SHARE
16/01/21 - Auckland (NZL) 36th America’s Cup presented by Prada PRADA Cup 2021 - Round Robin 1 Luna Rossa Prada Pirelli Team

Su Fare Vela l’America’s Cup è offerta da:

Auckland– Luna Rossa conquista il primo punto della sua Prada Cup battendo Patriot dopo una regata snervante, condotta con vento sui 6-8 nodi, tra fasi di foiling e momenti dislocanti. Ma Luna Rossa c’è.
Race 1 In partrenza Luna Rossa entra da sinistra, Patriot da destra va a incrociare e chiede una penalità ma la chiamata degli umpire è giusta. Dean Barker ha modificato la sua rotta con troppo anticipo e Luna Rossa era nei margini. Nel far questo Patriot perde il volo e non riesce a ridecollare, con Luna Rossa che tranquillamente prende il via e se ne va.

16/01/21 – Auckland (NZL)
36th America’s Cup presented by Prada
PRADA Cup 2021 – Round Robin 1
Luna Rossa Prada Pirelli Team

L’equipaggio italiano ha mostrato ottima velocità in bolina, ma soprattutto è riuscito a mantenere la calma e il controllo nella prima poppa, quando dopo aver girato con un vantaggio enorme (7’48”) ha subito il calo del vento e si è seduta dal foiling, fino a esser superata da Patriot. Luna Rossa non si è scoraggiata e ha aspettato le raffiche giuste, costantemente cercate da Francesco Bruni e Pietro Sibello, fino a riparire e andare a vincere, mentre Dean Barker si perdeva definitivamente nel labirinto di buchi di vento del campo Charlie/Delta del Golfo di Hauraki, fino a finire DNF. Primo punto italiano in questa Prada Cup.

Il nostro commento a questo link (sincronizzare l’audio con lo streaming internazionale)

Race 2 Anche oggi uno squalo vorace si aggirava nel canale di Rangitoto. L’ora era quella del cambio di marea, in cui come noto i predatori si muovono per andare a caccia. La partenza di race 2 tra BRITAnnia e Patriot è stata un sacrificio annunciato. Sin troppo facile la preda, un Dean Barker in versione foca che si è lasciato prima azzannare e poi divorare da Big Ben Shark, in una partenza che ha evidenziato una dopo l’altra le carenze attuali di Patriot: scarsa reattività, poca freschezza atletica e di pensiero, autostima precaria di fronte al carisma di Ainslie. Risultato inevitabile. Prima errore non procurato, un altro dopo il fallito tentativo di dare una penalità a Luna Rossa in race 1, con Patriot che entrava troppo presto nel box di partenza. Poi caduta dai foil e posizionamento a centro linea, pronto a subire l’attacco dello squalo, che puntualmente si è verificato, con Ben Ainslie che ha letteralmente girato intorno all’AC75 timonato dall’ingobbito Dean Barker. Orzatina a dire… qui comando io… e penalità. Partenza con virata dipinta sull’acqua. Killer e artista allo stesso tempo.

16/01/21 – Auckland (NZL)
36th America’s Cup presented by Prada
PRADA Cup 2021 – Round Robin 2
New York Yacht Club American Magic, Ineos Team UK

La regata si prolunga poi per ben 42’44”, a causa del vento a buchi. Ogni tanto anche BRITAnnia scende dal foil, ma Giles Scott, il tattico dedicato, mantiene sempre il controllo fino alla scontata vittoria con 4’59” di vantaggio sugli americani.

Sintesi della giornata: BRITAnnia impressiona anche con vento leggero, Luna Rossa c’è, American Magic ha seri problemi di leadership e di sicurezza.

Per la regata in se stessa, non si capisce come mai non si usino i Code 0 in condizioni sotto gli 8 nodi, il che renderebbe possibili le poppe senza queste estenuanti e anche un po’ casuali poppe dislocanti alla ricerca di una raffichetta. I Boundary sono inguardabili e limitano molto le possibilità tattiche, che invece gli AC75 avrebbero. La tensione c’è e la sfida si fa ogni giorno più interessante.

Francesco Bruni ha dichiarato che “Oggi era una giornata assai complicata, con molti buchi di vento, ed era fondamentale restare sempre sulla pressione. In queste condizioni il lavoro dei grinder è massacrante, visto che devono pompare molto per consentire alla barca di decollare, per cui vogliamo ringraziarli”.

16/01/21 – Auckland (NZL)
36th America’s Cup presented by Prada
PRADA Cup 2021 – Round Robin 1
Luna Rossa Prada Pirelli Team

La diarchia Jimmy Spithill-Francesco Bruni oggi sembra aver funzionato bene, con il palermitano molto presente nelle chiamate tattiche a quanto si è sentito.

Domani atteso vento forte, con Luna Rossa chiamata a due match, con BRITAnnia e Patriot.

Classifica
INEOS Team UK 3-0
Luna Rossa Prada Pirelli 1-1
American Magic 0-3

La conferenza stampa di fine giornata:

Auckland– Saper vincere è un’arte. Farlo subito e in modo brutale aiuta a vincere ancora. Se lo si è fatto al massimo livello sportivo poi, quello olimpico, cosa volete che sia sopportare la pressione in America’s Cup e, anzi, sfruttarla per azzannare alla gola gli avversari? Questo, più o meno, è quello che ha sempre fatto Sir Ben Ainslie nelle sue cinque medaglie olimpiche (quattro ori, a cui si aggiunge quello del suo tattico Giles Scott) e che si è visto ieri notte nella prima giornata della Prada Cup.

Questa notte, sempre dalle 2:45 con la nostra diretta, primo match alle 3:00, si replica con day 2. Luna Rossa ha mostrato ottima velocità, ma adesso dovrà anche mettere il primo punto in classifica. Se la vedrà come primo match contro Patriot di American Magic, ieri apparsa in netta difficoltà di idee e freschezza agonistica. Nel secondo match nuova sfida tra BRITAnnia e Patriot.

Seguite qui la diretta del segnale internazionale (con Ken Read, Nathan Outteridge e Shirley Robertson) a cui potrete abbinare il nostro commento tecnico in diretta insieme a Vittorio d’Albertas, Pietro Pinucci. Per sabato notte, terza giornata, avremo come ospite Gabriele Bruni.

Il programma di day 2
Ore 3:00 Luna Rossa vs Patriot
Ore 3:50 Patriot vs BRITAnnia

Previsione di vento leggero tra 6 e 10 nodi da WSW nel pomeriggio, parzialmente nuvoloso.

Si regaterà in un campo tra il C e il D, un po’ più a sud est di quello usato ieri, che si è rivelato sin troppo stretto.

Gli hi-lights di day 1:

1 COMMENT

  1. Spettacolo a tratti davvero indecoroso. Davvero non si capisce perchè, credo per regolamento, non si possa cambiar vela all’occorrenza e secondo le condizioni meteo, come si fa su ogni barca, anche in regate di circolo. Questo è il top della vela e, con 8 nodi non possono ammainare il fiocco ed andare con i Code 0 che permetterebbero, in queste condizioni, un volo più costante ed una rotto più profonda. Oltretutto c’è la questione dei bompressi; a che servono???

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here