SHARE

Roma– Che la nautica da diporto italiana siatra i protagonisti dell’eccellenza del Made in Italy è cosa nota. Insieme all’industria del Design, del legno arredo e del settore delle energie rinnovabili, la nautica italiana spicca come numeri e fatturato nella pubblicazione “L’Italia in 10 selfie 2021”, un’indagine frutto del lavoro di ricerca condotto da Fondazione Symbola e diffusa da Confindustria Nautica.

Il rapporto mette in luce la performance straordinaria del settore nel mondo, eccellenza riconosciuta, fortemente apprezzata e ricercata. L’Italia è leader per saldo commerciale, con più di 2 mld di dollari (2,2), davanti a Regno Unito (1,5), Paesi Bassi (1,4), Germania (0,7) e Polonia (0,5), ed è tra i maggiori esportatori, seconda solo ai Paesi Bassi, davanti a Regno Unito, USA, Francia e Germania. La nautica Made in Italy conta un fatturato globale di 4,78 mld di euro, di cui 1,64 mld nel mercato interno, e 23.510 addetti diretti, che diventano oltre 180.000 considerando tutta la filiera.

Il dossier fotografa come ogni anno le eccellenze e i punti di forza del nostro Paese ed è realizzato in collaborazione con Unioncamere ed Assocamerestero, con il Patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e il Ministero della Transizione Ecologica.

Tra gli altri aspetti in evidenza, il tema green e la sostenibilità, che caratterizzano positivamente il Made in Italy: circa un’azienda su tre in Italia, nel periodo 2015-2019, ha investito in prodotti e tecnologie green. Secondo il rapporto, l’Italia è anche al secondo posto per export di prodotti green e può giocare un ruolo chiave, sia in termini di crescita che di competitività economica, nella sfida della transizione verde. Segnali importanti anche per quanto concerne l’economia circolare: l’Italia conta la più alta percentuale di riciclo sulla totalità dei rifiuti prodotti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here