SHARE

Vigo– Potrebbe costare cara a un tranquillo velista galiziano la curiosità di vedere da vicino il superyacht russo A. Il mastodontico, e anche bruttino, A si trova in questi giorni nella Ria di Vigo, nel nord ovest della Spagna. Ben noto anche sulle coste italiane, dove ha fatto tappa nelle ultime estati, A si trova adesso a Vigo e, come sempre, è oggetto della curiosità di decine di barche locali.

Una di queste, però, un minuscolo cabinato con motore fuoribordo ausiliario ed equipaggio composto da nonno, mamma e due nipotini, ha calcolato male il ridosso enorme, provocato dalle alte fiancate di A, e ha finito col trovarsi senza vento e in balia della corrente, che lo ha poi portato a urtare la fiancata dell’enorme yacht.

La sequenza:

Dopo l’urto, con un membro dell’equipaggio di A che guardava imperterrito dal portellone laterale aperto, il nonno è riuscito ad accendere il fuoribordo e ad allontanarsi a marcia indietro dal mastodontico yacht. Certo un errore di valutazione ma che potrebbe come detto costare caro al abuelo gallego.

Nulla di grave, per carità, se non fosse che nella collisione la piccola barca a vela ha rigato per circa un metro la grigia fiancata di A. L’equipaggio, che ha ritratto la scena con le videocamete di bordo, ha riferito al comandante, che ha poi preso la decisione di denunciare il fatto all’autorità marittima di Vigo.
Secondo quanto riportato dal quotidiano locale La Voz de Galicia, il comandante di A ha depositato, attraverso la sua agenzia di riferimento a Vigo, la denuncia nella giornata di ieri.

Viste le dimensioni di A… potrebbe anche succedere che la riga sulla fiancata del superyacht comporti un risarcimento maggiore del valore del microcabinato colpevole…

 

A, il superyacht da 253 milioni di euro di proprietà del russo Andrey Melnichenko, non è l’unico ospite mastodontico della Rio di Vigo in questi giorni. A farsi vedere è stato anche il 180 metri Azzam, valore 600 milioni di euro, di proprietà del presidente degli Emirati Arabi Uniti. Dopo una sosta nelle spettacolari Islas Cies, all’ingresso della Rio de Vigo, Azzam si è diretto ai catieri Freire per un periodo di manutenzione.
Nella Ria, sempre per motivi di cantieristica, si è visto anche il tre alberi Sea Cloud.

A e Azzam nella Ria de Vigo. Foto Delfina Vicente Santiago

3 COMMENTS

  1. I have no doubt It is more pleasant to travel on a small yacht than on these hideous mammoth yachts resulting from a delirium of omnipotence. But which, in my opinion, should not even be launched into the sea for the simple reason that they offend the beauty of the sea itself.

  2. Il comandante di A, prima di far denunce, dovrebbe imparare a stare al mondo e le regole del l’andar per mare. Nel 2019 si è infilato in mezzo alla flotta della regata della Giraglia impegnata nel bordeggio dopo l’uscita dal golfo di st. tropez e diretta riverso la boa di disimpegno. Doveva andare a mettersi comodo in rada e arrivando dal largo ha proprio tagliato il campo di regata. Non sa Il poverino che deve precedenza alle vele. Lo dico perché c’ero.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here