, in questa fase della pandemia ci appare indispensabile per tutti.

Qui il DPCM del 18 ottobre, che modifica quello del 13 ottobre nei punti evidenziati in giallo:
DPCM_18_ottobre_2020ar

L’attività sportiva e motoria all’aperto, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza, e quindi anche le uscite in barca, sono consentite. La mascherina deve essere sempre indossata se si è in compagnia di persone non conviventi.

Il blocco riguarda, come detto, tutti gli sport da contatto, a livello amatoriale e dilettantistico. Restano consentiti a livello professionale (leggi Campionati calcio, basket…). L’attività sportiva relativa agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni, anche a carattere ludico-amatoriale.

Qui sotto la tabella (dalla Gazzetta Ufficiale del 13 ottobre 2020) degli SPORT DI CONTATTO, in cui non figura la vela.
caricaPdf

Sono permessi dal DPCM del 18 ottobre gli eventi degli sport individuali, come appunto la vela, e di squadra riconosciuti di interesse nazionale o regionale dal CONI e dal Comitato italiano paralimpico (CIP).

2 COMMENTS

  1. Parlate di individuale…..la vela ci sono le regate di vela altura o sui bastoni che un altra cosa…quindi ci fate capire qualcosa….

    • Il presidente FIV Ettorre ci ha appena confermato che anche l’Altura e i Campionati Invernali potranno svolgersi, nel rispetto ovvio dei Protocolli.

      Gentile Luigi,
      Nell’articolo c’è scritto chiaramente che la FIV sta parlando con il CONI per dare le direttive dopo le opportune interpretazioni del DPCM.
      La vela è considerata uno sport individuale e NON rientra nella lista degli sport di contatto che sono sospesi a livello dilettantistico.
      Le regate di derive e gli allenamenti, quindi, proseguono. Per le regate d’altura e i prossimi Campionati Invernali, siamo in attesa delle direttive FIV in merito.
      Come c’è scritto nell’articolo, non appena disponibili, le comunicheremo a tutti i lettori.
      Cordiali saluti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here